QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’attacco dei soldati israeliani all’ospedale Al-Shifa di Gaza costituisce un punto di svolta nella guerra?

L’attacco dei soldati israeliani all’ospedale Al-Shifa di Gaza costituisce un punto di svolta nella guerra?

Normalmente un ospedale non dovrebbe essere un bersaglio in guerra. Tuttavia, Israele ha invaso il più grande ospedale di Gaza. Hai oltrepassato la linea rossa?

Pietro Geurts

Soldati e carri armati sono entrati nell’ospedale?

Una cosa è certa: le forze israeliane hanno attaccato l’ospedale Al-Shifa, il più grande ospedale di Gaza, nelle prime ore di mercoledì. Secondo un portavoce dell’esercito israeliano si è trattato di “un’operazione precisa e diretta contro Hamas in una parte specifica” dell’ospedale. Nell’ospedale sarebbero state trovate “armi e infrastrutture terroristiche”, cosa che l’esercito israeliano ha cercato di mostrare in un video pubblicato mercoledì sera. Il fatto che nell’ospedale ci fossero armi contraddice Hamas, che accusa Israele di “propaganda a buon mercato”.

Israele afferma che quattro persone sono state uccise in uno scontro a fuoco prima del raid. Secondo l’esercito israeliano, le truppe sono accompagnate da interpreti arabi e da squadre mediche che hanno fornito rifornimenti ai pazienti e al personale ospedaliero rimasto lì.

Tutto dal quotidiano americano Washington Post L’agenzia di stampa Reuters ha riferito, sulla base di una conversazione telefonica con un medico, che ci sono stati scontri a fuoco ed esplosioni nelle vicinanze dell’ospedale. Secondo lo stesso medico, anche un carro armato è entrato nel complesso dell’ospedale. Infine, il canale di notizie arabo Al Jazeera ha riferito che circa duecento palestinesi sarebbero detenuti nel cortile dell’ospedale.

Si dice che l’attacco sia continuato per tutto mercoledì, anche se per tutta la giornata c’è stata molta incertezza sulla situazione all’interno e nei dintorni dell’ospedale.

Perché Israele ha attaccato un ospedale?

Negli ultimi giorni l’ospedale è stato un bersaglio dell’esercito israeliano, le cui condizioni sono precarie: un’unità di terapia intensiva danneggiata dai bombardamenti, elettricità e carburante insufficienti per far funzionare tutte le attrezzature, nessun accesso all’acqua pulita e bambini prematuri che vengono non può raggiungere l’ospedale. Non ha più incubatrici. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato martedì, dopo aver perso ogni contatto con il personale ospedaliero, che l’ospedale Shifa “non funziona più come ospedale”.

Il fatto che Israele abbia invaso l’ospedale nonostante la terribile situazione è perché afferma di avere informazioni convincenti sul fatto che Hamas abbia istituito un centro di comando sotto il comando di Shifa. Anche il governo degli Stati Uniti, alleato di Israele, afferma di averne le prove. Il movimento lo nega.

È certo che Hamas ha utilizzato l’ospedale nelle guerre precedenti, ad esempio per tenere conferenze stampa. Amnesty International ha dimostrato in un rapporto che Hamas ha utilizzato parti dell’ospedale per arrestare, torturare e uccidere persone durante la guerra del 2014.

Israele ha oltrepassato la linea rossa con l’attacco?

Il diritto internazionale della guerra è chiaro: gli obiettivi civili non possono essere attaccati. “Anche alcuni obiettivi civili, come dighe, ponti, obiettivi culturali, centrali nucleari e ospedali, godono di una protezione speciale”, afferma il professore di diritto bellico Chris de Kock (VUB/UGent). “Anche se questo diritto non è assoluto.”

Gli attacchi contro obiettivi civili sono consentiti a condizioni molto rigorose. “Se la parte avversa utilizzasse un simile ospedale per scopi militari, ciò potrebbe significare che i beni civili potrebbero ancora essere considerati beni militari”, afferma Marieke Paes, esperta di diritto di guerra presso la Croce Rossa belga nelle Fiandre. “Nota: ciò non significa che l’attacco all’ospedale sia immediatamente giustificato”.

Prima che un simile attacco possa essere giustificato, la parte attaccante deve porsi tre domande. Primo: l’attacco all’ospedale fornisce un vantaggio militare oppure no? Secondo: quali precauzioni si possono prendere per prevenire danni collaterali? Terzo: se ciò non può essere evitato, come si può effettuare l’attacco in modo che il danno sia il minimo possibile?

“Il fatto che Israele abbia menzionato un’operazione di terra mirata suggerisce che essa non costituisce necessariamente una violazione del diritto internazionale di guerra”, afferma de Kock. “Sulla base delle informazioni attuali è praticamente impossibile fare affermazioni conclusive”, afferma il professore di diritto internazionale Jan Waters (Università di Lovanio). Anche altri esperti con cui abbiamo parlato erano sulla stessa lunghezza d’onda.

Qual è la risposta all’attacco?

Quasi tutte le organizzazioni internazionali condannano l’attacco all’ospedale palestinese. L’Organizzazione mondiale della sanità ha definito l’attacco “del tutto inaccettabile” e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato di avere domande sulle “tragiche morti” avvenute in ospedale.

Mercoledì anche il governo degli Stati Uniti ha mostrato immediatamente una certa moderazione. Nella sua risposta iniziale ha affermato che “gli ospedali e i pazienti devono essere protetti”. La Casa Bianca ha detto di non approvare l’attacco.

In ogni caso, l’invasione di un ospedale è una questione delicata e può costituire un punto di svolta nella guerra, soprattutto se l’esercito israeliano non è in grado di fornire prove convincenti che dimostrino che Hamas fosse effettivamente attivo nell’ospedale. “Al contrario, anche il sostegno a Hamas potrebbe crollare se queste prove venissero alla luce”, afferma il professore di diritto internazionale Stephen DeWolf (UAntwerp).

READ  Due missili sono stati lanciati contro l'ambasciata americana in Iraq dopo l'accordo di Biden con il primo ministro iracheno | Notizia