QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La terapia digitale Mind + può migliorare la qualità della vita dei malati di Alzheimer

La terapia digitale Mind + può migliorare la qualità della vita dei malati di Alzheimer

A proposito di Brain+

  • Fondatore: Kim Baden-Christensen
  • Fondato nel: 2019 (2012)
  • Personale: 19
  • Raccolta fondi: oltre 10 milioni di euro
  • L’obiettivo finale: rendere disponibile la terapia digitale a chiunque soffra di demenza o Alzheimer.

Durante la sua “carriera classica”, Dane Kim Baden-Christensen è rimasto affascinato dalla psicologia dietro l’essere umano. Ha iniziato a leggere sempre più libri sulle neuroscienze. È così che ha scoperto la “neuroplasticità”: la capacità del nostro cervello di cambiare se stesso. e come gli esercizi al computer possono essere utilizzati per allenare il cervello e la cognizione (memoria, attenzione e capacità di apprendimento).

“Ho giocato a molti videogiochi da bambino. Quindi so quanto può essere divertente. È così che mi è venuta l’idea Cervello +. Combiniamo software con giochi e terapia cerebrale”. In primo luogo, la startup sviluppa esercizi cerebrali per persone “normali”, ma nel 2019 l’ha completamente riavviata. L’attenzione è ora interamente sui pazienti con demenza. In questo episodio di Starting the Day, Baden- Kristensen parla delle sue ambizioni e della tecnologia alla base dei suoi giochi.

Perché hai scelto di concentrarti sui pazienti affetti da demenza?

“Abbiamo iniziato con la formazione per tutti, ma l’idea era sempre quella di avere un impatto sulle persone con un disturbo neurologico. L’abbiamo provato per la prima volta in una sperimentazione clinica su persone con depressione, lesioni cerebrali e morbo di Parkinson. Abbiamo ricevuto molto supporto per questo e ha anche trovato i primi investitori per questo.Ma alla fine sono stati lanciati i sussidi dell’Unione europea per le innovazioni nella demenza.

Guarda: stiamo invecchiando. E la prevenzione e il trattamento delle cause di morte più comuni, come il cancro e le malattie cardiache, stanno diventando più complesse. Ma non esiste una cura per la demenza. Secondo la ricerca Alzheimer dall’Europa Ci saranno diciannove milioni di europei che convivranno con la demenza nel 2050. Motivi in ​​abbondanza per concentrarsi interamente su questo gruppo target. Non c’è quasi concorrenza, il problema è grande e l’UE vuole versarci denaro. Nel 2018 e nel 2019 abbiamo ricevuto due sovvenzioni di quasi cinque milioni di euro.

Su cosa si basa la terapia digitale Brain+?

Le nostre terapie digitali sono incentrate sulla terapia di stimolazione cognitiva (CST). Questo tipo di terapia è stato sviluppato dai ricercatori dell’University College di Londra. L’interazione psicosociale viene utilizzata per stimolare la cognizione, creare nuove connessioni attraverso i ricordi esistenti e stimolare la rete della memoria. Inoltre, contribuisce anche alla qualità della relazione tra il paziente ei suoi caregivers, in quanto facilita un modo organizzato di socializzazione. CST ha attualmente la più forte evidenza per la terapia dei sistemi cognitivi per la demenza. È raccomandato in esso Il World Alzheimer’s Report 2022 è molto apprezzato tra gli altri Organizzazione mondiale della sanità. Insieme agli scienziati di Via University College e University College London, abbiamo iniziato a sviluppare un prodotto software in grado di fornire CST. “

Cosa puoi offrire a un malato di demenza?

Una persona con malattia di Alzheimer o un’altra forma di demenza perde la capacità di ricordare le cose e concentrarsi su qualcosa. Di conseguenza, a poco a poco perdono la loro indipendenza, motivo per cui finiscono nelle case di cura. Questo è molto difficile, sia per i pazienti che per le persone che li circondano. Costa anche un sacco di soldi. La nostra missione è restituire la qualità della vita a queste persone. Brain+ non può fermare l’Alzheimer, ma con i nostri prodotti digitali possiamo offrire CST su larga scala. Questo trattamento ha dimostrato di rallentare costantemente la progressione della malattia per sei mesi”.

READ  Il Covid-19 a lungo termine colpisce un paziente su sette con corona

Che aspetto ha in pratica?

I pazienti si riuniscono in gruppi da cinque a otto persone. Hanno quindi una sessione di circa quaranta minuti con una serie di conversazioni e interazioni. Un esercizio di esempio potrebbe essere una conversazione sulle emozioni, su come le riconosciamo e sul ruolo che svolgono nella nostra vita. Il software costruisce e dirige le sessioni di terapia e si occupa del contenuto. Il nostro primo prodotto consisteva in 24 di queste sessioni.”

Quanto sei lontano adesso? Tutti possono davvero scaricare il tuo software?

“Il nostro primo prodotto è stato progettato per l’uso in cliniche e case di cura per persone affette da demenza. Le persone possono anche utilizzare un secondo prodotto Brain + CST a casa. Questo prodotto è attualmente in fase di ricerca e sviluppo. Inizialmente ci concentreremo sul Regno Unito e Germania, ma l’obiettivo è in definitiva essere in grado di persone provenienti da tutto il mondo utilizzare il nostro prodotto.