QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

D’ora in poi Google non dirà più alla polizia se stai per commettere un crimine

D’ora in poi Google non dirà più alla polizia se stai per commettere un crimine

Google Maps sta cambiando il modo in cui memorizza i dati sulla posizione dell’utente. D’ora in poi sul dispositivo stesso, rendendone impossibile l’accesso all’azienda, e quindi anche alle forze dell’ordine.

Per impostazione predefinita, la cronologia delle posizioni di Google Maps è disattivata, ma puoi attivarla. L’app Mappe tiene traccia regolarmente di dove ti trovi e a che ora sei in background, così potrai verificarlo tu stesso in seguito. Finora Google ha conservato questi dati online e la polizia e altre autorità possono richiederli a Google. In caso di crimine, ad esempio, può determinare chi si trovava nella zona. Un dipendente di Google conferma che ciò non sarà possibile a breve Forbes.

Memorizzando i dati solo sul dispositivo dell’utente, Google non potrà più accedervi, ha annunciato la società all’inizio di questa settimana. Ciò rende impossibili i cosiddetti inseguimenti della polizia, afferma un dipendente di Google che desidera rimanere anonimo. Nell’ambito della procedura di richiamo Google è tenuta, con il pretesto di un’indagine, a trasmettere tutti i dati relativi all’ubicazione delle persone coinvolte nel reato. “Il repository di dati sulla posizione di tutti risalenti a mesi o anni era un rischio, e Google sta lavorando per eliminare questo rischio”, ha detto a Forbes Jennifer Granik, un avvocato dell’American Civil Liberties Union.

Elimina siti specifici

Chiunque passi a un nuovo dispositivo può portare con sé i dati sulla posizione: vengono archiviati online in forma crittografata, quindi Google non può accedervi. Per coloro che attivano l’archiviazione della posizione per la prima volta, la cronologia ora viene conservata solo per 3 mesi per impostazione predefinita e poi eliminata. In precedenza, il valore predefinito era di 18 mesi. Se desideri conservare i dati per un periodo più lungo, puoi impostare il periodo automaticamente. La cancellazione automatica può anche essere completamente disabilitata.

READ  Recensione di Microsoft Surface Laptop 5: torna all'inizio

Inoltre, sarà possibile eliminare i dati GPS relativi ad una posizione specifica, mantenendo il resto dei propri dati. Google fornisce un esempio di festa a sorpresa in cui devi andare più volte nella stessa panetteria. Puoi quindi rimuovere quella panetteria dalla tua cronologia, in modo che sembri come se non fossi mai stato lì.

Queste modifiche verranno implementate su Google Maps per Android e iOS nei prossimi mesi. Secondo Google, gli utenti riceveranno una notifica quando sarà il momento.

Non perderti nulla, segui Il nostro canale su WhatsApp Oppure iscriviti alla newsletter Bright Daily.