QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La banca ombra cinese aiuta l’acquisizione dell’italiana Tapacchi

La banca ombra cinese aiuta l’acquisizione dell’italiana Tapacchi

Durante le mie passeggiate quotidiane con il cane, una tappa regolare è un piccolo bar e tappachi nelle vicinanze, dove il proprietario è sempre pronto con biscotti per cani per Maggie. Ma oggi era diverso. Dietro il bancone c'era una faccia nuova, che non aveva alcun interesse per i cani e non parlava italiano. Anche questo caffè locale è stato rilevato dai cinesi.

Tapachi e il bar adiacente, uno spazio sociale

Personalmente non ho nulla contro i cinesi, non fraintendetemi, perché dicono 'alcuni dei miei migliori amici sono…'. Ma qui qualcosa è diverso. Un bar di quartiere, solitamente associato a un tapacci in Italia, è un luogo sociale dove gli uomini in pensione si riuniscono per bere un caffè e criticare l'ultima partita di calcio. Spingono le mogli fuori di casa perché sono d'intralcio, immagino. Il vicino bar è un'istituzione e parte della cultura italiana. Il barista ti conosce e sa cosa vuoi prima ancora che tu apra bocca.

Tutto finisce e i proprietari di Tappachi non riescono a trovare eredi

Il gestore o il proprietario del bar sta invecchiando e vuole godersi il meritato riposo, ma i figli e i nipoti non vogliono passare più di 10 ore al giorno a preparare cappuccini e caffè. E poi c'è quell'offerta, un'offerta che continua ad arrivare, un'offerta davvero buona, da parte di quel simpatico signore o signora cinese di tanto in tanto. Un giorno si allacciano le cinture e da un giorno all'altro dietro il tubo familiare si trova un perfetto sconosciuto. Questa è la terza scattata nelle mie vicinanze nell'ultimo mese.

Le banche italiane falliscono

Sarebbe impossibile per un italiano medio ottenere un prestito bancario, anche se lo volesse, per rilevare un simile bar di quartiere. Veniamo a un problema che riguarda l’intera economia italiana e che i leader cercano di risolvere da decenni con vari gradi di successo. Draghi è riuscito a fermare tre acquisizioni cinesi nel 2021, e non erano Tabachi, no, erano grandi aziende come i produttori di semiconduttori e droni. Anche il suo successore Meloni e il predecessore Conti vietarono tale fusione. In quei casi l’Italia applica una legge, cd “Poteri d'oro”, per prevenire acquisizioni indesiderate in settori considerati strategicamente importanti come quello bancario, energetico, delle telecomunicazioni e della sanità. Nel 2015 la fabbrica di pneumatici era di proprietà dei cinesi Pirelli erano già stati acquistati, ma in seguito minacciarono di subentrare nell'amministrazione della città Roma (Senza dubbio questo avrebbe funzionato meglio per Roma, ma resta comunque una cattiva idea).

READ  Gazprom taglia ulteriormente l'Italia dal gas russo

'Denaro volante' dalle banche cinesi clandestine

Vedi anche: “Maxi frode fiscal da 200 milioni a oristano indagati 18 cittadini cinesi e un consulente italiano i soldi finivano a oriente” marzo 2023 https://www.ilfattoquotidiano.it/

Le cose però cambiano quando entra in gioco la mafia. E' una cosa che l'Italia conosce molto bene. Gli agenti immobiliari cinesi possono guadagnare facilmente attraverso il sistema bancario ombra che acquista piccole attività a conduzione familiare come bar e tapachi. Le strutture si concentrano principalmente sul riciclaggio di denaro proveniente dalla droga e gli intermediari cinesi sono entrati in confraternita con la mafia italiana, in particolare con la ndrangheta calabrese.

Il denaro viene trasferito attraverso una rete affidabile di agenti di trasferimento. I clienti depositano un importo presso un intermediario finanziario in un paese e qualcun altro nella rete in un'altra parte del mondo paga un importo equivalente al destinatario previsto, un metodo che i cinesi chiamano “fei qian” (denaro volante).

“I cinesi mantengono la cultura del caffè in Italia”

Questo era il titolo orgoglioso del quotidiano cinese South China Morning Post circa 6 anni fa, descrivendo come i caffè di quartiere siano ora gestiti da famiglie, mariti, mogli e figli cinesi. A Milano sono già quasi 600 i café/tapachi di proprietà cinese. Siamo onesti, siamo molto orgogliosi che in Italia si possa comprare una tazzina di caffè per 1 o 1,5 euro e vogliamo che rimanga così. Ma tutti capiscono che non si guadagna reddito facendo questo. Lo sanno anche le banche italiane, quindi i prestiti per l’acquisizione non possono essere ottenuti attraverso i normali canali. Ergo: banche ombra cinesi.

La banca clandestina cinese acquista Tabachi e gli hotel vicini

La Repubblica ha riferito l'anno scorso che la polizia finanziaria aveva scoperto una segreta “banca sotterranea cinese” con filiali in diverse città italiane, tra cui Roma, Firenze e Napoli. La banca è stata coinvolta nel riciclaggio di miliardi di euro in Cina offrendo servizi speciali a clienti specifici. Il sistema non si concentra solo su piccole transazioni o attività sospette di privati, ma è un sistema organizzato e complesso che opera nel sottosuolo in Italia, con transazioni annuali che vanno da 1 a 2 miliardi di euro. Le operazioni attirano una vasta gamma di clienti, tra cui trafficanti di droga, imprenditori, oligarchi russi e cinesi super ricchi, afferma il giornale.

READ  Fonti affermano che la Finmin italiana chiede spiegazioni all'amministratore delegato di UniCredit Bob Sondrio - 30 gennaio 2024 17:09

Inoltre, prima del blocco, un avvocato per conto di società legate a Pechino ha cercato di acquisire quote di maggioranza in aziende italiane strategiche, spingendo le autorità italiane ad agire e rafforzare il Golden Power Act.

Una cultura popolare sta morendo?

Sono giorni duri per le aziende a testa alta in Italia. Questo non vale solo per il bar o il tappachi di quartiere, ma per l'intero ceto medio. Non si trovano eredi e la generazione più giovane non è ansiosa di subentrare nella miserabile esistenza del nonno o della nonna.

Per saperne di più

Il prezzo delle arance rosse in un’economia in difficoltà

Coraggio in difesa, gli eroi non celebrati dell'Italia