QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Immagina di essere in un castello da favola al Castello di Rezio in Umbria.

Immagina di essere in un castello da favola al Castello di Rezio in Umbria.

C’era una volta un conte italiano e la sua Donna che salvarono dalla distruzione un castello medievale. Lo hanno ristrutturato nel corso degli anni e lo hanno chiamato Castello di Rezio, un hotel stravagante tra le verdi colline dell’Umbria. Fai il check-in per un’avventura avvincente e lasciati completamente incantare.

Se le mura del Castello di Rezio potessero parlare, racconterebbero la leggenda del primo Conte di Rezio, il marchese Ranieri di Ugolino del XIV secolo. O l’Arcivescovo di Toddy, il cui stemma risale al 1610 e ancora campeggia sopra l’ingresso. Ma la storia migliore è forse quella degli ultimi residenti, il conte Benedict Bolsa e sua moglie, Nancy Corzini. Fino a poco tempo fa vivevano lì una coppia aristocratica con i loro cinque figli, mentre il tetto quasi cadeva sulle loro teste. Benedict: “È sempre stato il nostro sogno trasformarlo in un grand hotel. Il castello era troppo grande per noi soli. Abbiamo alloggiato in un casino di stanze al primo piano, l’unico spazio abitativo.

Il cortile del Castello di Rezio, attorno al quale si trovano la maggior parte delle camere dell’hotel.

Conta le rovine

Benedict non è atterrato qui per caso. Nel 1984 suo padre, il conte Antonio Bolza, acquistò una casa fatiscente con una torre dell’orologio nella vasta tenuta di Rezio. L’uomo non sapeva che c’erano 50 rovine intorno a lui. Dieci anni dopo fece un patto con gli allora proprietari: i Bolza avrebbero acquistato l’intera tenuta di 1500 ettari, compresi tutti i ruderi, una manifattura tabacchi e il castello. Intanto Benedict torna da Londra con in tasca un diploma di architetto. Ben presto le sue mani furono occupate. “È iniziato con una vera ricerca di tutte le fattorie abbandonate, perché la maggior parte di esse era ricoperta di vegetazione fino ai bordi. Inoltre, non avevamo il budget per iniziare i lavori di ristrutturazione. Non volevamo fare affari con l’una o l’altra catena , che fa un grande campo da golf. Volevamo fare qualcosa di organico, che fosse generazionale. Lo sviluppo è un progetto a lungo termine. Insieme ai singoli acquirenti, abbiamo avuto l’idea di far rivivere tutte le rovine una per una. Poi ci concentreremo sull’hotel centrale.

READ  La fine della vita? Sony Golfrell non è più autorizzata a correre con il defibrillatore in Italia

Nei decenni trascorsi da quando Antonio Bolza ha acquistato la tenuta Rezio, suo figlio ha restaurato 21 case coloniche originali per famiglie in tutta Europa, Regno Unito e Stati Uniti. Inoltre ne ha ristrutturato uno per i suoi genitori, uno per la propria famiglia e sette in affitto. Spesso si trattava di poco più di qualche pilastro indebolito, ma in alcuni casi eccezionali erano ancora intatti quattro muri e persino parte del tetto. Per i cacciatori di case che soccombevano al fascino del territorio, c’era sempre una condizione decisiva: solo Benedict Bolsa poteva progettare, costruire e arredare la loro nuova casa.

Dai un’occhiata a uno dei progetti di ristrutturazione di Benedikt. L’uomo ha occhio per i dettagli, questo è sicuro.

La domanda per un ranch bolsa ristrutturato sta superando l’offerta, considerando la Nikon Valley. Una posizione di lusso per l’architetto 49enne che ama selezionare accuratamente gli acquirenti. Si prende il suo tempo per trovare la giusta misura. “Non ci sono due case a Ratio uguali”, spiega. “Ognuno di loro ha la sua impronta e il suo passato. Non voglio distruggerlo. Lavorare con strutture esistenti e vecchi materiali è sicuramente una sfida. Giochiamo costantemente con i limiti, ma è qui che risiede la bellezza di ogni aggiornamento. Il costruttore giusto lo capisce. Voglio creare una comunità di persone che la pensano allo stesso modo qui.

Fatto in Italia

Parliamo di una sfida: nel 2016, i Bolsha hanno finalmente pensato che fosse il momento giusto per affrontare l’antico forte. Negli undici anni vissuti lì, hanno creato l’immagine perfetta di come dovrebbe essere un hotel: lussuoso e con tutti i comfort moderni – riscaldamento a pavimento e fantasiose macchine da caffè nelle camere – ma come se non ci fosse nulla. Cambiato lì più di mille anni. “È stata la prima volta che mi è stato permesso di progettare per me stesso. Sono diventato il cliente più esigente di tutti”, ride Benedict. “Non voglio nessun cavo, tubo o sistema di aria condizionata in vista. Ma questo è più facile a dirsi che a farsi in un edificio medievale con muri spessi due metri.

