QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La luce dinamica migliora il sonno e il benessere psicologico nelle persone affette da demenza

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding 16 dicembre 2023 – 20:42

Nei Paesi Bassi, circa 300.000 persone vivono con demenza. Oltre ai problemi di memoria, l’80-90% dei pazienti soffre anche di disturbi del sonno e di problemi psicologici e comportamentali. Il farmaco ha scarso effetto e spesso ha effetti collaterali negativi. Una nuova ricerca di dottorato della Dott.ssa Ellen van Lieshout-van Dahl (Trans, Scuola di scienze sociali e comportamentali di Tilburg, Università di Tilburg) mostra l’effetto promettente della luce dinamica sul ritmo del sonno e sulla salute mentale delle persone affette da demenza. “La luce dinamica può aiutare le persone affette da demenza a continuare a vivere a casa più a lungo”.

Le persone affette da demenza sono spesso esposte a troppo poca luce, perché trascorrono meno tempo all’aperto, a causa della luce limitata nelle case e perché il cristallino dell’occhio diventa opaco e indurito durante il processo di invecchiamento, che è esacerbato dalla demenza. La luce ha un enorme impatto sulla nostra salute attraverso l’orologio biologico del nostro cervello. In uno studio di dottorato condotto dalla Dott.ssa Ellen van Lieshout-van Dahl è stato esaminato l’effetto della luce dinamica come potenziale intervento per le persone affette da demenza. “La luce dinamica imita il percorso della luce naturale in termini di intensità e colore. Nella mia ricerca, abbiamo utilizzato sistemi di illuminazione dinamici per vedere se la luce poteva avere un impatto positivo sul ritmo del sonno, sul comportamento e sul benessere psicologico delle persone affette da demenza”, afferma van Lieshout-van Daal.

Condotta raramente: ricerca sulla situazione domestica

La particolarità della ricerca è che, oltre al contesto clinico, è stata condotta anche a casa. “Precedenti ricerche sull’uso della luce dinamica mostrano risultati promettenti. Ma quasi tutta la ricerca è stata condotta in istituti piuttosto che a casa, dove le persone hanno uno stile di vita diverso e si trovano in una fase diversa del processo di demenza. Ogni casa ha anche una diversa proporzione di luce, a seconda della presenza di finestre, della decorazione delle finestre e della posizione geografica.

READ  Burnleaf deve aver avuto una rivista ADD - Univers

Migliorare i modelli di sonno e la salute mentale e ridurre i comportamenti vietati

I pazienti di una clinica psichiatrica sono stati esposti alla luce per tre settimane, seguite da tre settimane senza esposizione all’installazione luminosa dinamica. “I partecipanti sono stati così esposti a più luce. Hanno mostrato un miglioramento significativo nei modelli di sonno, come il numero di minuti di sonno e la frequenza dei vagabondaggi notturni. Anche i comportamenti proibiti sono diminuiti significativamente”, dice il ricercatore. Da una ricerca condotta in clinica risulta che la luce dinamica in casa non ha alcun effetto significativo sul sonno. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che le persone a casa trascorrono più tempo all’aperto rispetto alle persone in un istituto. Le persone sembrano avvertire molti meno sintomi di agitazione e depressione.

Intervento mirato nelle stagioni buie e nelle case

I risultati dello studio mostrano che la luce dinamica è un intervento tecnologico promettente per supportare le persone affette da demenza. “L’utilizzo di un sistema di illuminazione dinamico è particolarmente utile nelle stagioni buie, per le persone che trascorrono raramente del tempo all’aperto o in case con interni bui o poche finestre”, conclude Van Lieshout van Dahl.

Link alla tesi della Dott.ssa Ellen van Lieshout van Dahl: Luce dinamica e demenza: l’impatto dell’esposizione alla luce dinamica sul sonno e sul benessere negli ambienti sanitari e a casa.

Fonte: Università di Tilburg

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding

Siamo specializzati in notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno sulle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Entrambi presentano storie e notizie specifiche per operatori sanitari e prescrittori. Social media, salute delle donne, tutela dei pazienti, empowerment dei pazienti, medicina personalizzata, assistenza sanitaria 2.0 e social sono alcuni dei punti chiave a cui dovrei prestare maggiore attenzione.

READ  Perché i minorenni non vogliono essere vaccinati: 'Ho paura di ferire i miei genitori'

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un difensore dei clienti indipendente registrato e un intermediario di sponsorizzazione informale. Ho molta esperienza in diverse posizioni nei settori sanitario, sociale, medico e farmaceutico a livello nazionale e internazionale. Ho una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. e le leggi sanitarie in base alle quali l’assistenza sanitaria è regolata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per aggiornare le mie conoscenze e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto conseguendo la laurea magistrale in psicologia applicata.

I miei messaggi su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono gestiti da o per un cliente o datore di lavoro.