QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’associazione spagnola dei consumatori sottolinea che ALDI, Lidl e Carrefour non hanno offerto una riduzione dell’IVA

MADRID – L’associazione dei consumatori spagnola FACUA non ha perso tempo e ha immediatamente inviato decine di ricercatori a controllare i supermercati in Spagna. FACUA lo ha fatto perché dal 1° gennaio 2023 è stata applicata l’IVA allo 0% su migliaia di merci, mentre oli e pasta hanno ricevuto una riduzione dell’IVA del 5%. La ricerca mostra che non tutti i supermercati sono ugualmente coerenti e non hanno offerto alcuna riduzione dell’IVA o poiché gli articoli sono diventati più costosi.

mangiare Quindi sette supermercati Mostrato Nella Commissione Nazionale per i Mercati e la Concorrenza (CNMC). Questi sono ALDI, Lidl, Alcampo, Carrefour, Dia, Eroski e Hipercor. Altri supermercati, come Mercadona e Hipercor in generale, stanno temporaneamente rispettando i requisiti di riduzione dell’IVA.

Come sapete, per sei mesi il governo spagnolo ha ridotto la super imposta sul valore aggiunto dal 4% allo 0% per i generi alimentari di base come pane, frutta, verdura, ecc., e ha ridotto l’imposta sul valore aggiunto dal 10% al 5% per oli come olive e oli. Olio di semi di girasole e pasta. Questo fa parte di un nuovo pacchetto di sussidi per compensare i costi elevati.

Secondo FACUA, questa è la prima fase di un’indagine in corso in cui l’associazione dei consumatori continuerà a monitorare i supermercati per diversi mesi. Durante questa prima fase, sono stati esaminati 676 prezzi presso Alcampo, ALDI, Carrefour, Día, Eroski, Lidl, Hipercor e Mercadona tra il 30 dicembre e il 3 gennaio. In 50 casi non vi è stata alcuna riduzione dell’IVA. Ad esempio, 32 aliquote sono le stesse di fine 2022, 11 non hanno alcuna riduzione complessiva dell’IVA e 7 sono aumentate.

READ  Aantal dagelijkse Facebook-gebruikers krimpt voor het eerst sinds oprichting - IT Pro - Nieuws

La catena di supermercati con il prezzo peggiore è Día al 16%, seguita da Carrefour al 10%, mentre Mercadona è allo 0% e solo l’1% a Hipercor. Su Día, 13 degli 80 prezzi controllati non erano corretti. In Carrefour si tratta di 11 prezzi rilevati su 113, in Eroski 8 su 92 e in Alcampo 6 su 96 rilevati.

In Lidl si tratta di 6 dei 70 prezzi esaminati, mentre in ALDI si tratta di 5 su 64. A Mercadona sono stati esaminati 83 prezzi e non sono stati trovati errori. Potresti qui Visualizza un elenco completo degli articoli cercati per ciascuna catena di supermercati e i relativi prezzi per il 30 dicembre e il 3 gennaio.