QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le autorità locali hanno riferito che l’Azerbaigian ha lanciato attacchi contro la regione contesa del Nagorno-Karabakh, uccidendo diversi civili.

Le autorità locali hanno riferito che l’Azerbaigian ha lanciato attacchi contro la regione contesa del Nagorno-Karabakh, uccidendo diversi civili.

Nagorno-Karabakh: di cosa tratta il conflitto?

Il conflitto sulla regione del Nagorno-Karabakh fu il risultato del crollo dell’Unione Sovietica all’inizio degli anni ’90. Come altre ex repubbliche sovietiche, Armenia e Azerbaigian hanno dichiarato la loro indipendenza.

È subito scoppiata una disputa sul Nagorno-Karabakh, una regione situata all’interno dell’Azerbaigian, ma abitata prevalentemente da armeni. Alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, la guerra uccise migliaia di persone, durante la quale l’Armenia riuscì a occupare il Nagorno-Karabakh e un corridoio verso l’Armenia. Nel 1994 venne raggiunto un cessate il fuoco, ma il conflitto rimase dormiente.

Nel 2020, il conflitto è scoppiato di nuovo quando l’esercito azero ha invaso gran parte del Nagorno-Karabakh. Dopo sei settimane di guerra e la morte di 6.500 persone, fu raggiunto un cessate il fuoco mediato dalla Russia, con l’Armenia che conservava circa la metà del Nagorno-Karabakh. Questa regione è collegata all’Armenia solo attraverso uno stretto corridoio, il Corridoio Lachin.

La Russia controlla il corridoio. È presente nella regione come mediatore, ma ora si occupa soprattutto della guerra in Ucraina. L’Azerbaigian ha chiuso questo corridoio dalla fine dello scorso anno, tagliando cibo e medicine alla popolazione del Nagorno-Karabakh. L’assedio aumentò i timori di una nuova escalation.

READ  Nazionale femminile pakistana tra le vittime del disastro navale italiano: 'Cerca una vita migliore per suo figlio'