QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vita in città sembra avere un grave impatto sulla crescita e sullo sviluppo dei bambini

La vita in città sembra avere un grave impatto sulla crescita e sullo sviluppo dei bambini

I bambini soffrono degli effetti negativi derivanti dall’inquinamento atmosferico, dall’inquinamento acustico, dal sovraffollamento e dalla mancanza di spazi verdi. Tuttavia, i primi cinque anni della loro vita sono un periodo importante.

L’urbanizzazione è all’ordine del giorno. Nei prossimi dieci anni, infatti, le città cresceranno enormemente. Gli esperti prevedono che entro il 2030 oltre il 60% della popolazione mondiale vivrà in aree urbane. Ciò indica che la migrazione verso la città continua senza ostacoli. Questa non è necessariamente una buona notizia. Anche se è comodo avere tutto a portata di mano, la vita cittadina presenta anche molte sfide che non sono adatte ai bambini.

Preparare
Si prevede che le città cresceranno in modo significativo nei prossimi dieci anni. Gli scienziati prevedono che in soli dieci anni ci saranno fino a due miliardi di persone in più che vivranno nelle città. Il motore principale è lo sviluppo economico e la crescita della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Ma anche la globalizzazione e i miglioramenti nelle comunicazioni, nei trasporti e nell’assistenza sanitaria svolgono un ruolo. A proposito, questo non è molto sorprendente. Sappiamo, ad esempio, che lo sviluppo economico è strettamente legato all’urbanizzazione. Tuttavia, questa rapida urbanizzazione ha conseguenze urgenti. Ha un enorme impatto sulla natura; L’espansione urbana in un paese sottosviluppato distruggerà più di 180.000 chilometri quadrati di riserve naturali tra il 2000 e il 2030. Ciò significa una significativa perdita di biodiversità e un degrado degli ecosistemi.

In Studi recenti I ricercatori affermano che crescere in città, circondati da strutture in cemento e rumore costante, può ostacolare la crescita e lo sviluppo dei bambini. I risultati hanno evidenziato i vari fattori ambientali a cui sono esposti i bambini che vivono in città, come l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento acustico, la sovrappopolazione e la mancanza di spazi verdi. Sono soprattutto questi fattori che sembrano influenzarne la crescita e lo sviluppo.

READ  Ricerca: nuovi test sulla malattia di Lyme inaffidabili

inquinamento dell’aria
Uno dei focus principali dello studio erano gli effetti dell’inquinamento atmosferico. Se i bambini sono esposti a sostanze inquinanti come particolato e tossine provenienti dai veicoli e dall’industria, possono causare problemi respiratori come l’asma. A lungo termine, ciò può avere effetti negativi sullo sviluppo neurologico.

Mancanza di spazi verdi e blu
Un altro aspetto esaminato è la mancanza di spazi verdi e blu in molte aree urbane. I bambini perdono importanti esperienze sensoriali e opportunità di esplorazione quando non hanno accesso a parchi, giardini e natura. Ciò può influenzare il loro sviluppo fisico e mentale. Ad esempio, vivere in città è un noto fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi mentali. Dato che sempre più bambini e adolescenti soffrono di problemi di salute mentale, i ricercatori ritengono che sia importante capire come la progettazione urbana, in particolare l’accesso agli spazi verdi, possa aiutare a migliorare la loro salute mentale.

Isolamento sociale
E questa non è l’unica cosa. Ad esempio, nelle aree urbane, le famiglie hanno maggiori probabilità di affrontare sfide come l’isolamento sociale e il limitato sostegno da parte della comunità. Il ritmo frenetico della vita cittadina spesso fa sì che genitori e tutori si sentano isolati e gravati, con la conseguente mancanza di reti di supporto di base, così importanti per il sano sviluppo dei bambini piccoli.

Periodo importante
I risultati sono molto allarmanti. I primi 2.000 giorni di vita, dalla nascita ai cinque anni, sono molto importanti perché influenzano la salute del corpo, il pensiero, le abilità sociali e le emozioni per tutta la vita. A questo proposito i risultati sono molto utili. Perché questa comprensione dei rischi per la salute della vita cittadina può aiutare a pianificare e modellare gli ambienti urbani in modi migliori per i bambini.

READ  Non vuoi queste piante nel tuo giardino se soffri di raffreddore da fieno

Dimensioni
Pertanto, i ricercatori sperano che i risultati incoraggino l’azione. “I pianificatori urbani e i responsabili politici devono capire quanto siano importanti gli ambienti urbani quotidiani per la salute e il benessere delle persone”, afferma la ricercatrice Erica McIntyre. “Più spazi a misura di bambino, un ambiente più verde, la riduzione dell’inquinamento acustico e atmosferico e la promozione dell’attività fisica nei quartieri sono passi importanti che possono essere compiuti per contribuire allo sviluppo sano dei bambini”. Inoltre, secondo McIntyre, può anche aiutare a migliorare il coinvolgimento all’interno delle comunità. “I genitori possono trarre grandi benefici da programmi che forniscono loro formazione, opportunità di gioco di gruppo e accesso ai centri comunitari”, conclude. “Questo li aiuta a trovare sostegno e a costruire legami importanti durante le sfide della genitorialità”.

Sviluppo tecnologico
I ricercatori ritengono che anche i recenti progressi tecnologici potrebbero aiutare. Attualmente sono in corso molte ricerche su come ridurre l’inquinamento acustico, purificare l’aria e migliorare la progettazione delle città, con l’obiettivo di renderle più sane e migliorare il benessere delle persone.

Lo studio è solo l’inizio. Ad esempio, McIntyre sottolinea che sono necessari più ricerca, politiche migliori e un coinvolgimento attivo della comunità per affrontare le sfide che le famiglie devono affrontare nel crescere i figli nelle aree urbane. “Sebbene vivere in una città vivace offra molte opportunità, come un facile accesso a un’assistenza sanitaria di qualità, comporta anche sfide significative”, conclude. “Vogliamo attirare l’attenzione su questi problemi con il nostro studio e quindi identificare le aree chiave di ricerca. Ciò può aiutare a identificare ciò che è necessario per migliorare la progettazione della città e la politica sanitaria.”