QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo la scoperta degli echidna estinti: anche queste cinque specie animali sono (forse) ancora vive |  La scienza e il pianeta

Dopo la scoperta degli echidna estinti: anche queste cinque specie animali sono (forse) ancora vive | La scienza e il pianeta

Ricercatori indonesiani hanno catturato immagini dell’echidna dal becco lungo, un animale ritenuto estinto da tempo. Nonostante la sua particolarità, questa echidna non è il primo animale a ricomparire all’improvviso. Abbiamo elencato altre cinque specie rare che sono state a lungo considerate estinte, ma (probabilmente) non lo sono.

L’echidna dal becco lungo è conosciuta come un animale timido e notturno, difficile da trovare. Nei mesi di giugno e luglio di quest’anno, l’animale è stato avvistato da una telecamera per la fauna selvatica e gli è stato ufficialmente assegnato un nome Zaglos Attenborough Prende il nome e prende il nome dal famoso fanatico della natura britannico Sir David Attenborough. Il biologo James Compton ha scoperto le immagini dopo un viaggio in montagna utilizzando l’ultima scheda di memoria di oltre ottanta fotocamere. “Non sto scherzando quando dico che era sull’ultima scheda SD che abbiamo guardato, l’ultimo giorno del nostro viaggio”, ha detto Kempton.

L’echidna dal becco lungo non è l’unico animale ritenuto estinto. Più di recente, è stato un fiammingo a trovare nel Limburgo l’ape vespa maculata, che tutti pensavano fosse estinta dal 1955. Ecco altri cinque animali rimasti nascosti per molto tempo, ma che o sono stati scoperti di nuovo o godono di buona salute possibilità di esistere. Sono ancora là fuori da qualche parte.



IL Grande picchio dal becco avorio È un uccello delle dimensioni di un corvo e richiede una superficie di almeno 16 metri quadrati. Il picchio vive nel Nord America ed è stato visto l’ultima volta nel 1950 sulla costa del Golfo della Louisiana. Nel 2004, un americano affermò di aver riscoperto un picchio nello stato americano dell’Arkansas, ma in seguito gli scienziati ne dubitarono. Questo uccello è probabilmente un altro picchio comune.

READ  Chris Christie, ex consigliere di Donald Trump, si candida alla presidenza al di fuori

Il grande picchio dal becco d’avorio vive in foreste difficili da raggiungere, quindi chissà, forse l’animale svolazza ancora in luoghi inaccessibili all’uomo.

Leggi di più sotto l’immagine

Il picchio dal becco d’avorio è un uccello delle dimensioni di un corvo. © Getty Images



IL com.chacopekari Assomiglia un po’ ad un maiale ed è stato conosciuto per molto tempo proprio come un fossile. Pertanto, si credeva che questo animale si fosse estinto molto tempo fa. Tuttavia, nel 1971, gli scienziati scoprirono che gruppi di Chacopecar si nascondevano in Bolivia, Argentina e Paraguay nella regione del Gran Chaco. Sembra che gli indigeni che vivevano lì fossero consapevoli della loro presenza da sempre.

Tuttavia, non è sicuro che i Chacopecari rimarranno allo stato selvatico ancora a lungo. È legale cacciare gli animali e si dice che soffrano naturalmente di molti problemi di salute.

Leggi di più sotto l’immagine

Nel 1971, gli scienziati scoprirono che gruppi di Chacopicari vivevano ancora allo stato selvatico
Nel 1971, gli scienziati scoprirono che gruppi di Chacopicari vivevano ancora allo stato selvatico © Thinkstock



READ  "Una bozza preliminare di piano di pace per Ucraina e Russia, in preparazione i documenti per i colloqui diretti tra Putin e Zelensky"

IL Il geco sbatté le palpebre Prende il nome dalle piccole protuberanze intorno agli occhi. Si pensava che il geco dalle ciglia, originario della Nuova Caledonia (un arcipelago francese a est dell’Australia), fosse estinto da secoli. Fino alla sua nuova scoperta nel 1994. Da quando sono stati ritrovati, sono diventati molto popolari come animali domestici tra gli appassionati di rettili. Hanno un prezzo elevato: costano tra i 70 e i 400 dollari.

Curiosità: questi animali si leccano gli occhi per mantenerli bagnati e possono vivere fino a vent’anni.

Leggi di più sotto l’immagine

I gechi dalle ciglia si leccano gli occhi per mantenerli bagnati
I gechi dalle ciglia si leccano gli occhi per mantenerli bagnati © Getty Images



IL Tigre della Tasmania Originariamente viveva in Australia e Nuova Guinea. L’unico motivo per cui questi animali sono chiamati “tigri” è per le loro strisce. Hanno più somiglianze con il diavolo della Tasmania, un tipo di marsupiale.

Si ritiene che la tigre della Tasmania si sia estinta nel 1936. Ufficialmente, nessun animale è stato più visto, ma da allora sono emerse segnalazioni in Australia da parte di persone che affermavano di aver visto tracce dell’animale. Finora nessuno è riuscito a scattare una foto affidabile.

Leggi di più sotto l’immagine

Si ritiene che la tigre della Tasmania si sia estinta nel 1936.
Si ritiene che la tigre della Tasmania si sia estinta nel 1936. © Home Pictures/Global Pictures Group


READ  L'attacco al leader bielorusso Lukashenko è stato sventato


Questi animali sono dei veri esperti nel nascondino. Vivono principalmente di notte nelle foreste indonesiane e misurano quattro centimetri.

Dopo il 1930 nessuno lo osservò per settant’anni fino al 2000 per caso Tarsio nano È finito in una trappola per topi. Nel 2008 è stata organizzata una spedizione scientifica alla ricerca di animali. Poi ne sono stati trovati quattro nella stessa zona.

Leggi di più sotto l’immagine

La dimensione dei tarsi nani è di 4 cm.
La dimensione dei tarsi nani è di 4 cm. © Getty Images

Gli scienziati fanno una scoperta speciale: le specie di rettili australiane non sono ancora estinte

Aspetto. Si scopre che la misteriosa echidna che prende il nome da Sir David Attenborough non è estinta: “Tutta la squadra era elettrizzata”

Il takahe è tornato: un tempo sull’orlo dell’estinzione, questo bellissimo uccello è tornato a vagare per la Nuova Zelanda