QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In Italia il dibattito sulla guerra in Ucraina è amaro

Quattro giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il ministro degli Esteri italiano Luigi de Mayo si è imbarcato su un aereo per Algeri per discutere di forniture di gas su larga scala all’Italia. L’Italia punta a più gas da altri fornitori come Azerbaigian, Tunisia, Libia e Qatar.

“Ci affidiamo troppo alla Russia per la nostra energia?” In Italia, del resto, divenne presto un’arte retorica. Roma non è l’unico paese che importa il 45 per cento del proprio gas dalla Russia, che importa gas E più pesante nel mix energetico italiano Rispetto ad altri paesi europei.

Poiché molte società private italiane hanno importanti interessi commerciali in Russia, è presto emersa la domanda se l’Italia avrebbe cambiato approccio in questa crisi. Anche quella questione è presto scaduta, grazie alla chiara posizione del premier italiano Mario Troki, che ha sostenuto un forte legame europeo e forte atlantico. L’Italia ha subito scelto le fila dell’Unione Europea e della Nato, dimostrando piena solidarietà all’Ucraina.

Drake è stato veloce nell’aggiungere sfumature. Il presidente del Consiglio ha ammesso di temere le conseguenze delle sanzioni contro la Russia per la propria economia e che l’Italia ha espresso forti obiezioni alle sanzioni nel settore energetico. Ancora una volta, l’Italia non vuole ignorare il petrolio russo – Ma la Germania dice la stessa cosa. Insomma, in nessun momento di questa crisi Roma si è isolata all’interno dell’UE o della NATO.

Fraternità

In Italia, governo e parlamento – c’è una sola opposizione, e i fratelli italiani di estrema destra, come denuncia Putin – sono sorprendentemente dalla stessa parte della Fratellanza. Robert Fico, portavoce parlamentare del Movimento Cinque Stelle, ha detto che il sentimento filo-russo era stato notato tra la Lega di destra e il movimento Cinque Stelle contro l’establishment, ma ora erano “voci isolate”. Lunedì sul giornale Corriere della sera

READ  Tempo tranquillo per Ajax e Max Verstappen in Italia

Anche il politico di estrema destra Matteo Salvini, che qualche anno fa posò trionfante con la maglia di Putin sulla Piazza Rossa, ora condanna l’invasione russa dell’Ucraina. Dopo una svolta che non è considerata da tutti credibile, Salvini si presenta improvvisamente come un pacifista. Noto per la sua posizione anti-immigrati, ora crede che gli Stati membri europei dovrebbero accogliere i rifugiati di guerra ucraini. A questo scopo Salvini aveva già lavorato al confine polacco-ucraino, dove il sindaco polacco aveva invitato gli italiani. Ha sottolineato con dolore la sua vecchia ammirazione per Putin

In Italia, il grande consenso politico sull’Ucraina porterà all’intensificarsi del dibattito pubblico. È interessante notare che in un paese in cui di solito c’è poco spazio nei suoi programmi televisivi o nelle colonne dei giornali per ciò che sta accadendo al di fuori dei propri confini, ad eccezione degli Stati Uniti, c’è un’attenzione molto stretta sulla guerra. I principali giornali questa volta hanno inviato diversi giornalisti in Russia e Ucraina per riferire sull’occupazione russa dell’Ucraina. Non è altro che quello in TV, che dura per ore nei dibattiti e fino alla sera.

Tempesta mediatica tossica

Chiunque tenti di criticare o commentare sottilmente l’esplicita posizione pro-europea corre il rischio di una tempesta mediatica tossica. È successo di recente a un sociologo ed esperto di terrorismo Alessandro ArsenicoGuido Carly è docente presso l’Università privata Libera International Daily Study Socialist di Roma, dove dirige anche l’International Security Center.

Orsini ha detto alla televisione italiana che Putin aveva la piena responsabilità militare per la guerra in Ucraina, ma che considerava l’Unione europea politicamente responsabile di ciò che ha descritto come “prevedibile”. Orsini ha detto che nessuna superpotenza, in particolare gli Stati Uniti, tollererebbe che un vicino persegua una politica estera che mette in pericolo la sicurezza nazionale della superpotenza.

READ  Brexit News: pescatori italiani arrabbiati perché il Regno Unito si impadronisce della quota di tonno dell'UE | Politica | notizia

L’autore ha confrontato la crisi dei missili cubani nel 1962. “Gli Stati Uniti hanno anche chiarito a Cuba: se metti missili sovietici nel tuo territorio, ti schiererò”, ha detto Orsini. Partendo dal presupposto che oggi il Messico sia dalla parte di Putin, ha continuato: “Ad esempio, gli Stati Uniti distruggeranno senza dubbio il Messico assassinando il presidente o incitando alla guerra civile”.

Quanto all’Europa, il professore ritiene che la linea rossa, che non va mai oltrepassata, debba intaccare la sicurezza dei propri cittadini. Orsini ritiene che appoggiando indiscutibilmente il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky, l’Europa corre il rischio di essere trascinata in una nuova guerra mondiale. “Possiamo accettare il fallimento del piano dell’UE per evitare la guerra? Oggi l’Europa fornisce armi.

Parole dure che costano all’Orsini. Giornale Il Messaggero, In cui il professore aveva un paragrafo, fagli sapere che la collaborazione non proseguirà dopo la sua apparizione sui media. Sui social media, l’autore ha scritto il 10 marzo di essere stato “sotto pressione per smettere di parlare dell’Ucraina in televisione” e di essere stato vittima di una campagna diffamatoria.

L’Università degli Orsini ha diffuso un comunicato in cui l’ateneo – senza citare il nome del professore – ha preso nettamente le distanze dalle sue apparizioni mediatiche. Il professore, che ha ricevuto numerose dichiarazioni di sostegno online, ha affermato che chiunque abbia una petizione ha paura della sua carriera accademica e ora parlerà in TV a suo nome.