QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La metà delle vendite di acqua in bottiglia sarà sufficiente per fornire acqua a tutti |  Notizia

La metà delle vendite di acqua in bottiglia sarà sufficiente per fornire acqua a tutti | Notizia

Le aziende di acqua in bottiglia stanno ostacolando lo sviluppo dell’acqua del rubinetto in tutto il mondo, ha sottolineato un istituto di ricerca affiliato all’Università delle Nazioni Unite UNU-INWEH. Non tutti hanno ancora accesso all’acqua potabile e le vendite in continua crescita di acqua in bottiglia potrebbero ignorare il problema dell’acqua. Inoltre, la metà dei soldi spesi nel mondo per l’acquisto di acqua in bottiglia, le cui vendite sono aumentate negli ultimi decenni, basterebbe a garantire a tutti l’accesso all’acqua potabile.

Le Nazioni Unite prevedono che entro il 2050 una persona su quattro soffrirà di una permanente mancanza d’acqua. Questo è il motivo per cui le Nazioni Unite mirano, tra le altre cose, a garantire l’accesso universale all’acqua e ai servizi igienico-sanitari entro il 2030. Tuttavia, l’industria dell’acqua in bottiglia potrebbe distogliere l’attenzione dagli sforzi di sviluppo, avverte l’istituto pochi giorni prima dell’inizio del Programma delle Nazioni Unite per l’acqua Conferenza a New York.

Ad esempio, le aziende affermano spesso che l’acqua in bottiglia è l’alternativa sicura all’acqua del rubinetto, anche nei paesi in cui l’acqua del rubinetto è sicura da bere. Nei paesi più ricchi, le persone a volte trovano l’acqua in bottiglia più sana e gustosa, afferma l’istituto, che ha sede nella città canadese di Hamilton. I paesi poveri non dispongono di forniture idriche affidabili. Ciò è dovuto principalmente alla corruzione o alla mancanza di investimenti nelle infrastrutture dell’acqua del rubinetto. L’istituto ritiene che i soldi dovrebbero andare all’acqua del rubinetto sicura, non alle aziende di acqua in bottiglia.

Secondo l’istituto, l’acqua in bottiglia non è sempre più sicura dell’acqua del rubinetto. Le corporazioni sono meno dominanti delle società idriche pubbliche in alcuni paesi. Inoltre, l’acqua in bottiglia è l’opzione più conveniente per molte persone in tutto il mondo.

READ  Le élite militari "siloviki" mettono Putin in un difficile dilemma | Guerra tra Ucraina e Russia

più sostenibile

L’istituto sottolinea inoltre che molti rifiuti di plastica provengono da bottiglie d’acqua. L’industria dell’acqua in bottiglia è responsabile del 35% di tutte le bottiglie in PET. Questo è sufficiente per riempire 625.000 camion da 40 tonnellate ogni anno. Il rapporto aggiunge che fermare il consumo di acqua in bottiglia ridurrà efficacemente l’inquinamento da plastica, sapendo che circa l’85% delle bottiglie finisce nelle discariche.

“Le persone pagano molto di più per l’acqua in bottiglia, da 150 a 1.000 volte di più che per un litro di acqua del rubinetto”, afferma un ricercatore dell’Istituto per l’acqua, l’ambiente e la salute dell’Università delle Nazioni Unite, con sede a Hamilton, in Canada.

Il rapporto avverte anche della mancanza di regolamentazione dell’industria dell’acqua in bottiglia. Sottolinea l’incapacità dei governi di tenere il passo con la rapida espansione di questo settore. Gli autori affermano che “l’estrazione incontrollata di acque sotterranee per la mobilitazione” può alla fine portare all’esaurimento oa un forte calo dei livelli delle acque sotterranee.

Due miliardi di persone non hanno ancora accesso all’acqua potabile. Tuttavia, alcuni progressi sono stati compiuti, afferma lo studio. Nel 2020, il 74% della popolazione mondiale aveva accesso all’acqua del rubinetto sicura, rispetto al 62% di vent’anni fa.