QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aiden (9 anni) pensa che l’iniezione di HPV sia ottima

Domenica sera, Aiden Mercemic di Dordrecht, 9 anni, ha discusso a lungo della questione con la madre: cancro alla bocca, al pene e all’ano. Lunedì mattina, erano insieme in una palestra a Dordrecht per farsi una vaccinazione contro l’HPV. Sua madre, Bianca, è felice che suo figlio sia stato uno dei primi maschi a ricevere questo vaccino. Aiden pensa che sia difficile per lui.

Lunedì, la prima volta che i ragazzi – nell’anno in cui hanno compiuto 10 anni – hanno ricevuto il vaccino HPV attraverso il National Immunization Program. In precedenza, questo scatto era disponibile solo per le ragazze. I ragazzi possono portare il virus e infettare gli altri con esso durante il contatto sessuale. benché cancro cervicale A causa del più comune virus del papilloma umano (HPV), il virus può causare malattie e malattie anche negli uomini. Più di 1.100 donne e quasi 400 uomini sviluppano il cancro ogni anno a causa dell’infezione da HPV. Secondo il RIVM, la vaccinazione può prevenirne l’80%.

C’è una lunga fila al sito di vaccinazione, una palestra nel sud di Dordrecht. Diversi bambini incontrano i loro compagni di classe e si fermano a salutarli. Il giovane staff di JGZ guida genitori e bambini alla poltrona per iniezione. Per coloro che trovano eccitante i pugni, c’è un primo soccorritore disponibile che aiuta i bambini a calmarsi.

Tom Driehuizen (12 anni) non ha paura. La scorsa settimana ha avuto una discussione con un collega sul vaccino contro l’HPV. Il ragazzo pensa che sia una sciocchezza. Allora ho detto: “Non voglio il cancro, quindi farò solo quella foto”. Sua madre, Miranda, è sollevata dal fatto che anche suo figlio – dopo le sue tre figlie – venga vaccinato. “È positivo che i ragazzi ora siano in grado di proteggere le ragazze e se stessi”.

READ  Pfizer protegge da una grave malattia di tipo delta, affermano esperti israeliani - Belgio

Leggi anche questo articolo: Vaccino contro il cancro cervicale

Prima era all’estero

Fino a poco tempo, molti genitori non sapevano che l’HPV colpisce anche la salute dei ragazzi. Mahmud Demir, il padre di Daphne di 9 anni, trova strano che se ne parli solo ora. “Le ragazze sono state vaccinate per anni, motivo per cui ho vaccinato anche mia figlia”. Ma non sa ancora del figlio di otto anni, che sarà convocato l’anno prossimo. “Cosa sanno ora che non sanno allora?”

In altri paesi europei come Germania, Belgio e Norvegia, i ragazzi sono stati vaccinati contro l’HPV da tempo. “Quando i Paesi Bassi hanno iniziato a vaccinarsi con l’HPV, non si sapeva quale percentuale di tumori correlati all’HPV fosse negli uomini”, afferma Gemma Kinter, ex capo di oncologia ginecologica presso Anthony van Leeuwenhoek, un ospedale specializzato in cancro. “Questo inizialmente era ben al di sotto del numero di casi di cancro cervicale a causa dell’HPV”.

Quello che dice Kinter è sbagliato: “Gli uomini che fanno sesso con uomini non sono protetti se vaccinamo solo le donne. Non se ne parla quasi”.

Secondo Joost Bormanns, primario di urologia all’Erasmus MC di Rotterdam, il fatto che l’impatto dell’HPV sugli uomini non stia ricevendo molta attenzione è dovuto anche al tabù basato sul cancro del pene e sul trattamento associato. In questa procedura (parte di) il pene viene amputato. Ciò ha un impatto significativo sull’immagine di sé e sulla qualità della vita di un uomo. Quindi i (ex) pazienti, così come i medici, si sentono riluttanti a parlarne pubblicamente”.

I Paesi Bassi hanno iniziato la loro prima campagna di vaccinazione contro l’HPV per le ragazze nel 2009. L’affluenza è stata bassa. La ricerca di RIVM mostra che i genitori hanno dubbi sull’efficacia del vaccino e sono preoccupati per i possibili effetti collaterali. Secondo Kinter, il colpo era legato anche al sesso: “La gente temeva che le loro figlie avrebbero avuto bisogno del colpo. Anche un certo numero di studiosi cristiani ha gridato: le ragazze non hanno bisogno di questo vaccino”.

READ  I telespettatori di LLDL sono rimasti indignati dopo le osservazioni anti-fax di Marion

380 euro

Dilara Yildirim, 26 anni, di Leerdam, è stato sussurrato a scuola di un jab: qualcosa contro una specie di malattie sessualmente trasmissibili. Se hai ricevuto un jab, ovviamente hai fatto sesso da bambina. “Nel villaggio c’era un’atmosfera: le nostre bambine non ne avevano bisogno”. Per Yildirim, molto non era chiaro anche sull’effetto e sull’efficacia. Ho deciso di non fare la foto. Adesso ha 26 anni ed è frustrata. Sente storie di donne con cellule in difficoltà e preferirebbe sparare.

Le donne di età superiore ai 18 anni, che sono al di fuori del programma nazionale di immunizzazione, devono pagare da sole il vaccino. RIVM vuole che uomini e donne di età compresa tra 18 e 26 anni siano vaccinati gratuitamente. Non si sa quando ciò sarà possibile. Uomini e donne sopra i 26 anni devono pagare per il tiro. Questo costa almeno 380 euro. Yildirim spera che questa campagna di vaccinazione inizi presto: “Avrò 27 anni ad ottobre”.

Secondo Nienke van Trommel, oncologo ginecologico di Antoni van Leeuwenhoek con particolare attenzione al cancro cervicale, il vaccino protegge meglio se non sei ancora sessualmente attivo. Quindi il rischio di cancro cervicale diminuisce di circa il 90%. Anche se il vaccino ha meno effetti in età avanzata, ha comunque senso vaccinarsi”.

Finora, Van Trommel non ha visto quasi nessuna donna malata di cancro nella sua clinica che ha rifiutato l’iniezione. Le prime donne a ricevere la vaccinazione saranno sottoposte a screening per la prima volta il prossimo anno. Penso che nei prossimi anni incontrerò le donne che hanno rifiutato la vaccinazione in quel momento”.

READ  Presentazione del piano di dosaggio per neonati di vitamina K pronto

Leggi anche questo articolo: Colpo HPV: anche da oggi ragazzi