QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“In Occidente, la precisione è la norma, e in Russia vengono sparate più spesso grandi quantità di munizioni ‘stupide’.”

“In Occidente, la precisione è la norma, e in Russia vengono sparate più spesso grandi quantità di munizioni ‘stupide’.”

Dall’inizio dell’invasione russa lo scorso anno, l’Ucraina ha ricevuto armi, compresi i missili, per decine di miliardi di euro. Ma cosa ha esattamente il Paese? Come contribuiscono alle tattiche ucraine sul fronte? Cosa rende queste armi così importanti? Panoramica.

Pietro Sabel E Eric Fairwell

Robotyne sarà verde nell’estate di luglio 2022. L’erba cresce alta nei prati che circondano gli edifici in pietra, dove vivono circa cinquecento persone. Alla fine di settembre del piccolo villaggio sul fronte meridionale dell’Ucraina non era rimasto quasi nulla. Invece dell’erba, i campi sono pieni di buche e buche, mostrano le immagini satellitari. Il risultato di mesi di bombardamenti di artiglieria.

Dall’inizio dell’invasione, Ucraina e Russia si sono attaccate a vicenda con gli obici, grossi cannoni in grado di coprire una distanza relativamente breve. La sua portata è fino a 50 chilometri. Inizialmente, l’Ucraina disponeva principalmente di artiglieria e munizioni russe, ma ora l’esercito dispone di quasi mille pezzi di artiglieria forniti dall’Occidente e da altri alleati.

Dall’attacco della primavera del 2023, le due parti sono rimaste unite. Ci sono intensi combattimenti sul fronte, ma Ucraina e Russia non stanno ottenendo significative conquiste territoriali. Tuttavia, i bombardamenti di artiglieria continuano, causando gravi distruzioni in villaggi e città come Ropotain, Soledar e Bakhmut.

Un (anonimo) funzionario governativo occidentale ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters all’inizio di settembre di stimare che la Russia avesse già sparato tra i 10 e gli 11 milioni di proiettili di artiglieria sull’Ucraina dall’inizio dell’invasione. In linea con questa affermazione, fonti americane stimavano alla fine dello scorso anno il numero di proiettili sparati ogni giorno dalla parte russa a più di ventimila, e a circa quattromila da parte ucraina.

Ma l’artiglieria da sola non sarà in grado di portare l’Ucraina lì. La portata è limitata e non tutte le granate possono regolare la propria traiettoria per colpire con precisione il bersaglio. Quindi il paese aveva bisogno di un’arma migliore all’inizio della guerra.

Quest’arma di punta è arrivata nel giugno 2022. Il motivo per cui quest’arma è così importante per l’Ucraina è chiaramente evidente durante l’attacco dell’inizio di agosto di quest’anno.

READ  “Grazie per il tuo sostegno, Leo!”: Bolsonaro starnutisce al Leonardo DiCaprio dopo aver invitato a votare per i giovani brasiliani | all'estero

Nel video si vedono cinque unità di fanteria russa in luoghi diversi tra gli alberi sparsi sulla lunga distesa soleggiata dell’isola di Gerilhakh nel Mar Nero, a 75 chilometri dalla città di Kherson. Uomini in abiti verde scuro, un veicolo di fanteria qua e là. Le riprese sono state effettuate dall’alto ed erano visibili cinque colonne di fumo. Si tratta di un attacco mirato con missili lanciati dal sistema HIMAR che, secondo l’Ucraina, uccide centinaia di russi.

Il raggio d’azione dell’esercito ucraino è stato notevolmente ampliato con la consegna dei missili HYMARS, abbreviazione di High Mobility Artillery Missile System. Ciò consente ai missili di essere lanciati in modo molto preciso contro obiettivi russi. I missili Himars hanno bombardato almeno 68 obiettivi dall’inizio dell’invasione russa alla fine di febbraio 2022. Ciò includeva spesso edifici in cui sarebbero state di stanza le truppe, ma i missili sono stati lanciati anche contro ferrovie, ponti e depositi di munizioni.

