QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il terremoto marziano più pesante fino ad oggi è durato dieci ore (ma non è ancora chiaro esattamente come abbia avuto origine)

Lo sconcertante terremoto marziano ha misurato 4,7 sulla scala Richter ed è durato per ore in più rispetto a qualsiasi terremoto rilevato in precedenza.

Nella tarda notte terrestre del 4 maggio 2022, il sismometro a bordo del lander su Marte InSight ha rilevato un grande terremoto sul Pianeta Rosso. Divenne presto evidente che questo terremoto marziano era lontano È stato il terremoto più potente mai rilevato. In un nuovo studio, i ricercatori stanno ora rivelando i primi dati su questo evento senza precedenti e da record.

Altro sulla ricerca dei terremoti marziani
Perché gli scienziati si preoccupano dei terremoti marziani? Osservare i terremoti su Marte non è fine a se stesso, ma un modo per comprendere meglio il Pianeta Rosso. Le onde sismiche viaggiano attraverso la crosta, il mantello e il nucleo del Pianeta Rosso e subiscono cambiamenti sotto l’influenza dei diversi strati all’interno di Marte e dei materiali che lo compongono. Studiando le onde e i cambiamenti che subiscono, i ricercatori possono comprendere meglio lo spessore e la composizione di questi strati interni. Si spera che questo dia loro un’idea migliore di cosa si trova sotto la superficie del pianeta (come l’acqua) e di come si formano la crosta e l’interno profondo. Questo, a sua volta, fornisce maggiori informazioni sulla formazione di Marte nel suo insieme e sul modo in cui si è formato il Pianeta Rosso, così come altri mondi rocciosi.

Fino a poco tempo fa, il terremoto dell’agosto 2021 con una magnitudo di 4,2 della scala Richter è stato il terremoto più forte di sempre. Ma quel precedente detentore del record è stato ora ampiamente estromesso.

Il più grande terremoto marziano
Il terremoto di maggio ha avuto una magnitudo di 4,7 sulla scala Richter, che lo ha reso cinque volte più forte. “Questo è sicuramente il terremoto più forte che abbiamo mai visto su Marte”, ha detto il ricercatore Taichi Kawamura. L’energia rilasciata sembra essere uguale a quella di tutti i precedenti terremoti marziani messi insieme. “Anche se l’evento si è verificato a più di 2.000 chilometri da Insight, le onde registrate dalla sonda erano così intense che il nostro sismometro era sovraccarico”, ha detto il ricercatore John Clinton.

READ  Questa nuova immagine composita del centro della Via Lattea è sorprendente

esattamente dieci
Ciò che è anche notevole è che il terremoto marziano è durato almeno 10 ore. E questo è sorprendentemente lungo. Il tremore rilevato in precedenza, infatti, non è durato più di un’ora. Durante queste 10 ore, i ricercatori hanno anche osservato per la prima volta le onde superficiali che si muovono lungo la crosta e il mantello superiore. “Queste onde hanno fatto il giro del pianeta molte volte”, ha detto Clinton.

epicentro
Dopo ulteriori analisi, sembra che l’epicentro fosse vicino, ma ancora fuori Cerberus Fosai; La regione più sismicamente attiva del Pianeta Rosso. E questo è strano. La posizione dell’epicentro non può essere collegata a caratteristiche geologiche note. Ciò significa che al momento non è chiaro esattamente come abbia avuto origine il peggior terremoto mai misurato su Marte. Il motivo potrebbe coinvolgere caratteristiche nascoste più in profondità nella crosta del pianeta, anche se questa è ancora una speculazione.

vulcanicamente attivo
Per coincidenza, come sulla Terra, si pensa che la maggior parte dei terremoti marziani rilevati siano causati da improvvisi spostamenti della crosta. Come ciò avvenga rimane una questione aperta. Qui sulla Terra, i terremoti sono generalmente causati dal movimento delle placche tettoniche che costituiscono la superficie terrestre l’una rispetto all’altra. Tuttavia, la superficie di Marte non è composta da placche. Pertanto, si sospetta che i terremoti abbiano avuto origine in regioni vulcanicamente attive del Pianeta Rosso.

Le onde sono ad alta e bassa frequenza
Infine, Marsquake a maggio è stato eccezionale per un’ultima ragione. Gli scienziati ritengono che i terremoti marziani abbiano “due gusti”. D’altra parte, conosciamo le onde ad alta frequenza caratterizzate da vibrazioni veloci ma brevi. Conosciamo invece le onde a bassa frequenza, in cui la superficie si muove lentamente, ma con un’ampiezza maggiore. Il terremoto di maggio-Marte è stato raro, poiché aveva caratteristiche sia di alta che di bassa frequenza. “Questo probabilmente significa che i tremori a bassa e alta frequenza registrati in precedenza sono in realtà due facce della stessa medaglia”, ipotizza Kawamura.

READ  La PlayStation 5 modificata di Sony è più leggera, più efficiente dal punto di vista energetico e si raffredda meglio

Mentre lo studio dei ricercatori ha risposto ad alcune domande sul terremoto di Marte da record, ha anche sollevato nuove domande. Se Insight possa ancora aiutare a rispondere a questo è discutibile. La polvere marziana che cade sui pannelli solari è lenta ma sicuramente fatale per il lander. Di conseguenza, negli ultimi mesi, i ricercatori hanno visto la sonda perdere sempre più potenza. Quindi non ci si aspetta che l’intuizione viva a lungo. “Tuttavia, siamo molto lieti che alla fine della vita lavorativa di Insight, siamo stati in grado di assistere a un evento così straordinario”, afferma Kawamura. “Sulla base dei dati raccolti, posso solo dire che la missione è stata un successo straordinario”.