QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il terzo sospettato belga di azione per il clima in “Ragazza con l’orecchino di perla” condannato a due mesi di prigione: “Questo non è quello che sono veramente” | All’estero

Un giudice di polizia ha condannato oggi il terzo sospettato per l’impatto climatico del famoso dipinto “La ragazza con l’orecchino di perla” a Mauritius all’Aia a due mesi di carcere, con una pena sospesa a un mese. Questa è la stessa punizione che hanno ricevuto ieri gli altri due attivisti belgi. David Steman ha espresso il suo rammarico in tribunale questo pomeriggio. “Mi dispiace così tanto di aver oltrepassato i limiti con quello”, ha detto. “Non è davvero chi sono”. Il suo avvocato ha già annunciato che farà ricorso.

Giovedì scorso, David Stemann, 45 anni, di Dendermonde ha lanciato una lattina di finta zuppa rossa all’attivista Water Mouton durante il lavoro sul clima al Museo olandese. Parla anche: “Come ti senti quando vedi qualcosa di bello e inestimabile che viene distrutto davanti ai tuoi occhi?” Gridò – e appese il pugno sinistro alla tavola su cui era montato il capolavoro. Nel frattempo, Mouton ha messo la testa sul vetro per il dipinto stesso. Ritratti di terzo uomo, il fotografo belga Peter J. , Tutto quanto.

riconsiderando: Attivisti diffamano “la ragazza con l’orecchino di perla” a Mauritius

stessa punizione

Il famoso dipinto del pittore olandese Johannes Vermeer non è stato danneggiato durante la promozione, ma la cornice e il pannello posteriore sono stati danneggiati. C’è stato molto scalpore per le azioni degli attivisti per il clima nella famosa opera d’arte. Altrove, sono stati imbrattati anche dipinti di Vincent van Gogh e Claude Monet.

I pubblici ministeri hanno chiesto questo pomeriggio una condanna a due mesi di reclusione per Steimann nel tribunale dell’Aia, sospesa per un mese. Il giudice ha seguito l’esempio. Pertanto, la pena detentiva inflitta è pari alle sentenze già pronunciate mercoledì Per gli altri imputati con lui stato imposto. Mouton è rimasto scioccato dalla gravità della punizione e Nel frattempo ha presentato ricorso. Dopo l’udienza, il suo avvocato ha annunciato che anche Steiman avrebbe presentato ricorso.

READ  Henry Cavill lascia "The Witcher" per andare a Superman

riconsiderando: Condanne al carcere per aver mutilato “la ragazza con l’orecchino di perla”

“Non pacifico”

Il giudice ha ritenuto provata la distruzione e ha classificato l’azione contro il prezioso patrimonio in aperta violenza. Ha spiegato che questo pomeriggio era sufficiente imbrattare e dipingere.

Il messaggio degli attivisti è stato descritto come poco chiaro ai visitatori dell’hotel Mauritius. “La relazione tra il patrimonio nazionale e il dibattito sul clima non è evidente”. Giudichi che Steeman abbia oltrepassato il limite. “Il trauma causato dall’opera non può essere considerato pacifico. La tela stessa non è danneggiata, ma parti della tela sono danneggiate, come la lastra di vetro e il coperchio del piatto posteriore.”

“Volevo migliorare qualcosa”

Steemann stesso ha dichiarato in tribunale: “Sono consapevole della gravità della crisi climatica”. “Avevo intenzione di mettere la crisi climatica nel dibattito pubblico con questo. Volevo migliorare qualcosa con quello. Spero di avere la possibilità di rimediare a quello che ho fatto”.

“Diligente”

Steemann ha anche affermato di aver agito con cautela. “Abbiamo fatto attenzione a non danneggiare il piatto. Mi sono assicurato che la zuppa finta non fosse dannosa. Era acqua e colorante naturale, per essere sicuri di non causare alcun danno”. Ha descritto la mossa come “un atto di protesta politica”.


citazioni

“Una volta, ma mai più”, dice ora. Non si impegnerà più in affari di questo tipo.

L’avvocato William Gebenk

Steeman è in custodia da più di una settimana. “Il mio cliente ora deve temere per il suo lavoro”, ha detto il suo avvocato, Willem Jepink, nella sua richiesta. Ora dice: una volta, ma mai più. Non si impegnerà più in atti di questo tipo”.

Gebinek ha quindi annunciato che presenterà ricorso e chiederà anche al tribunale di sospendere la detenzione il prima possibile in attesa del ricorso. L’avvocato ha definito “brutale” ieri la condanna degli altri attivisti.

rischio

“Le azioni degli imputati di legarsi a un capolavoro e imbrattare il dipinto con una sostanza rossa non hanno nulla a che fare con il diritto di manifestare”, ha affermato il pubblico ministero. Il diritto alla protesta finisce dove inizia la violenza aperta del museo”. Secondo l’ufficiale, questa azione ha portato a notevoli turbamenti nella comunità sull’integrità del patrimonio culturale. “Le cose avrebbero potuto andare storte. Parliamo di arte antica. I sospetti hanno corso un grosso rischio”.

Il capolavoro è ora tornato al suo posto al Mauritshuis Hotel dell’Aia. © AFP