Oltre a queste armi americane, l’Ucraina dispone anche di sistemi simili forniti da altri paesi. Un vantaggio è che il sistema d’arma può essere facilmente spostato. Lanciati dai missili Himar, i missili M-30 GMLRS possono colpire il bersaglio con una precisione di un metro e avere una portata massima fino a 80 chilometri.

Ciò ha conseguenze dirette per la Russia. Con l’attacco preciso al ponte sul fiume Dnepr nel luglio dello scorso anno, l’Ucraina ha interrotto la via di rifornimento della Russia verso la città di Kherson. Il sistema d’arma ha quindi svolto un ruolo importante nel riconquistare la città, occupata dalla Russia nel novembre dello scorso anno.

Usando questo tipo di armi, l’esercito elimina i bersagli lontani dalle linee. Non solo personale militare, ma anche aree di deposito di munizioni e carburante e linee di rifornimento russe. “Il termine tecnico è embargo”, afferma l’esperto di difesa Peter Venninga del Centro di studi strategici dell’Aia. “Cercare di rendere più difficile per l’avversario continuare a combattere attaccando i suoi magazzini e le linee di rifornimento. Ma questo non significa che dietro le linee si sia aperto un secondo fronte. Tutto è collegato. L’obiettivo degli attacchi in profondità nei territori occupati è per sostenere la guerra di terra al fronte”.

L’ingresso di Himars sul campo di battaglia rende qualsiasi deposito di munizioni russo entro 50 miglia dal fronte un potenziale bersaglio. Ciò costringe l’esercito russo a spostare i magazzini in una posizione più lontana, il che a sua volta complica il processo di rifornimento delle forze sul fronte.

Ma dopo il successo iniziale con i missili Himar nell’autunno del 2022, l’avanzata dell’esercito ucraino si è arrestata e la richiesta di armi più pesanti e con una gittata più lunga è diventata più forte. L’esercito russo si era fortificato lungo tutta la linea del fronte. Da quest’anno, l’Ucraina dispone di armi che possono arrivare più lontano dietro le linee.

READ  Il cancelliere di Harvard si scusa dopo la vaga risposta alla domanda se l'antisemitismo è tollerato all'università | al di fuori

Spessi pennacchi di fumo nero si innalzano sopra le colonne bianche del quartier generale della flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli. L’edificio è stato colpito da due missili, molto probabilmente missili da crociera Storm Shadow, venerdì 22 settembre.

Lo stesso tipo di missile ha causato gravi danni ad un sottomarino e ad una nave nel bacino di carenaggio di Sebastopoli più di una settimana fa. L’Ucraina sostiene che l’attacco al suo quartier generale aveva come obiettivo una riunione dei comandanti navali russi e che il comandante supremo della flotta del Mar Nero, Viktor Sokolov, è stato ucciso nell’attacco. Sokolov apparirà successivamente sulla televisione russa, anche se le foto non sono state ancora verificate.

L’Ucraina non ha una forza aerea significativa. Questo vuoto è in parte colmato dall’uso dei droni, dai piccoli aerei che lanciano granate nelle trincee ai grandi droni che possono raggiungere Mosca. Ma i droni sono comunque troppo piccoli per causare molti danni, quindi distanze più lunghe richiedono armi più pesanti, come le armi da crociera.

Gli Storm Shadows forniti nel Regno Unito hanno un’autonomia fino a 250 chilometri. Viene lanciato da un aereo e poi vola basso al suolo ad una velocità di 1.000 chilometri orari verso il suo bersaglio. Le Storm Shadows sono progettate specificamente per distruggere i complessi di bunker.

L’esercito ucraino ha lanciato missili su almeno 13 obiettivi da quando li ha ricevuti dagli inglesi nel maggio di quest’anno. Oltre al porto di Sebastopoli sono stati bombardati anche aeroporti, basi militari e vari edifici ritenuti utilizzati per scopi militari.

