QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La banca centrale degli Stati Uniti chiude il rubinetto del denaro

La Federal Reserve inizia a ridurre gradualmente i suoi acquisti di obbligazioni poiché l’economia statunitense si è sufficientemente ripresa dalla pandemia.

La Banca centrale statunitense (Fed) sta compiendo un passo importante verso la normalizzazione della propria politica monetaria. Mercoledì ha deciso di ridurre i suoi acquisti di obbligazioni di $ 15 miliardi al mese a partire da novembre. Con questi acquisti che ora ammontano a 120 miliardi di dollari al mese, lo stimolo verrà in linea di principio interrotto nel giugno del prossimo anno.

La Fed ha dichiarato in una dichiarazione che accompagna la sua decisione che sono stati compiuti ulteriori progressi significativi verso il duplice obiettivo della massima occupazione e un tasso di inflazione medio del 2%. Il tasso di disoccupazione è sceso al 4,8 per cento dal suo picco del 14,8 per cento nell’aprile dello scorso anno.

L’inflazione ha superato l’obiettivo. Ma la banca centrale crede ancora che l’inflazione elevata sia temporanea, sebbene sia diventata più cauta. Si riferisce a “fattori che dovrebbero essere temporanei”. Dopo l’ultimo incontro, la Fed ha parlato di “fattori temporanei”.

La decisione di tagliare lo stimolo per l’economia è stata approvata all’unanimità da 11 dirigenti votanti.

READ  La banca centrale cinese dichiara illegali tutte le transazioni crittografiche...