QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ingrid voleva morire di dolori infernali, e così andarono le cose per lei un anno dopo

Ingrid voleva morire di dolori infernali, e così andarono le cose per lei un anno dopo

Ingrid Neudorp, 55 anni, di Den Bosch, ha detto che quando urinava era come se fosse stata curata con lamette da barba, ha detto l’anno scorso. Soffriva così tanto che avrebbe preferito morire piuttosto che soffrire ancora. Ma ha completato le cure in Australia e questo le ha dato sollievo: “Non parlo più di eutanasia”.

Il dolore di Ingrid è nato dopo una serie di errori medici seguiti alla nascita di sua figlia 29 anni fa. Ha delle aderenze intorno agli organi e le premono sui nervi. “Dolore continuo a 220 volt”, dice. Ha represso il suo dolore fino a quando non ne ha più potuto più. Alla fine ha usato lo spray nasale che i malati di cancro ricevono nelle fasi finali della loro vita.

“Ho ancora molto per cui vivere.”

Ingrid parlava dell’eutanasia, ma non voleva davvero morire. “Ho ancora molto per cui vivere, ma non posso più sopportare il dolore”, era il suo grido di disperazione l’anno scorso.

UN Campagna di crowdfunding Ha raccolto più di 52.000 euro. Tanto da ricevere una cura in Australia, che ha dovuto resettare il suo sistema nervoso: «È un trattamento molto speciale, attraverso il quale si creano nuove connessioni nel cervello. “Ha calmato il mio sistema nervoso.”

Con l’aiuto degli attrezzi della palestra, Ingrid si è ripresa: “Uno dello staff mi ha detto: ‘Tra una settimana ti rimetterai in piedi’. Non potevo crederci, ma è successo”.

Ingrid reagisce emotivamente quando riesce a sedersi di nuovo per la prima volta (foto privata)
Ingrid reagisce emotivamente quando riesce a sedersi di nuovo per la prima volta (foto privata)

Durante il trattamento sono successe cose strane: “Mi facevano male le braccia e le gambe scuotere. Ho notato che, poiché entravo in modalità sopravvivenza, non avevo alcuna connessione con il mio corpo. Ogni professionista con cui parlo non capisce come ho potuto sopportare questo dolore”.

READ  Il braccio robotico di Tijn si dimostra valido nella pratica

Nei mesi di aprile e maggio Ingrid è stata in Australia, dopodiché ha continuato le cure nella palestra vicino a casa: “Faccio ogni movimento molto lentamente. Per permettere al corpo di riconnettersi con la mente”.

“Avevo gravi sintomi di astinenza e sembrava che avessi il Parkinson”.

La rimise in piedi: “Le persone che mi vedono fuori pensano che sto di nuovo meglio. Ma non riesco a stare sveglia tutto il giorno.” Anche Ingrid ha subito una battuta d’arresto. “In Australia avevano detto che non sarebbe stato facile, ed è vero. Dopo che il mio medico mi ha chiesto di interrompere immediatamente l’assunzione di antidolorifici, ho iniziato ad avvertire sintomi di astinenza molto gravi. Sembravo un malato di Parkinson.”

I medici in Australia stanno monitorando Ingrid tramite videochiamata. Se il suo sistema nervoso è stabile, potrà recarsi in Svizzera per un intervento chirurgico. Il medico vuole tagliare il tessuto connettivo attorno ai nervi di Ingrid con una nuova tecnica chirurgica.

Nel frattempo, Ingrid è ancora lontana dall’essere in salute: “Una volta sono andata a teatro per una serata, e ci ho messo una settimana per riprendermi. Posso anche portare a spasso il cane per un po’ e fare il trattamento. Sono ancora molto in difficoltà.” di dolore, ma è possibile.” “Sono all’inizio della mia guarigione.”

Parlare di pensieri suicidi aiuta. Puoi chiamare la 113 Suicide Prevention Foundation 24 ore su 24 allo 0800 0113 o chattare tramite en 113.nl.

Interessante anche:

Ingrid (54 anni) soffre un dolore atroce e pensa all’eutanasia: “Ma io voglio vivere!”