Anche la Francia fornisce questi tipi di missili da crociera con il nome Scalp dal luglio di quest’anno. “È un grande vantaggio per l’Ucraina avere a disposizione queste armi occidentali”, afferma Peter Wijninga, ex ufficiale dell’aeronautica. “In Occidente, la precisione è la norma, molto più che in Russia, dove spesso vengono sparate grandi quantità di munizioni “stupide”, provocando grandi distruzioni e molte vittime innocenti”.

In risposta all’attacco alle navi nel bacino di carenaggio, il comando militare russo ha deciso di non basare una parte significativa della flotta a Sebastopoli, ma piuttosto a Novorossiysk, a 300 chilometri di distanza, fuori dalla portata di Storm Shadow.

Il nuovo missile dà più potere all’esercito ucraino, ma presenta anche alcuni inconvenienti. L’aereo ucraino che deve lanciare il missile è vulnerabile, e il sistema Storm Shadow è costoso e particolarmente adatto a colpire obiettivi duri, bunker o altri edifici robusti. L’Ucraina vuole anche lanciare missili da terra in grado di colpire più bersagli con un’unica raffica. Sono arrivati ​​questo autunno.

READ  Gli Stati Uniti attaccano obiettivi iraniani in Siria

Missile ATACMS, abbreviazione di Army Tactical Missile System.  Foto della Lockheed Martin

Missile ATACMS, abbreviazione di Army Tactical Missile System.Foto della Lockheed Martin

L’aeroporto di Berdyansk, occupato dalla Russia, si trasforma in un mare di fuoco nella notte tra il 16 e il 17 ottobre. Questa è la prima volta che l’esercito ucraino utilizza una nuova arma recentemente ricevuta dagli americani: il missile ATACMS, abbreviazione di Army Tactical Missile System. La portata massima dell’arma raggiunge i 300 chilometri.

I missili lanciati quella notte contro l’aeroporto di Bergansk riuscirono a colpire diversi elicotteri sulla pista. Almeno sette elicotteri hanno preso fuoco, come hanno rivelato in seguito le immagini satellitari. Gli altri elicotteri sulla pista sarebbero stati colpiti da una delle 950 piccole granate lanciate nell’area dal missile Atacms.

Quella notte anche l’aeroporto di Luhansk fu bersaglio di nuovi missili. Il Ministero della Difesa ucraino ha riferito di essere riuscito a distruggere un totale di nove elicotteri in entrambi gli attacchi ai due aeroporti. Una delle caratteristiche del sistema d’arma è che è in grado di colpire obiettivi oltre la portata delle difese aeree russe.

A poco a poco, sempre più obiettivi russi, anche in Crimea, sono alla portata dell’Ucraina. Secondo i media americani, l’Ucraina possiede dai dodici ai venti missili. Non si sa esattamente quanti furono uccisi. La Russia è quindi costretta a collocare le munizioni destinate ai rifornimenti sempre più indietro rispetto al fronte, mentre l’esercito preferisce che siano il più vicino possibile al luogo della battaglia. Per questo motivo l’Ucraina sta cercando di acquisire anche i missili tedeschi Taurus, che hanno una gittata massima di 500 chilometri. La Germania attualmente non li fornisce.

La Crimea è chiaramente un obiettivo importante per l’Ucraina, afferma Wijninga. “Sembra che vogliano rendere la Crimea indifendibile per la Russia, così come in precedenza avevano reso indifendibile Kherson. Da lontano, non riesco a immaginare una grande guerra di terra. L’Ucraina vorrà riconquistare Melitopol, in modo che le linee di rifornimento settentrionali siano quasi inutilizzabili. per la Russia: quanto più l’Ucraina è vicina al fronte, tanto più in profondità i missili potranno raggiungere i territori occupati.

All’inizio di settembre gli americani hanno anche promesso di consegnare i cosiddetti missili AMRAAM, che vengono lanciati da un aereo e hanno lo scopo di abbattere gli aerei nemici. Allora l’Ucraina deve dotarsi di aerei da caccia migliori: da ottobre i suoi primi piloti si addestrano sugli aerei da caccia F-16. Paesi Bassi, Danimarca e Norvegia hanno promesso di fornire i dispositivi.