QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La mamma non fa mistero di rivelare la sua maschera in “The Masked Singer”: “La prima esibizione mi ha perseguitato per vent’anni”

La mamma non fa mistero di rivelare la sua maschera in “The Masked Singer”: “La prima esibizione mi ha perseguitato per vent’anni”

Attenzione! Avviso spoiler! Il mistero della mummia è stato risolto. È arrivata al Big Bang, ma era semplicemente troppo grande per lei. “Sono stata paragonata a Kate Ryan. Saluti, ma non riesco a starle alle calcagna!”

Arno van Hout

È stata Karen Damen a servire come investigatrice ospite Al salvataggio Doveva venire, perché gli investigatori non gli hanno mai più fatto molto. Sorpreso “Oooohsuonava quando Damen lasciò cadere il nome Veronique de Cocke. “Penso che sia lei, ma se canta, non sarà mai più così.” Tuttavia, Damen aveva ragione, perché sotto le bende c’era davvero Miss Belgio 1995, modella e presentatrice Veronica de Cook (45).

“È qualcosa di diverso, vero!” Dice Kock. È la prima volta che partecipo a un programma del genere. Normalmente, tutto dovrebbe essere un po’ più solido quando invecchio, e ora posso scatenarmi! Quindi sono reale Folle! Non vuoi vedermi accompagnare mio figlio a casa in macchina, vero? Non voglio sapere come deve essere”.

Non era la prima volta che de Kock cantava pubblicamente. In realtà era la seconda volta. “Nel primo concorso di Miss Belgio”Senza di teL’ha cantata Mariah Carey. Mi rendeva molto nervoso, quindi non era molto puro. (Lui rideQuelle immagini mi hanno perseguitato per vent’anni. Allora ho detto: de cucina e canta? Non lo faremo più! Ma con un vestito del genere, nessuno saprà che sei tu. È davvero una zona cuscinetto».

Durante il suo atto finale, la mamma – appropriatamente – ha cantato “Cammina come gli egizianida Braccialetti. “Con una buona regia, ho ricevuto feedback che non avrei mai pensato di poter gestire. L’intera esperienza è stata Earl! Sono così felice di essere stato coinvolto”.

READ  Ancora una volta, Stromae espone la disuguaglianza di questo mondo con un falso numero di partito