QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rinchiudere le persone vulnerabili nelle case di cura durante una pandemia porta ai peggiori risultati possibili

Rinchiudere le persone vulnerabili nelle case di cura durante una pandemia porta ai peggiori risultati possibili

Rinchiudere le persone vulnerabili nelle case di cura durante la pandemia porta loro ai peggiori risultati possibili – articolo scientifico.

Il medico della casa di cura dice:

Ogni giorno un anziano girava per la casa di cura. Ciò non è più consentito durante il blocco. Tutti erano rinchiusi. Per settimane e mesi. Quando il blocco è stato revocato non poteva più farlo.

È una storia tra migliaia. Gli anziani fragili sono stati confinati insieme nelle case di cura per ridurre il rischio di infezione. Ma era vero? Un nuovo studio canadese mostra che rinchiudere le persone vulnerabili aumenta effettivamente il rischio di infezione. Ciò non dipende da nuove intuizioni. Ma semplicemente secondo principi epidemiologici noti da tempo.

In Questo nuovo articolo è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed PLoS One Gli scienziati correlazionali dimostrano che isolare le persone vulnerabili dalla maggioranza più sana della popolazione porta per loro ai peggiori risultati possibili (1).

L’articolo, intitolato “Previsioni da modelli epidemiologici standard dell’impatto della separazione e dell’isolamento delle persone vulnerabili nelle strutture sanitarie”, è stato scritto da Joseph Hickey, Ph.D., e Dennis J. Rancourt, Ph.D., di CORRELATION Research in the Public Interest (CORRELATION-canada.org) con sede a Ottawa, Canada.

L’articolo mostra che i modelli epidemiologici standard presenti nella letteratura scientifica da decenni, anche ben prima che l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarasse una pandemia per COVID-19 l’11 marzo 2020, prevedono inequivocabilmente un aumento significativo del numero di malattie infettive tra i Popolazione a rischio. Quando è isolato e separato dalla popolazione generale.

Dall’articolo:

“Le popolazioni a rischio sono svantaggiate dall’isolamento dalle popolazioni non esposte e beneficiano di un ridotto rischio di infezione dovuto alla mescolanza o alla diluizione delle popolazioni non esposte durante un’epidemia o un’epidemia”. …

E il:

“Le politiche di segregazione nelle case di cura potrebbero essere state responsabili di molti decessi dovuti a Covid-19 nei paesi occidentali”.

Gli autori spiegano che, allo stato attuale delle conoscenze, isolare e isolare le persone anziane non apporta alcun beneficio nel prevenire i decessi in condizioni epidemiche o epidemiche. Lo studio è rilevante per la ricerca in corso sul disastro sanitario riconosciuto che si è verificato nelle strutture di assistenza a lungo termine in Canada e in altri paesi nella primavera del 2020.

READ  Wassenaarders.nl | Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS: 28 giugno - 3 luglio

CORRELATION è un’organizzazione senza scopo di lucro registrata che conduce ricerca scientifica indipendente su argomenti di interesse pubblico ed è finanziata interamente da donazioni pubbliche individuali.

Tutti gli articoli di ricerca relativi al collegamento: https://correlation-canada.org/research/

riferimento

  1. Hickey J, Rancourt DJ. Previsioni da modelli epidemiologici standard sulle conseguenze della separazione e dell’isolamento delle persone vulnerabili nelle strutture di assistenza. Un vantaggio. 30 ott 2023;18(10):e0293556. doi: 10.1371/journal.pone.0293556. PMID: 37903148; ID area: PMC10615287. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0293556

Sostienici, sii nostro amico!
Trovi preziosi gli articoli di Artsen Collectief? Poi è diventato un amico. gratuito! Come amico riceverai la nostra newsletter mensile, potrai dare suggerimenti alla nostra redazione e rimanere informato su tutti gli sviluppi!
Insieme siamo più forti. Dalla paura alla fiducia!

Disclaimer: The Doctors Group non è responsabile del contenuto delle pagine esterne menzionate e richiamate. Condividere una pagina non significa che il gruppo di medici condivida tutte le visualizzazioni. Il Gruppo dei Medici sostiene la raccolta e la condivisione senza censure di informazioni (mediche) per stimolare conversazioni aperte/discussioni scientifiche.