QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La stanchezza aumenta ancora le possibilità di essere licenziato anni dopo | interno

Coloro che hanno sperimentato il burnout corrono un rischio maggiore di espulsione in seguito. Lo dimostra un nuovo studio dell’Università di Gand di cui scrive De Morgen. “È un timbro difficile da cancellare”, ha detto al giornale il ricercatore PhD Philip Stirkins.

Sempre più persone vivono a casa con il burnout. Tra il 2018 e il 2021, si è trattato di un aumento del 66%, secondo i fondi di assicurazione sanitaria indipendenti calcolati di recente. Se guardiamo alle sole Fiandre, il Social and Economic Council (SERV) stima che il numero di dipendenti che soffrono di burnout sia almeno 53.000. Uno su tre di loro è a casa da più di un anno.

Sebbene molti trovino la strada per tornare al loro lavoro, non possono lasciarsi alle spalle il loro passato, ha scritto De Morgen. Anni dopo, chiunque soffra di burnout ha ancora maggiori possibilità di essere licenziato durante una ristrutturazione. Questa è la conclusione del ricercatore di dottorato Philip Stirkens del Centro interdisciplinare UGent UGent@Work, che è anche affiliato con il promotore ed esperto di economia del lavoro Stijn Burt.

Opportunità promozionali e di lavoro

“In ricerche precedenti, abbiamo dimostrato che il burnout compromette le future opportunità di impiego e promozione”, afferma Stirkins. “Ora si scopre che anche i dipendenti con una storia di burnout hanno maggiori probabilità di essere selezionati per il licenziamento”.

Il ricercatore afferma che l’impatto del burnout sul resto della professione non può essere sottovalutato. “È un personaggio difficile da cancellare”.

Altre cause di assenteismo di lunga durata, come la condizione fisica o il congedo parentale, non sono penalizzate. Anche l’età dell’allenatore gioca un ruolo: più è vecchio, più è severo nella storia del burnout.

READ  I giganti della tecnologia stanno crollando a Wall Street | Economia

Per lo studio, a 197 presidi degli Stati Uniti è stata fornita una serie di 27 profili fittizi, in cui sono state fornite informazioni, tra le altre cose, su sesso, età, prestazioni e assenteismo. Poi hanno chiesto chi stesse sparando. “Siamo convinti di poter mostrare i risultati alle Fiandre, perché meccanismi simili sono in gioco qui in studi comparabili”, sembra.

“L’eccessivo stress lavorativo non è la causa principale”: lo psicologo discute fatti e miti sul burnout (+)

“In media, la produttività aumenta dal 10 al 13 percento quando i dipendenti si sentono bene con se stessi”: un esperto di denaro spiega come un manager può farlo accadere (+)

Il tuo capo è un gabbiano, occupato, impegnato o un poster di etichetta? Ecco come ti comporti con lui o lei! (+)