QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La ricerca: molte persone con gravi lamentele di COVID-19 non si riprendono o non si riprendono

La ricerca: molte persone con gravi lamentele di COVID-19 non si riprendono o non si riprendono

Il recupero spesso non riesce a raggiungere le persone con gravi disturbi polmonari. Questa è la principale conclusione dei risultati provvisori del nuovo studio sulla malattia condotto da Erasmus MC in collaborazione con l’organizzazione di post-terapia C-support. Quasi 4.500 persone hanno completato per la seconda volta un sondaggio, dal quale è emerso che la situazione per circa la metà di loro non è cambiata rispetto all’anno precedente. ricerca È in corso da due anni e continuerà almeno fino a febbraio del prossimo anno.

“La maggior parte delle persone fa pochi o nessun progresso”, afferma la ricercatrice Erasmus MC Stella Heemskerk. “Vediamo che molte persone sono bloccate in cerca di cure: riferiscono di non ricevere più cure, ma sono ancora malate. Uno dei motivi è che secondo il loro medico non sono più curabili”. Le lamentele più comuni sono estrema stanchezza, sovrastimolazione e problemi cognitivi, come dimenticanza e scarsa concentrazione.

Nota a margine: i partecipanti allo studio sono registrati presso C-support, un’organizzazione a cui le persone con malattia polmonare COVID possono rivolgersi per ricevere supporto. Di solito si tratta di persone con molte gravi lamentele. “I risultati si applicano meno al paziente polmonare medio, ma al gruppo che in realtà soffre relativamente di più”, afferma Heemskerk. Si sa che un totale di 26.000 persone sostengono C. Non è chiaro esattamente quanti olandesi soffrano di malattia polmonare da Covid. Le stime vanno da 600.000 a 900.000.

L’impatto sulla qualità della vita è enorme, dice Heemskerk. L’85% afferma di avere problemi a dormire. In media, i partecipanti allo studio hanno assegnato alla loro qualità di vita un punteggio di 5,8 su una scala di 10 – per l’olandese medio, questo è 8,9. Assegnano alla loro salute generale un punteggio di 52 su 100, rispetto all’82 dell’olandese medio.

READ  Orari di apertura degli ambulatori RGD prolungati a causa dell'epidemia di rotavirus

“molto solo”

In parte a causa della perdita del lavoro; Molte persone con gravi disturbi polmonari hanno smesso di funzionare. Il 95 percento degli intervistati lavorava per guadagno prima di contrarre il coronavirus, e ora è solo il 68 percento. Di questi, il 41 per cento ha iniziato a lavorare meno ore: una media di quindici ore settimanali in meno rispetto a prima. L’88% dei partecipanti che sono stati valutati per disabilità ha ricevuto sussidi. Anche la vita sociale soffre di lamentele: 1 partecipante su 5 si sente “molto solo”.

Leggi anche: Questa storia riguarda l’impossibilità di lavorare a causa del polmone covid

La ricerca mostra come migliorare l’assistenza a questi pazienti, afferma Annemieke de Groot, direttrice di C-support. I pazienti di solito vedono molti operatori sanitari diversi. “Fisioterapista, terapista occupazionale, cardiologo, internista, neurologo. Va avanti e indietro tra medico di base e specialista. Darai ai pazienti che possono andare in un posto dove tutto è raccolto, ad esempio un ambulatorio. Dovrebbe essere più efficiente .”veramente”.

De Groot afferma che i risultati mostrano “una mancanza di un filo conduttore” tra i pazienti, il che significa che è ancora arbitrario se qualcuno abbia o meno lamentele di lunga data sull’infezione da corona. “Alcuni hanno una condizione di base, altri no. Alcuni ce l’hanno dopo la prima infezione, altri dopo la terza. Alcuni sono più pesanti o più anziani, altri sono in forma, sani e giovani”. È vero che relativamente la maggior parte delle persone ha contratto il COVID-19 nel primo anno di Corona. “In una fase successiva, quando iniziano le vaccinazioni, vediamo meno persone malate da molto tempo”.

READ  Un nuovo record per la vernice più bianca di sempre

Il ricercatore Heemskerk afferma che il prossimo passo nella ricerca è quello che viene chiamato analisi di sottogruppi. “Vogliamo vedere se siamo in grado di identificare caratteristiche specifiche dei sottogruppi”. Persone che si sono riprese o la cui salute è migliorata almeno leggermente, per esempio. Quali sono le caratteristiche dei pazienti in quel gruppo? Vogliamo esaminare l’età, il sesso, le condizioni sottostanti e la qualità della vita, tra le altre cose. Dobbiamo raccogliere quanta più conoscenza possibile”.