QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La scimmia Rhesus ReTro è una “svolta tecnica” nel campo della clonazione

La scimmia Rhesus ReTro è una “svolta tecnica” nel campo della clonazione

Scimmia rhesus retrò clonata, qui diciassette mesi

Noos Notizie

  • Bo van Straten

    Redattore scientifico

  • Bo van Straten

    Redattore scientifico

Scienziati cinesi sono riusciti a clonare con successo una scimmia rhesus. Dicono che la scimmia, chiamata ReTro, abbia ora due anni e sia ancora in buona salute un favore Sulla rivista scientifica Nature Communications. Il nuovo studio mostra che gli scienziati stanno migliorando la tecnologia di clonazione dei primati.

Questa è la prima volta che una scimmia rhesus, un tipo di scimmia solitamente utilizzata per testare farmaci sugli animali, è stata clonata con successo ed è nata sana. Grazie al nuovo metodo, una percentuale maggiore di animali clonati può nascere con successo, afferma il ricercatore Qiang Sun: “Quindi abbiamo bisogno di meno embrioni e madri surrogate per ottenere scimmie clonate”.

“Un passo avanti importante”

“Si tratta di una svolta tecnica nel campo della clonazione”, afferma Niels Jaysen, professore di medicina rigenerativa presso il Leiden University Medical Center, non coinvolto nello studio. “Sembra che alcuni dei problemi esistiti finora nella clonazione siano stati superati”.

La biologa dello sviluppo Christine Mummery, anch'essa del LUMC, ritiene che questo sia un passo importante: “È notevole che questa tecnica offra maggiori possibilità di sopravvivenza. Questa è la prima volta, in studi precedenti, che le scimmie clonate sono morte così rapidamente”.

La scimmia rhesus clonata da ReTro ha ora due anni ed è ancora sana

Un problema con la clonazione è il “reset” della cella utilizzata per la clonazione. Nella cellula della pelle, spesso utilizzata per la clonazione, alcuni geni sono più o meno attivi. È necessario ripristinare tutte queste impostazioni su zero. “I geni responsabili della crescita spesso non vengono ripristinati correttamente e quindi il feto diventa troppo grande o troppo piccolo”, spiega Geysen. Grazie ad una placenta sana, questo problema non si è verificato con ReTro.

READ  Science Café > Come funziona (meglio) la nostra memoria?

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno iniziato con due embrioni, uno creato mediante clonazione e l’altro mediante inseminazione artificiale. I ricercatori hanno poi combinato le cellule embrionali dell'embrione clonato con le cellule placentari dell'embrione IVF. Ciò ha permesso alla placenta di svilupparsi meglio.

Nel 2018 sono stati clonati due cuccioli di scimmia. A quel tempo, gli scienziati erano scettici sul fatto che potessero invecchiare in modo sano. Ma Zhong Zhong e Hua Hua, come vengono chiamate le scimmie, ora hanno sei anni e sono ancora in buona salute.

Animali da laboratorio

Le scimmie Rhesus sono spesso usate come animali da laboratorio perché assomigliano in molti modi agli esseri umani. In Europa e negli Stati Uniti, l’obiettivo è utilizzare meno animali da laboratorio, o addirittura non utilizzarli affatto. Presso l'Istituto Hubrecht di Utrecht, ad esempio, si coltivano piccoli organi da cellule umane, sui quali si possono testare anche tutti i tipi di farmaci. “Ma per alcuni farmaci è necessario l'intero sistema. Quindi dovrai testarli su animali da laboratorio.”

La tecnologia della clonazione può svolgere un ruolo nel ridurre la sofferenza degli animali. Poiché i cloni sono geneticamente identici, sono necessari meno animali per ottenere risultati affidabili. Ciò significa che è possibile testare numeri più piccoli.

Jason sottolinea che questo progresso non ha avvicinato ulteriormente la clonazione umana: “Tecnicamente è già possibile. Negli Stati Uniti le cellule umane vengono clonate già da anni. Ma non esiste un solo paese al mondo in cui la clonazione umana è consentita. ” Bambino.da fare.”