QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La sopravvivenza dopo una diagnosi di cancro continua ad aumentare

La sopravvivenza dopo una diagnosi di cancro continua ad aumentare

In occasione della Giornata mondiale contro il cancro, la Cancer Foundation ha annunciato che le possibilità di sopravvivenza dopo una diagnosi di cancro sono aumentate notevolmente negli ultimi decenni. Si stima che nel nostro Paese circa 185.000 persone in più siano sopravvissute al cancro negli ultimi 30 anni.

Se i tassi di mortalità per cancro fossero rimasti ai livelli del 1989, ci sarebbero stati altri 185.000 decessi in Belgio negli ultimi tre decenni. Questo è stato calcolato dalla Foundation for Cancer Registry. Le morti evitate sono quindi direttamente proporzionali alle vite aggiuntive salvate grazie ai progressi nella lotta contro il cancro. Per gli uomini, questa percentuale è di 133.000 vite e per le donne è di circa 53.000. Diviso per tipo di cancro, il beneficio maggiore per gli uomini è il cancro alla prostata e al colon, mentre per le donne questo riguarda principalmente i pazienti con cancro al seno e al colon.

Questo straordinario progresso è in parte il risultato di una ricerca pionieristica e innovativa, finanziata e supportata congiuntamente da The Cancer Foundation. Negli ultimi 30 anni, quasi 100 progetti di ricerca sono stati sostenuti in questo modo.

© Fondazione Cancro

Immunoterapia e oncologia di precisione

L’oncologia di precisione e la ben nota immunoterapia sono le due maggiori rivoluzioni nel trattamento del cancro degli ultimi anni. Con la conoscenza dei meccanismi molecolari del cancro, i medici possono ora determinare i migliori farmaci che funzionano meglio per ogni paziente. Molecolarmente, alcuni tipi di cancro come il cancro al seno e ai polmoni possono essere caratterizzati e trattati a seconda del sottotipo. In questo modo si possono utilizzare farmaci più efficaci e meno tossici.

Anche l’immunoterapia continua a svilupparsi a un ritmo rapido. Il sistema immunitario del paziente viene supportato o reso più attivo attraverso il trattamento. Buoni risultati sono stati ottenuti con alcuni tipi di cancro ai polmoni, all’intestino, al melanoma e ai reni, e fa ben sperare per gliomi (tumori al cervello), tumori allo stomaco e una serie di altri tipi di cancro.

READ  Il sangue del cervo dalla coda bianca uccide i batteri che causano la malattia di Lyme

Controlla di più e meglio

Nell’Unione Europea, circa il 40% dei tumori è prevenibile. Questo è il motivo per cui rimane importante concentrarsi su una migliore prevenzione e uno screening più completo. La prevenzione è anche una strategia conveniente per combattere il cancro a lungo termine. “La diagnosi precoce del cancro del collo dell’utero, della mammella e del colon salva già molte vite e molti partecipanti godono ancora di un’elevata qualità della vita. Ma la partecipazione a questi programmi di screening dovrebbe aumentare ulteriormente e nessun sottogruppo dovrebbe essere lasciato indietro. Stiamo ancora ottenendo risultati inferiori a quelli richiesti livello I Paesi Bassi, ad esempio, attualmente raggiungono solo 1 donna su 2 con lo screening del cancro al seno, mentre nei Paesi Bassi è dell’80% e solo la metà del gruppo target partecipa allo screening del cancro intestinale.

Inoltre, altri nuovi programmi di screening del cancro, come lo screening del cancro del polmone, sono sospesi, il che potrebbe portare ancora una volta significativi benefici per la salute, afferma il professor Guido van Hall (Università di Anversa). Sta prendendo parte a un nuovo progetto della Cancer Foundation per determinare come organizzare tale screening per il cancro ai polmoni.Questo tipo di cancro si verifica frequentemente ma non è attualmente sottoposto a screening, il che significa che spesso viene rilevato troppo tardi.

Screening del cancro al polmone?

