QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il viceministro italiano della Cultura ha rubato dipinti del XVII secolo?

Il viceministro italiano della Cultura ha rubato dipinti del XVII secolo?

È scomparso una notte nel 2013 La cattura di San Pietro Da un piccolo castello nella campagna piemontese non lontano da Torino. Il proprietario annuncia il progetto di ricerca Rapporto Nei mesi precedenti al furto ricevette la visita di un amico del viceministro Vittorio Scarpi, che le chiese se il dipinto fosse in vendita. Lo storico dell'arte Scarpi dovette conoscere anche l'opera del pittore toscano Rutilio Manetti (1571-1639). Ha visitato il forte, dove si trovava un ristorante, più volte negli anni precedenti la rapina.

Ad oggi non è chiaro chi abbia rubato questo dipinto. Tuttavia, nel 2021, in una mostra a Lucca, in Toscana, è stata esposta una tela che sembrava sospettosamente un’opera rubata. Curatore della mostra? Vittorio Scarpi, allora deputato al Parlamento. Nel catalogo Scarpi annota che l'opera è stata rinvenuta in una villa di proprietà della sua famiglia vicino a Viterbo, a nord di Roma.

Aggiunta candela originale

I giornalisti non sono gli unici a dubitare di questa origine Rapporto e quotidiano Il Fatto Quotidiano, che hanno svolto le indagini, ma ora anche la polizia italiana. È forte il sospetto che il dipinto di San Pietro presentato da Scarpi alla mostra del 2021 sia la stessa tela rubata in Piemonte nel 2013.

C'è una differenza: il dipinto in mostra ha una candela nell'angolo in alto a sinistra, che manca nella tela originale. Secondo i giornalisti investigativi si trattava di una modifica deliberata effettuata per conto di Sgarbi per rendere meno facilmente identificabile il dipinto rubato. Lo stesso politico afferma che si tratta di due dipinti diversi. Secondo lui l'opera rubata in Piemonte è un falso, mentre l'opera che presenta nella sua mostra è un originale.

Esportazione illegale di arte

Da qualche tempo è in corso un'indagine legale sul business artistico del politico, con le autorità italiane che hanno sequestrato le tele di Scarpi per un'indagine la scorsa settimana. Nel 2021, le autorità hanno aperto un'indagine sull'esportazione illegale di un altro dipinto del pittore francese Valentin de Boulogne. L'opera, del valore di 5 milioni di euro, fu sequestrata dalla polizia di Monaco nel giugno dello stesso anno dopo aver lasciato la casa di Scarpi nel nord Italia.

Ciò non ha impedito al primo ministro Giorgia Meloni di nominare Scarpi viceministro della Cultura nell'ottobre 2022, che sarà responsabile della salvaguardia del patrimonio italiano insieme al ministro. Scurby ha anche annunciato questa settimana che non ha intenzione di dimettersi. Invece, ha attaccato i giornalisti che hanno esposto il problema. “Questa è calunnia. I dubbi sono la loro arma.

All'inizio di questo mese, il viceministro della Giustizia Andrea Delmastro partecipava a una festa di Capodanno quando la pistola di un deputato di Fratelli d'Italia ha sparato. Uno ha riportato ferite lievi. Il deputato è stato sospeso dal partito e la sua licenza di porto d'armi revocata. Per Delmastro la questione non ha conseguenze politiche.

READ  Bizzarro licenziamento in Italia: allenatore di club dilettanti attraverso la polvere dopo un pugno