QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Internet subisce l’influenza di McBaguette di “Emily in Paris”: “Gli snack esistono, e l’elegante McDonald’s della catena non esiste” | L’Instagram di HLN

Guarda. Questa inserzione “Emily in Paris” è molto popolare su TikTok

Nel primo episodio di “Emily in Paris” vediamo come la protagonista Emily deve ideare una campagna pubblicitaria per McDonald’s, dopo aver lanciato “McBaguette”. Lavora in un’agenzia di pubbliche relazioni e Netflix non lo lascia interamente all’immaginazione. Ogni stagione vediamo vere aziende che compaiono nella serie, pagando un bel centesimo per piazzare il prodotto. Che cosa sembra? Il nuovo snack commercializzato dalla catena è già disponibile nei negozi McDonald’s francesi. C’è anche uno speciale menu “Emily in Paris”, completo di due macarons per dessert, allegato. Uno ha scritto su Twitter: “Non so cosa sia peggio”. “McDondals ha comprato un’intera storia da Emily a Parigi, o ordinerei sicuramente un McBaguette a Parigi.” La merenda, che non è altro che un hamburger tra un pezzo di baguette, spopola sui social. I consumatori francesi sottolineano che la baguette non è una novità nel menu dei fast food francesi. Solo l’elenco Netflix è un nuovo spettacolo.

(Leggi di più sotto i tweet)

Naturalmente, la nuova stagione di “Emily in Paris” porta una nuova dose di parigini confusi che non si riconoscono nella serie. Nell’episodio in questione, Emily visita anche un McDonald’s con uno dei suoi amici francesi. “Sei mai stato in un McDonald’s francese?” chiede stupito. “Te ne mostro uno.” Seguono scene invisibili e improbabili. Emily va alla filiale di McDonald’s sugli Champs-Elysées. Lì sono stato bombardato da bellissime scatole da esposizione piene di montagne di felini. Tutto sembra più un ristorante elegante che un fast food medio. “Questa è una fantasia”, hanno detto i parigini su Twitter. “Non posso credere che gli americani pensino davvero che McDonald’s in Francia sia così. Ovviamente usano i grandi magazzini sugli Champs-Elysées per girare, che è più ordinato del solito. Ma dove sono tutta la spazzatura, i barboni e la guardia di sicurezza chi c’è sempre alla porta?”

READ  Cheney van der Geogt, finalista di Miss Belgio (24 anni), parla con franchezza di problemi cardiaci e ingrossamento del seno: "Ho avuto una bassa autostima per molto tempo" (Bogenhout)

Inoltre, secondo loro, è assolutamente il peggiore di Parigi. “McDonald’s a Parigi è puzzolente, sporco e pieno di parigini turbolenti. Sono quasi stato accoltellato da qualcuno mentre ero lì.”

È vero, ammettono, che da noi si possono avere macarons e baguette. “Ma sicuramente non è niente di speciale. Netflix vuole fingere che sia strano. È ancora McDonald’s!”