QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La partecipazione a Lifelines può aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari

Le misurazioni effettuate durante lo studio hanno mostrato che più di 2.000 partecipanti avevano un alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Su consiglio del loro medico di base, ora usano farmaci preventivi come abbassatori di pressione sanguigna.

Fattori di rischio nella foto

Durante una visita a Lifelines, ogni partecipante viene determinato se ha fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari, come l’ipertensione o il colesterolo alto. I fattori di rischio appena identificati vengono forniti sia al partecipante che al medico di base. A seguito di questi commenti, i ricercatori hanno notato un aumento dell’uso di farmaci antipertensivi tra i partecipanti a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Molto positivo

Ciò contribuisce alla salute dei partecipanti, ed è quindi molto positivo, afferma il medico e ricercatore Yildao van der End: “A un gran numero di partecipanti alla linea di vita che hanno un alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari non è stata precedentemente prescritta alcuna pressione sanguigna o farmaci per abbassare il colesterolo. Per le linee guida che dovrebbero. Le persone potrebbero non essere consapevoli dell’esistenza di fattori di rischio; “screening” attraverso la loro partecipazione alla linea di vita, questi stanno ora emergendo alla luce. Affrontando i fattori di rischio, questo è probabile per ridurre il numero di persone che sono effettivamente infette. Malattie cardiovascolari. Ciò richiederà ulteriori ricerche “.

Moltissimi dati

Lifeline contribuisce all’obiettivo di aiutare le persone a invecchiare con una salute migliore in futuro. Nel 2006, Lifelines ha iniziato a raccogliere dati da oltre 167.000 partecipanti dal nord dei Paesi Bassi: una ricchezza di dati. All’inizio di Lifeline nel 2006, ci si aspettava che i partecipanti venissero a conoscenza di fattori di rischio o danni alla salute di cui non erano a conoscenza. Rilevandoli in una fase molto precoce, questi partecipanti possono essere trattati precocemente. Questo ovviamente funziona in modo profilattico contro i danni più gravi alla salute. Dal 2019, i partecipanti a Lifelines sono stati invitati per la terza volta a donare materiali corporei (come sangue e urina) e completare sondaggi. Utilizzando questi dati, i ricercatori possono quindi agire per contribuire a un invecchiamento più sano.

READ  Tuta con testo a favore della vaccinazione, venduta da VVD