QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La stimolazione cerebrale dovrebbe garantire un migliore recupero dopo un ictus

La stimolazione cerebrale dovrebbe garantire un migliore recupero dopo un ictus

Fatti medici editoriali / Janine Budding 06 aprile 2023 – 00:34

4 milioni per la ricerca sul recupero motorio dopo un ictus mediante stimolazione cerebrale magnetica

I ricercatori dell’UMC Utrecht hanno ricevuto una sovvenzione di 4 milioni di euro dal programma Zorginstituut Promising Care. Questo denaro è per la ricerca sul recupero motorio dopo l’ictus mediante stimolazione cerebrale. Se il risultato è positivo, il trattamento sarà incluso nel pacchetto di assicurazione sanitaria di base.

Ogni anno, circa 40.000 persone nei Paesi Bassi subiscono un ictus. Molte persone continuano a lamentarsi dopo. Ad esempio, sono meno in grado di muovere la mano e/o il braccio e, di conseguenza, sono limitati nella loro vita quotidiana. Attualmente, non esiste un trattamento efficace dimostrato se questi disturbi sono ancora presenti da giorni a settimane dopo l’ictus. Il neuroscienziato Rick Dijkoizen, il neurologo Bart van der Warp e il medico di riabilitazione Anne Visser-Melle dell’UMC Utrecht lavoreranno con una serie di centri di riabilitazione olandesi per verificare se una forma di stimolazione cerebrale può migliorare il recupero motorio. Con il supporto di 4 milioni di euro di Zorginstituut e ZonMw, ora possono fare l’ultimo passo verso questo potenziale trattamento dell’ictus.

Risultati promettenti

Il supporto viene dal Promising Care Program, che è dedicato alla ricerca di un trattamento promettente. La ricerca è un seguito su larga scala di uno studio precedente (“B-STARS”) di UMC Utrecht. In questo studio, i ricercatori hanno dimostrato in 60 pazienti (ammessi alla riabilitazione di De Hoogstraat) che il funzionamento della mano e del braccio feriti è migliorato dopo il trattamento con la stimolazione cerebrale. I pazienti sono stati in grado di usare meglio le braccia nelle attività quotidiane, come sollevare una tazza di caffè, vestirsi e svolgere attività domestiche. Inoltre, i pazienti hanno indicato che la loro qualità di vita era migliorata.

READ  Vanaf nu ook jungens voor HPV-vaccinatie uitgenodigd

Stimolazione magnetica transcranica

Il metodo di stimolazione cerebrale utilizzato dai ricercatori si chiama “TMS”. Questo significa stimolazione magnetica transcranica. Le regioni del cervello vengono stimolate con un dispositivo a forma di asta con una bobina magnetica. Questo è un metodo sicuro e indolore, che puoi paragonare in termini di funzionamento alla ricarica wireless del tuo telefono. Se posizioni questo dispositivo in un punto specifico della testa, un’area chiave del cervello viene attivata o inibita. Poiché questa ricerca si concentra sul miglioramento della funzione del braccio e della mano, viene stimolata parte della corteccia motoria. Quest’area è responsabile del controllo delle mani e delle braccia.

“Al momento non sappiamo esattamente perché questa tecnica funzioni per gli ictus”, afferma il neuroscienziato Rick Dijkwesen. “Ora crediamo che la TMS possa ripristinare lo squilibrio tra i due emisferi del cervello. Attualmente stiamo anche conducendo ricerche su questo meccanismo presso UMC Utrecht. In precedenza, questo metodo sembrava troppo bello per essere vero, ma i risultati sono emersi esattamente come speravamo. Il nostro studio era ancora troppo piccolo per distribuire ampiamente il trattamento nei centri di riabilitazione. Si spera che le cose cambino dopo questa ricerca”.

La metà di tutti i centri di riabilitazione

Centinaia di pazienti che presto avranno avuto un ictus prenderanno parte a questo studio di follow-up, chiamato B-STARS-2. Lo studio si svolge nella metà di tutti i centri di riabilitazione nei Paesi Bassi. UMC Utrecht coordina il progetto in una collaborazione unica tra i Dipartimenti di Neuroimaging, Neurologia e Medicina Riabilitativa. Insieme, stanno lavorando per lo stesso obiettivo: sviluppare, per la prima volta, un trattamento per i disturbi motori che persistono dopo un ictus. Dijkhuizen: “Se funziona, sarà un grande passo avanti”.

READ  Prezzo senza appuntamento - DordtCentraal

Fonte: Utrecht UMC

Fatti medici editoriali / Janine Budding

Mi sono specializzato in notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che ogni giorno gli operatori sanitari siano informati di notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Entrambi hanno sviluppato notizie e notizie specifiche per operatori sanitari e prescrittori. I social media, la salute delle donne, la difesa dei pazienti, l’empowerment dei pazienti, la medicina personalizzata e l’assistenza 2.0 e la sfera sociale sono alcune delle cose principali a cui devo essere interessato.

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un addetto all’assistenza clienti freelance registrato e un broker di assistenza occasionale. Ho molta esperienza in diverse posizioni nel settore sanitario, sociale, medico e farmaceutico sia a livello nazionale che internazionale. Hanno una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. e le leggi sull’assistenza in base alle quali l’assistenza è regolata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per mantenere aggiornate le mie conoscenze e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto frequentando un master in Psicologia Applicata.

I miei post su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione di alcun imprenditore, né sono sponsorizzati da o a beneficio di alcun cliente o imprenditore.