QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Isala vuole risparmiare un quarto delle cure ospedaliere a domicilio

Con l’assistenza ospedaliera digitale dovremmo pensare a soluzioni come il cerotto intelligente in cui le varie funzioni vitali dei pazienti vengono monitorate automaticamente e possono essere lette e monitorate da remoto. Questo è possibile anche con mezzi digitali o altri mezzi di comunicazione come ICD o smartwatch. Misurano dati come la frequenza cardiaca, la temperatura, la respirazione e il contenuto di ossigeno e inviano i dati di misurazione dal domicilio del paziente agli specialisti ospedalieri.

Il monitoraggio domiciliare è già diffuso

Isala mette monitoraggio domestico Già pienamente coinvolto in varie malattie come la BPCO, l’asma, l’insufficienza cardiaca, alcuni tipi di cancro e il morbo di Crohn. L’intento è che in futuro più gruppi di pazienti potranno ricevere cure (digitali) in ospedale tramite monitoraggio domiciliare. afferma Job Leenen, capo progetto e candidato al dottorato presso il Centro di monitoraggio per Connected Care.

“attraverso il Centro di assistenza connesso Nei prossimi anni, Isala vuole lavorare per garantire che il 25% delle cure attualmente fornite in ospedale sia svolto a casa. Lo facciamo perché crediamo che la digitalizzazione dell’assistenza la renda più piacevole, migliore e più sicura per i pazienti. “Siamo sulla buona strada per raggiungere questi obiettivi”, afferma Tom Faber, direttore del programma Connected Care Center.

Cure ospedaliere digitali durante il Corona

Durante la crisi del Corona, il valore aggiunto dell’assistenza digitale negli ospedali, per quanto non fosse ancora noto, è diventato chiaro prova. L’attenzione si è concentrata principalmente sul telecomando caposquadra di pazienti. Isala lo ha fatto su due livelli.

“Prima di tutto, monitorare i pazienti con COVID-19 che hanno un aumentato rischio di disturbi gravi in ​​modo da poter fornire cure tempestive e prevenire il più possibile il ricovero in ospedale. Inoltre, attraverso gli sforzi del Dipartimento di Medicina Polmonare, i pazienti infetti possono in ospedale con COVID-19 è necessario uscire di casa presto grazie al monitoraggio combinato con l’ossigeno”, afferma Job.

READ  I comuni con la copertura vaccinale più bassa sono a Bruxelles

Per questa forma di assistenza ospedaliera a distanza, ai pazienti COVID-19 è stato dato, tra l’altro, un misuratore di saturazione da portare a casa. Ciò ha permesso loro di misurare quotidianamente il livello di ossigeno nel sangue. Se il valore si deteriora, è stata verificata la cura richiesta.