QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La natura oggi |  La situazione attuale dell'influenza aviaria è calma, ma è ancora necessaria la vigilanza

La natura oggi | La situazione attuale dell'influenza aviaria è calma, ma è ancora necessaria la vigilanza

Negli ultimi anni nei Paesi Bassi si sono verificati regolarmente grandi focolai di influenza aviaria tra gli uccelli selvatici. Nel 2016, ad esempio, si è verificata una grave epidemia che ha colpito soprattutto piccioni e morette, nel giugno 2022 sono stati colpiti molti beccapesci e nella primavera del 2023 migliaia di gabbiani comuni. Da allora la situazione è rimasta relativamente tranquilla, anche se continuano ad arrivare segnalazioni di uccelli malati o morti. Ci sono ancora segnalazioni sugli allevamenti di pollame, dove l’ultima epidemia del virus Putin si è verificata il 1° dicembre 2023.

Meno virus

I casi di influenza aviaria negli ultimi due anni sono stati causati dal virus H5N1 altamente contagioso. Attualmente sono state riscontrate diverse varianti di questo tipo di virus sia negli uccelli selvatici che domestici. Non è ancora noto se queste nuove varianti siano meno contagiose per gli uccelli rispetto alle varianti precedenti, o se ci siano altre spiegazioni per il fatto che ora il virus sembra diffondersi meno e che i focolai lo scorso inverno erano relativamente pochi.

Più immunità

Il virus è ormai presente da mesi nelle popolazioni di uccelli selvatici e continua a provocare decessi, anche se fortunatamente in numero inferiore rispetto alla scorsa estate. Alcuni uccelli hanno ottenuto una protezione parziale contro la malattia, il che significa che muoiono meno rapidamente, ma rimangono malati più a lungo. Ciò significa che la diagnosi del virus è diventata più complessa. Lui lei Prova degli uccelli Il virus dell'influenza aviaria viene solitamente diagnosticato mediante campionamento della trachea e della cloaca. L'uccello diffonde il virus (in media) solo durante i primi sette giorni di infezione. Se l'uccello è malato per un periodo di tempo più lungo prima di morire, i test potrebbero risultare negativi, ma l'uccello potrebbe comunque avere l'influenza aviaria. È quindi possibile che gli uccelli che presentano sintomi di influenza aviaria, come inclinare la testa, camminare in tondo, non saper volare, ecc., possano essere negativi. Anche altre malattie possono causare questi sintomi. Il Dutch Wildlife Health Centre (DWHC) sta lavorando con altri istituti di ricerca nei Paesi Bassi per migliorare i metodi di test per diagnosticare l’influenza aviaria negli uccelli selvatici morti.

READ  lunga giornata? In questo modo potrai schiarirti le idee

La situazione in Europa

Ora ci sono meno focolai in altri paesi europei rispetto all’autunno del 2023, ma i focolai continuano a verificarsi. Occasionalmente si verificano epidemie in Germania, Francia, Danimarca, Ungheria, Belgio, Polonia, Bulgaria, Svezia, Regno Unito e altri. Difficile prevedere cosa accadrà nei prossimi mesi. Il virus potrebbe mutare nuovamente ed è anche possibile che gli uccelli migratori portino altri ceppi nei Paesi Bassi in primavera. Il virus non è scomparso e si prevede che rimanga nei Paesi Bassi nei prossimi mesi. su internet Radar dell'influenza aviaria Si può constatare che il rischio che l'influenza aviaria si manifesti nella nostra regione rimane più elevato che mai (vedi figura sotto). Questa previsione si basa su un modello statistico che utilizza dati sul numero di uccelli, sulla distribuzione e sui movimenti migratori in Europa.

Probabilità relativa che l'influenza aviaria entri in Europa nella settimana dal 5 all'11 febbraio.  Più rossa è l'area, maggiore è la possibilità

Continua a segnalare uccelli morti

Finché l’influenza aviaria continua a diffondersi nei Paesi Bassi, resta importante denunciare rapidamente gli uccelli morti o malati. Questo può essere fatto nei punti di segnalazione Sofonte Se solo lui DWHC.

testo: Sophon Bird Research nei Paesi Bassi E Centro olandese per la salute della fauna selvatica (DWHC)
Foto: Peter de Boer (foto principale: I gabbiani sull'isola Stern dove si riproducono, sono vittime dell'influenza aviaria (giugno 2023)); Sophon Bird Research nei Paesi Bassi; Il radar per l'influenza aviaria dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) è disponibile su app.bto.org/hpai