QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Debolezze Wallon dimenticate – Riviste di tendenza su PC

È noto che esiste un divario tra le Fiandre e la Vallonia in termini di occupazione e prosperità. Ma ci sono ancora differenze, che ricevono meno attenzione: una differenza nelle dimensioni del settore pubblico e privato, un sistema educativo vallone al di sotto degli standard, disoccupazione strutturale a lungo termine e povertà, secondo uno studio della VOCA.

38.182 euro. Secondo Statistics Flanders, questa è l’attività economica pro capite nelle Fiandre nel 2021. Si tratta del 40% in più rispetto alla Vallonia con 27.246 euro, ma inferiore a quella di Bruxelles con 64.204 euro pro capite. Questa immagine è distorta dai viaggiatori nell’area metropolitana. Con la correzione del flusso di passeggeri, l’attività economica scenderà a 38.555 euro pro capite. Poi Fiandre e Vallonia hanno totalizzato rispettivamente 40.821 e 30.928 euro. In ogni scenario, il divario di ricchezza tra le Fiandre e la Vallonia rimane ampio. Le ragioni sono note. Il basso tasso di occupazione vallone (64,4%) mantiene la differenza con le Fiandre (74,7%). Nonostante le misure di sostegno europee ei Piani Marshall, la Vallonia porta ancora con sé l’eredità dell’industria pesante in declino dagli anni ’60. Negli ultimi decenni, le Fiandre sono state in grado di navigare le onde della globalizzazione come un’economia aperta con importanti porti.

