QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vita è scomparsa dalla notte, la notte è scomparsa dalla vita

L’Annabel Theatre è chiuso, l’HipHopHuis ha spento le luci mesi fa e il Biergarten ha chiuso il bar all’aperto con deflettori a grandezza d’uomo. Dallo scoppio della pandemia di Corona, è stato buio dietro la stazione centrale di Rotterdam tra le 23:00 e le 5:00.

La notte è scomparsa dalla vita. Oppure, da visitatore del pub sotterraneo POING di Rotterdam, un po’ più lontano, commenta sornione: la vita è svanita dalla notte. E il peggio, dicono, è che quasi a nessuno sembra importare.

Prendete la conferenza stampa martedì scorso. Lì, sullo schermo è apparsa una riga: “I locali notturni sono ancora chiusi”. Possono fare proprio questo, dice Timo Koren, docente di storia culturale all’Università Erasmus. Nel 2019 ha condotto una ricerca sui locali notturni di Amsterdam.

Sperimentare

Sono chiamati animali notturni, persone la cui vita si svolge principalmente tra le undici di sera e le cinque del mattino. Per loro, questa è spesso l’ora più importante della giornata.

Thys Boer è presieduto da N8W8 Rotterdam, un organo consultivo indipendente che promuove la vita notturna. Secondo lui, la vita notturna garantisce lo sviluppo dei talenti, l’occupazione, la coesione sociale e aumenta l’attrattiva della città. Cosa significa la notte per se stessa? “La mia lista di cose da fare è piena durante il giorno e non ho bisogno di nulla dalla lista di notte.”

Tutti gli animali notturni trovano importante la vita notturna per gli stessi motivi. Durante la notte si conoscono, conoscono altre culture, si sentono connessi, vengono creati i progetti più belli e c’è spazio per sperimentare.

Chiedi a Ofra Benin, riproduttore di dischi e co-fondatore dell’operatore della stazione radio online: “Ho avuto il mio primo bacio nel club, poi sono seguite altre relazioni (d’amore). Ma ora sono tutti su un’app. Non può essere quella l’intenzione .”

O a Marcel Haug, proprietario dell’omonimo comedy club. “La notte attraversa i ranghi e i ranghi. Ho imparato molto sull’interazione sociale. “

Spesso non sanno dove finirà la notte e chi incontreranno. Ma questo non è più possibile in una vita in cui ogni coincidenza del biennio di incontro è stata demolita.

Thys Boer della N8W8 Rotterdam Foundation, impegnata nella vita notturna della città.
Foto: Dewertje Bravenbauer

La solitudine

Raven van Dorst vede che porta alla solitudine. per le serie TV animali notturni Il musicista di Rotterdam guida per tutta la notte, ma nelle ultime due stagioni la notte è stata quasi vuota. Dice che le poche persone che Van Durst incontra che non sono in coppia, spesso lottano con i propri demoni. “Non vedono l’ora di fare rete, ma non c’è nessuno in città, quindi sono soli fino all’alba, con le loro preoccupazioni”.

READ  Svelata l'eclissi dei sogni quantistici e i giochi Lucasfilm

Fino alla crisi del corona, anche lo stesso Van Dorst viveva principalmente di notte. “Preferirei essere sul palco, poi avere un buon odore in un camion.” Ma il tour europeo, che doveva seguire un album uscito poco prima della pandemia, è stato riprogrammato tre volte. Alla fine, Van Dorst lo ha demolito. “Con ogni cancellazione ho avuto un impatto sulla mia energia”. Poi, dopo un profondo sospiro: “Abbiamo fatto l’intero disco per Jan Lul”.

uomini civili coraggiosi

Non sorprende che la vita notturna non abbia avuto un ruolo di primo piano durante la pandemia di Corona. Alla fine degli anni ’90, quando la vita notturna era principalmente associata all’abuso di droghe, il governo nazionale trasferì la politica della vita notturna ai comuni. Poi, secondo la teoria Il sociologo americano Richard Florida, nella vita notturna per portare una classe creativa in città, per rilanciare il turismo e rendere così la città più interessante per gli investitori. “Non erano interessati al valore sociale della vita notturna”.

Voleva solo dire che la cultura notturna era fuori dai giochi per molto tempo quando Rutte et al. Inoltre, la gente della vita notturna si ribella alla cultura borghese. Allora dovranno improvvisamente chiedere aiuto a questa buona borghesia? “No, queste persone pensano: apri le cose il più velocemente possibile, e poi le sistemiamo noi stessi”.

Silenzio nella vita notturna di Rotterdam.
Foto: Dewertje Bravenbauer

ha varcato i suoi confini

“Cosa puoi aspettarti da un PM che parla di discoteche”, dice Theis Boyer. È seduto nel bar POING, che, vista la chiusura anticipata, è già pieno alle 20. “Ha vinto il cittadino che fa politica”. Boyer punta ad aprire chiese: di questo non si parla più. Ma che la vita notturna è anche una specie di religione, e che il club lo è Centro comunitario è essere? “Questo non passa.”