READ  Skeleton, slittino e bob non saranno in Italia durante i Giochi Invernali 2026
Hotel, Rapporto, Italia
Nancy e Benedict Bolza su Palm Court. Sei venuto qui per rilassarti e sorseggiare un Negroni.

Lo stile del Castello di Rezio è il glamour vintage, l’Italia degli anni ’30. Pianoforte Steinway e sedili in velluto verde nella corte delle palme, biblioteca con camino e scacchiera, camere d’albergo e piastrelle in cotto, mobili da bagno in marmo e lavandini in ottone. Ogni dettaglio respira la storia. Ogni mobile che vedi è made in Italy. “Odio gli hotel costosi con mobili scadenti”, dice Benedict. “Sostituisci un materasso, ma ancora non hai un letto o un tavolo? Dovrebbero durare una vita.” Bolzano ha riempito il castello di mobili autoprodotti e antichi che Benedict e Nancy hanno raccolto durante i loro numerosi viaggi in Italia e durante la fiera semestrale Mercanteinfiera in Birmania. Portano i prodotti più unici alla Tabaccia, antica fabbrica di tabacco di Rezio e oggi centro creativo dell’intera tenuta. Project manager, designer, creatori di contenuti e il team di marketing lavorano fianco a fianco qui.

Camera suite in hotel.

Un sogno bagnato

Anche il marchio di design di Benedict, BB Rescio, ha una nicchia lì, con uno studio dove assembla lui stesso vari mobili. Ciò che non può essere fatto internamente, lo affida ad artigiani locali che hanno imparato l’artigianato italiano. Hanno contribuito a realizzare il sogno bagnato di Benedict: una piscina ovale che sembra uno specchio luminoso sul prato. Chi torna a tarda notte dal ristorante Alle Scuderie vicino alle scuderie assiste a un miracolo: due barche spuntano dal nulla, in mezzo allo stagno, coprendone ciascuna una metà. Oltre ad una magica piscina, l’hotel dispone di una casa sul lago che si può affittare per la giornata, un maneggio con più di 30 purosangue spagnoli, campi da tennis, una bottega con cappellini da sole intrecciati a mano e pantofole di seta veneziana, un uliveto, orti, boschi e Una scuola di cucina con laboratori culinari come guide dei vigneti, un cinema all’aperto… Durante il vostro soggiorno, assisterete anche a uno spettacolo teatrale annuale messo in scena dalla famiglia Bolza. con i loro parenti e amici. Nenzia ha girato l’Italia con la compagnia per anni – “come un circo senza elefante” – ma da quando l’hotel ha aperto, il pubblico si è semplicemente accalcato.

READ  Il presidente Italia vuole riparare la rottura dell'alleanza di governo
La piscina del Castello di Rezio è come uno specchio scintillante sul prato.

Perle ai porci

Sembrano agli antipodi: Benedict, ogni giorno immersa nei minimi dettagli, e Nancy, dall’aria casual con abiti vintage e rose selvatiche tra i capelli. Ha studiato arte per un periodo in Belgio e ha conosciuto Benedict quando ha disegnato uno dei suoi primi progetti di ristrutturazione. È amore a vista. Oggi a volte la si vede con il pennello in mano: i bellissimi affreschi della chiesa della Ratio portano il suo timbro. Ma la sua vera passione? Questa è l’agricoltura dei campi. Nancy: “Ogni azienda agricola italiana aveva il proprio telaio per produrre lenzuola e altri tessuti. Questo è quello che vogliamo fare qui. O almeno ci proviamo. Il nostro primo raccolto di canapa è stato distrutto dai cinghiali. Quegli animali mangiano tutto! (Ride) È pieno di elogi per il vino, il gin, il liquore, il miele e gli oli fatti in casa da Rescio. L’olio di girasole viene utilizzato anche nelle buie grotte dello stabilimento balneare, dove la terapista Maria Froio fa appello a tutti i sensi. Sua nonna era un medico del villaggio e sapeva come curare ogni tipo di disturbo con intrugli a base di erbe. Quindi non temere quando Maria si strofina dalla testa ai piedi con guanti di ortica e spazzole di crine. Ve lo garantiamo: lascerete la cantina un tempo ben fornita del castello con la sensazione di rinascere. Il Marchese Ranieri di Ugolino dovrebbe saperlo…

A sinistra: Vista dalla terrazza del ristorante Al Castello. A destra: la vecchia cantina è oggi uno stabilimento balneare dove rilassarsi.

Da € 870/notte, colazione inclusa. Oppure prenota una casa in affitto splendidamente ristrutturata a Bell’Aria, Grugliano o altrove. C’è un grosso cartellino del prezzo attaccato, ma puoi sognare gratis reschio.com possono anche

I sogni sono ancora in Italia? Trovali qui!