38.182 euro. Secondo Statistics Flanders, questa è l’attività economica pro capite nelle Fiandre nel 2021. Si tratta del 40% in più rispetto alla Vallonia con 27.246 euro, ma inferiore a quella di Bruxelles con 64.204 euro pro capite. Questa immagine è distorta dai viaggiatori nell’area metropolitana. Con la correzione del flusso di passeggeri, l’attività economica scenderà a 38.555 euro pro capite. Poi Fiandre e Vallonia hanno totalizzato rispettivamente 40.821 e 30.928 euro. In ogni scenario, il divario di ricchezza tra le Fiandre e la Vallonia rimane ampio. Le ragioni sono note. Il basso tasso di occupazione vallone (64,4%) mantiene la differenza con le Fiandre (74,7%). Nonostante le misure di sostegno europee ei Piani Marshall, la Vallonia porta ancora con sé l’eredità dell’industria pesante in declino dagli anni ’60. Negli ultimi decenni, le Fiandre sono state in grado di navigare le onde della globalizzazione come un’economia aperta con importanti porti. Tra il 1955 e il 2019, l’economia fiamminga è cresciuta in media del 2,9% annuo, l’economia vallone del 2% e l’economia di Bruxelles dell’1,9%. Sarebbe un errore concentrarsi esclusivamente sull’occupazione come causa del divario di ricchezza. In un nuovo studio, Bart van Kraenst, capo economista di Foca, sottolinea altre differenze economiche tra le tre regioni e in particolare tra le Fiandre e la Vallonia. Il settore pubblico nelle Fiandre rappresenta il 18,1% del valore aggiunto dell’economia regionale. In Vallonia, questa percentuale è del 27,4%. “Questo avvicina le Fiandre alla media europea, mentre la Vallonia è uno dei pesi massimi nel settore pubblico”, afferma Van Kraenst. Significa anche un settore privato arretrato”. Ciò grava su crescita e prosperità. Il numero di giovani è inferiore in Vallonia che nelle Fiandre: 11 contro 15 per 1.000 abitanti in età attiva. Da tempo le Fiandre sono preoccupate per il deterioramento di PISA punteggi sulla qualità dell’istruzione È vero, ma ti fa dimenticare che la situazione al di sotto del confine linguistico è tragica Il punteggio medio vallone PISA per matematica, scienze e lettura ha oscillato intorno a 490 per anni Fiandre a 510, anche se il divario si sta riducendo , perché nel 2003 il Belgio settentrionale ha raggiunto il picco di 540. In Vallonia, circa il 20% dei bambini di età compresa tra 20 e 24 anni non possiede un diploma di istruzione secondaria superiore, con conseguenze per il mercato del lavoro, dove c’è una percentuale relativamente alta di giovani che sono né occupati né istruiti. Vallonia, questo si riferisce al 15 per cento delle persone di età compresa tra 18 e 24 anni, “un gruppo a rischio di perdita permanente nel mercato del lavoro”, secondo Van Kraenst. “Il fatto che il disallineamento nel mercato del lavoro vallone porta a una carenza, mentre il 35 percento dei Colors di età compresa tra 20 e 64 anni non lo sa colorato, indicando un improbabile fallimento della politica.” Alla fine degli anni ’90, la differenza nel tasso di occupazione nelle Fiandre e in Vallonia era di poco superiore al 7%. Oggi è aumentato al 10%. Nel 2020, il tasso di disoccupazione nelle Fiandre è del 3,3%. Nelle regioni europee superiori questo era del 2,5-3 percento e la media europea era del 6,9 percento. La Vallonia ha un problema con un tasso di disoccupazione del 7,2%. Solo un quarto dei fiamminghi in cerca di lavoro è disoccupato da più di dodici mesi. In Vallonia, più della metà delle persone in cerca di lavoro si trova in questo stato da più di un anno, il che indica un importante problema strutturale (vedi grafico Differenze dimenticate tra fiamminghi e valloni). Un belga su cinque è a rischio di povertà o esclusione sociale. Questo rischio è determinato da variabili come reddito inferiore al 60 per cento del reddito medio, incapacità di pagare spese come affitto o riscaldamento o costi imprevisti e famiglie con poco lavoro. Il carattere nazionale nasconde significative differenze regionali. Il rischio di povertà ed esclusione sociale è del 24,6 per cento in Vallonia e del 37,8 per cento a Bruxelles. Nelle Fiandre questa percentuale è del 13,2%. Secondo Bart van Kraenst, la povertà spesso convive con la mancanza di lavoro. “Il fenomeno dei lavoratori poveri è meno diffuso qui che in altri paesi. I disoccupati in particolare corrono un rischio maggiore di cadere in povertà. In questo senso, gli alti tassi di povertà in Vallonia e Bruxelles sono strettamente legati alla difficile situazione lavorativa in entrambi sono testimoniati anche dal numero di persone che vivono in famiglie con un’intensità di lavoro molto bassa. In Vallonia questo rappresenta il 17 percento della popolazione, e a Bruxelles il 24 percento. Nelle Fiandre la loro quota è limitata al 7,4 percento”. Van Kraenst scrive che la divisione economica non è priva di pericoli. Ha implicazioni per la coesione economica e politica di un paese. “La dinamica naturale della convergenza non è imminente e anche la politica non riesce a garantire l’inversione”. L’economista Voka avanza proposte a prima vista non molto nuove. Sostiene una maggiore flessibilità nella politica a livello regionale, e certamente nella politica del mercato del lavoro. Van Craeynest avanza anche proposte che restano tabù: le regioni dovrebbero decidere l’accesso ai benefici e le modalità per ottenerli e definire le retribuzioni più specifiche a livello regionale. Nonostante le importanti differenze nel tasso di occupazione e nella produttività, la crescita dei salari è la stessa nelle diverse regioni, sostiene. Tra il 1995 e il 2019, c’era appena una differenza di 0,05 punti percentuali nel tasso di crescita salariale medio annuo per dipendente. Nelle Fiandre era del 2,29 per cento annuo, in Vallonia del 2,24 per cento ea Bruxelles del 2,25 per cento. Questo è il risultato del nostro sistema centralizzato di formazione dei salari con un indicatore automatico. “Sia lo standard salariale che gli indicatori sono fissati a livello nazionale, il che lascia pochissimo spazio per adattare la dinamica salariale alla situazione del mercato del lavoro in ciascuna regione. In questo modo, le regioni economicamente più deboli sono gravate da dinamiche salariali molto forti”, dice Van Krenst. “Ad esempio, il costo unitario del lavoro in Vallonia è di circa il 6% superiore a quello delle Fiandre, il che significa che esiste una barriera al costo salariale in Vallonia. La formazione nazionale dei salari impedisce alle regioni economicamente più deboli di costruire un vantaggio competitivo attraverso salari relativamente bassi. ”

READ  diretto | Danny, 21 anni, contagiato da Corona, abbraccia pienamente il club dopo un errore nel risultato del test, e un ministro francese avverte della quarta ondata interna