READ  Google rilascia la sua ultima anteprima per sviluppatori per Android 12 - tablet e telefoni - notizie

Leggi anche: L’abolizione della notte mostra il predominio dell’uomo comune

“Il fatto che la cultura notturna non sia riconosciuta come cultura è stato confermato in questa pandemia”, ha detto Ofra Benin al telefono. Sta andando a una festa ad Amsterdam. Il Benin, anche lei insegnante part-time alla Willem de Kooning Academy di Rotterdam, vede le conseguenze per i suoi studenti. Molti di loro soffrono di stanchezza o, come la chiami tu, a Noioso. “Non erano abbastanza motivati. Sedersi con i genitori nella Capelle aan den IJssel o nella casa degli studenti, e vedere le stesse persone più e più volte, non supera il limite. Stanno perdendo molto nel loro sviluppo .”

Maxime Limes al Comedy Club Haug.
Foto: Dewertje Bravenbauer

Questo è anche provino da Maxime Lems, studente alla Willem de Kooning Academy e cameriere al Haug Comedy Club. Aveva 19 anni quando è iniziata l’epidemia, stava appena iniziando la vita notturna. Ha imparato ad esprimersi lì e ha adottato uno stile di abbigliamento diverso e più audace. “Ho guardato gli altri e ho pensato: così puoi sembrare anche tu così!”

Quando la notte si è conclusa, si è rivelato doppiamente negativo per Maxim. Non solo perché non può più andare nei caffè e nei club, ma anche perché studia gestione ed eventi di eventi, ma questi eventi non accadono più. “Improvvisamente ho pensato: perché lo sto facendo? Ho fatto molte ricerche a tavolino, ma non ne sono uscito”.

Leggi anche: Ogni squadra sa che puoi vivere esperienze spirituali sulla pista da ballo

Ora lavora part-time al Comedy Club Marcel Haug e Debbie Van Polanen. Hanno realizzato il loro sogno, il loro club comico, nel 2019. Hanno iniziato in un edificio temporaneo e quattro mesi dopo si sono trasferiti nella loro attuale residenza ai piedi del Wilmsburg. È stato un anno in cui hanno investito molto e guadagnato così poco. Questo doveva accadere nel 2020, ma poi Corona ha colpito. Il club ha chiuso, lo staff è andato a casa e Marcel e Debbie sembravano insensibili da una sala vuota sopra Mas.

READ  Rumor: le APU per laptop AMD Rembrandt ottengono core Zen 3+ e GPU RDNA 2 - computer - notizie

Dicono di aver ricevuto scarso sostegno dal governo. Dopotutto, dipende dal volume delle vendite nel 2019, quando sono appena iniziate.

Marcel Haug e Debbie Van Polanen in Comedy Club Haug.
Foto: Dewertje Bravenbauer

Un caldo lampo politico

Hanno riaperto lo scorso fine settimana, con due spettacoli fino alle 22 e uno spettacolo la domenica pomeriggio. Ma i loro piani per la commedia a tarda notte sembrano lontani dall’essere realizzati. Sanno che la commedia a tarda notte ha una sua dinamica. “Il comico che appare nel cinema mainstream dopo il suo spettacolo è più svantaggiato, il pubblico è più fluido e i confini sono sfocati”. Hogg, che in precedenza aveva prenotato comici per festival e televisione, dice grandi spettacoli, ma quando può convincerli a esibirsi nel loro club? Nessuna idea.

Anche Thys Boer non osa prevedere quando si aprirà la notte. Ma quando verrà il momento, sarà una tempesta, dice. Poi c’è un disastro come l’anno scorso (Ballando con Janssen, come diceva Hugo de Jong). Un caldo lampo politico, Boyer chiama questa apertura, mira a guadagnare il piede bianco negli occhi del pubblico. Ecco perché la scienza deve prima dire cosa fare e l’imprenditore cosa è possibile. “Perché la vita notturna di un metro e mezzo, il boccaglio e il coprisedile obbligatori sono una vita notturna alternativa. Questa non può prosperare. “

La notte dovrebbe essere organizzata diversamente, dice Raven van Dorst. Tanto per cominciare a Rotterdam. Perché cosa vede Van Durst quando guida per la città di notte dopo la sparatoria? “Quattro ore dopo, sono aperti solo i ristoranti shawarma e due bar gay. Va bene per me, ma per chiunque altro?”

Van Dorst sostiene un approccio diverso. “Per due anni abbiamo provato la notte chiusa. Proviamo gli orari di chiusura che sono aperti da due anni, e poi l’imprenditore stesso decide quando chiudere la tenda”.

Forse Rotterdam tornerà a diventare un centro culturale, dice. “Perché ora è una città che si comporta come un piccolo villaggio”.