Ciò rende il trattamento molto difficile e le possibilità di sopravvivenza inferiori. “Studi recenti dimostrano che se eseguiamo screening per il cancro ai polmoni, le morti per cancro ai polmoni possono essere significativamente ridotte, sia negli uomini che nelle donne”. L’ostacolo qui è identificare il gruppo target ammissibile. Ad esempio, non esistono elenchi di fumatori ed ex fumatori, quindi i ricercatori devono cercare altri canali per reclutare gruppi target idonei per tale screening.

READ  Involtini di verdure malsani (e altamente fuorvianti).

Se i tassi di mortalità per cancro fossero rimasti ai livelli del 1989, ci sarebbero stati altri 185.000 decessi in Belgio negli ultimi tre decenni. Questo è stato calcolato dalla Foundation for Cancer Registry. Le morti evitate sono quindi direttamente proporzionali alle vite aggiuntive salvate grazie ai progressi nella lotta contro il cancro. Per gli uomini, questa percentuale è di 133.000 vite e per le donne è di circa 53.000. Diviso per tipo di cancro, il beneficio maggiore per gli uomini è il cancro alla prostata e al colon, mentre per le donne questo riguarda principalmente i pazienti con cancro al seno e al colon. Questo straordinario progresso è in parte il risultato di una ricerca rivoluzionaria e innovativa, finanziata e supportata congiuntamente da The Cancer Foundation. Negli ultimi 30 anni, quasi 100 progetti di ricerca sono stati sostenuti in questo modo. L’oncologia di precisione e la ben nota immunoterapia sono le due maggiori rivoluzioni nel trattamento del cancro degli ultimi anni. Con la conoscenza dei meccanismi molecolari del cancro, i medici possono ora determinare i migliori farmaci che funzionano meglio per ogni paziente. Molecolarmente, alcuni tipi di cancro come il cancro al seno e ai polmoni possono essere caratterizzati e trattati a seconda del sottotipo. In questo modo si possono utilizzare farmaci più efficaci e meno tossici.Anche l’immunoterapia continua a svilupparsi a ritmo sostenuto. Il sistema immunitario del paziente viene supportato o reso più attivo attraverso il trattamento. Buoni risultati sono stati ottenuti con alcuni tipi di cancro del polmone, del colon, del melanoma e del rene e fanno ben sperare per gliomi (tumori al cervello), tumori allo stomaco e una serie di altri tipi di cancro.Nell’Unione europea, circa il 40% dei casi di cancro è prevenibile. Questo è il motivo per cui rimane importante concentrarsi su una migliore prevenzione e uno screening più completo. La prevenzione è anche una strategia conveniente per combattere il cancro a lungo termine. “La diagnosi precoce del cancro del collo dell’utero, della mammella e del colon salva già molte vite e molti partecipanti godono ancora di un’elevata qualità della vita. Ma la partecipazione a questi programmi di screening dovrebbe aumentare ulteriormente e nessun sottogruppo dovrebbe essere lasciato indietro. Stiamo ancora ottenendo risultati inferiori alla media con nei Paesi Bassi, ad esempio, lo screening del cancro al seno oggi raggiunge solo una donna su due, mentre nei Paesi Bassi è dell’80% e solo la metà del gruppo target partecipa allo screening del cancro intestinale. Inoltre, ci sono altri e nuovi programmi di screening perché cancro Nella lista d’attesa, come lo screening del cancro ai polmoni, il che significa che si possono ottenere di nuovo molti miglioramenti in termini di salute”, afferma il professor Guido van Hall (Università di Anversa). Sta prendendo parte a un nuovo progetto della Cancer Foundation per vedere come potrebbe essere organizzato tale screening per il cancro ai polmoni. Questo tipo di cancro è comune, ma attualmente non è sottoposto a screening, il che significa che spesso viene rilevato troppo tardi. Ciò rende il trattamento molto difficile e le possibilità di sopravvivenza inferiori. “Studi recenti dimostrano che se eseguiamo screening per il cancro ai polmoni, le morti per cancro ai polmoni possono essere significativamente ridotte, sia negli uomini che nelle donne”. L’ostacolo qui è identificare il gruppo target ammissibile. Ad esempio, non esistono elenchi di fumatori ed ex fumatori, quindi i ricercatori devono cercare altri canali per reclutare gruppi target idonei per tale screening.

READ  Il collaboratore di Knowledge Hugo de Graaf parla di demenza in Het Imhuis