QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La pandemia è finita, ma il Corona rappresenta ancora una vera minaccia per alcuni anziani di Groningen e Drenthe.  “Sono un uomo incline alla mancanza di respiro.”

La pandemia è finita, ma il Corona rappresenta ancora una vera minaccia per alcuni anziani di Groningen e Drenthe. “Sono un uomo incline alla mancanza di respiro.”

Le cose sono più rilassate rispetto al culmine della pandemia. Tuttavia, farsi il vaccino Corona è pericoloso per molti anziani, come visto a Nijveen.

Roelof Zellhorst, 84 anni, ha constatato in prima persona che la vaccinazione non è priva di rischi. Qualche settimana fa, è andato in bicicletta dopo aver preso l’influenza nella sua città natale di Maple e all’improvviso è diventato spaventoso. L’automobilista svoltò per un breve tratto nel parcheggio e lì Zellhorst giaceva sul manto stradale. Alza la manica per rivelare la ferita che non è ancora del tutto rimarginata. “Andrà di nuovo bene”, dice Zellhorst.

È stato spaventoso, ma l’esperienza non gli ha impedito di venire anche a fare il vaccino contro il Corona: “Se ti chiamano, vai”. Quindi questo venerdì è seduto nella mensa del municipio di De Schal a Nijveen, in attesa del periodo di osservazione post-iniezione. Appartiene a una piccola percentuale di olandesi che non sono mai risultati positivi al virus. “Mi piacerebbe mantenerlo così, perché sono un ragazzo sensibile alla mancanza di respiro.”

Fino a Capodanno

La pandemia potrebbe essere finita e la situazione del virus potrebbe essere diminuita; Può ancora farti ammalare gravemente per molto tempo. Molti residenti di Groningen e Drenthe fissano un appuntamento non appena ricevono la lettera di invito. Ciò vale per tutte le persone di età pari o superiore a 60 anni e per le persone in cattive condizioni di salute.

Nel pieno della campagna di vaccinazione (che durerà fino al 22 dicembre), il numero di vaccinazioni a Drenthe è di circa 55.000 e a Groningen è già vicino a 70.000.A Groningen continueranno le iniezioni per un’altra settimana, fino a Capodanno.

READ  Il virus Monkeypox muta più velocemente di quanto si pensasse

Entrambe le contee hanno tre grandi siti di iniezione aperti tutti i giorni della settimana, e poi ci sono siti più piccoli altrove che sono aperti un giorno alla settimana. La Shalle di Nijeveen è una di queste. Venerdì le cose andranno nuovamente bene, con i senior (quasi solo).

Nessuno è difficile

Il coordinatore della giornata Gilmer Mast del GGD Drenthe prevede che oggi arriveranno circa 750 persone da chilometri di distanza, quasi fino alla Frisia meridionale e alla testa dell’Overijssel. “Non che sarà frenetico”, dice Mast. “È davvero divertente qui tutto il giorno. Molto diverso rispetto a durante la pandemia. Ora tutti sanno davvero come funziona. Nessuno ha problemi con il fatto che a volte devi stare in fila per qualche minuto.”

Anche Marie (69) e Gert Lehr (71) di Staforst hanno recuperato i loro colpi. “Una volta che inizi, vai avanti”, dice Mary delle vaccinazioni. Per quanto ne sa, non ha mai avuto il coronavirus. “È una buona cosa, perché come persona affetta da BPCO, probabilmente non sarei in grado di sopravvivere a questo. Sono così felice di avere di nuovo un po’ di protezione extra.”