QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il virologo Ab Osterhaus: “Penso che siano necessarie misure aggiuntive in altri Paesi, Belgio compreso”

I Paesi Bassi sono di nuovo chiusi da sabato, fino al 14 gennaio. I negozi non essenziali, le scuole e gli esercizi di ristorazione sono stati chiusi, tra gli altri, per limitare la diffusione della variante omikron. Il virologo olandese Ap Osterhaus avverte che “sono necessarie misure più severe anche in altri Paesi europei”.

Cosa ne pensate di questa nuova chiusura?

AB Osterhaus: “Ho già detto molte volte che se non c’è chiusura, prima o poi avremo un problema serio. Ora abbiamo una grande percentuale di persone che sono state vaccinate nei Paesi Bassi. Oltre i 18 anni, questo percentuale è superiore all’85 per cento, è troppo, ma nel frattempo abbiamo visto che i vaccini proteggono meno della variante omicron, soprattutto nelle persone vaccinate da molto tempo. persistere.

“Inoltre, i bambini sotto i cinque anni non sono vaccinati e nella fascia di età 5-18 anni il tasso di vaccinazione è molto più basso che negli adulti. Anche gli ospedali olandesi sono pieni al momento e le cure regolari sono state ridotte. Anche il personale ospedaliero può essere infetto, ovviamente.Questo La combinazione rende difficile dire: “Lascia perdere e vedremo dove finisce la nave”.

C’è ancora abbastanza sostegno da parte della popolazione per continuare a seguire le misure?

“All’inizio della pandemia, il sostegno alle misure nei Paesi Bassi era compreso tra l’80 e il 90 percento. Il sostegno per la politica Corona è ora intorno al 30 percento. Questo è ovviamente un problema. Ma i virologi stanno elaborando scenari che possiamo aspettarci. Non puoi t devi sempre andare a scenari apocalittici, ma in passato i Paesi Bassi hanno già scelto il percorso più agevole e sono state prese una serie di decisioni che lo hanno reso completamente sbagliato. Con i dati che ora abbiamo sulla nuova variante, non sappiamo ancora fino a che punto questo virus provoca sintomi più o meno gravi rispetto alle precedenti varianti di Corona, è necessario un arresto, anche se questo è preoccupante per molti settori.

Pensi che il Belgio e gli altri paesi vicini dovrebbero fare lo stesso?

“Penso che siano necessarie misure aggiuntive in quei paesi, sì. I paesi in cui le cose vanno davvero male sono Gran Bretagna e Danimarca. Stanno già prendendo misure più dure, come la Francia. Anche l’Austria è molto restrittiva in questo momento”.

La differenza con i Paesi Bassi è che il Belgio si è già rafforzato di più. È abbastanza per fermare Omicron?

“Non è abbastanza, ma lo ridurrà. Non ci sono assoluti, ma ogni piccolo aiuto aiuta. È un po’ come un iceberg. Se l’iceberg è alto sopra l’acqua – sei appena stato vaccinato – prenderà tutti i tipi di varianti. Ma se ci vuole più tempo. Con la vaccinazione, l’iceberg affonderà sott’acqua e ne rimarrà solo la punta e avrai meno protezione”.

Quanto tempo dobbiamo convivere con il virus?

“Prevedere i prossimi anni è molto difficile. Ma c’è la possibilità che nuove varianti continuino a emergere se non aumentiamo i tassi di vaccinazione in tutto il mondo. Ma cresce anche la resistenza della popolazione contro questi virus. Anche l’influenza suina è un virus. che non è mai andato via, ma si è evoluto in un virus Influenza invernale.Questo potrebbe essere anche uno degli scenari con il coronavirus”.

READ  Gli olandesi attraversano in massa il confine per lo shopping natalizio