QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le donne hanno maggiori probabilità di sopravvivere a una sparatoria rispetto agli uomini, anche se subiscono lesioni uguali

Le donne hanno maggiori probabilità di sopravvivere a una sparatoria rispetto agli uomini, anche se subiscono lesioni uguali

La violenza armata è un grosso problema negli Stati Uniti. Costa molte vite ogni anno. Le donne hanno meno probabilità di essere vittime rispetto agli uomini, ma una nuova sorprendente ricerca mostra che se vengono uccise, hanno maggiori probabilità di sopravvivere, anche se le loro ferite sono altrettanto gravi.

Gli scienziati hanno analizzato sette anni di dati provenienti da un database medico statunitense. Oltre al fatto che le donne muoiono meno se vengono colpite da uno o più proiettili, soffrono anche meno di complicazioni mediche dopo il ricovero ospedaliero. In genere se la passano meglio se diventano vittime di violenza armata.

Possibilità del 2000% in più
Gli Stati Uniti hanno una statistica tragica: hanno molte più vittime di armi da fuoco rispetto ad altri paesi sviluppati. Negli ultimi anni non vi è stato alcun miglioramento nei numeri. Infatti, ogni anno negli Stati Uniti muoiono più persone a causa di sparatorie rispetto all’anno precedente. Le donne in America hanno 21 volte più probabilità di morire a causa della violenza armata rispetto a qualsiasi altro paese occidentale. Tuttavia, fino ad ora non era chiaro se la gravità delle lesioni o gli esiti medici differissero tra uomini e donne. I ricercatori affermano che si sa poco sulle possibili differenze nei fattori sottostanti.

Differenze sorprendenti tra i sessi
Per ottenere maggiore chiarezza su questo argomento, gli statistici hanno estratto quanti più dettagli possibili Database nazionale sui traumi degli Stati Uniti Che contiene i dati medici di tutte le vittime adulte di armi da fuoco tra il 2013 e il 2019. Il team ha confrontato uomini e donne in base al background, alla salute simile, alla natura e alla gravità delle lesioni e all’assicurazione sanitaria per trovare differenze nella mortalità e negli esiti medici dopo il ricovero.

READ  La malattia di Parkinson è la malattia cerebrale in più rapida crescita nel mondo

Durante lo studio, quasi 200.000 persone sono state ricoverate in ospedale a causa della violenza armata. Quasi il 90 per cento di loro erano uomini. Nello studio quasi tutte le 23.379 donne sono state abbinate ai loro colleghi maschi. Le donne erano generalmente più anziane: la loro età media era di 32 anni mentre quella degli uomini era di 29 anni. Inoltre avevano maggiori probabilità di essere bianchi (45 contro 33%) e meno propensi ad avere un’assicurazione sanitaria (24 contro 33%). Colpisce anche il fatto che problemi di salute di fondo, come l’ipertensione, il diabete e i problemi respiratori (BPCO), siano presenti, almeno con la stessa frequenza.

Meno possibilità di complicazioni
I dati per uomini e donne sono stati confrontati individualmente. È emerso che le donne avevano meno probabilità di morire a causa delle ferite riportate rispetto agli uomini: 18,5% contro 20%. Avevano anche meno probabilità di soffrire di complicazioni mediche, come coaguli di sangue o sintomi di astinenza, e le donne dovevano usare un ventilatore meno spesso.

Anche quando gli analisti hanno esaminato solo determinati gruppi di età o si sono concentrati su un particolare tipo di infortunio, le differenze tra uomini e donne sono rimaste. Ciò significa che esiste un “vantaggio di sopravvivenza statisticamente significativo per le donne vittime di violenza armata rispetto agli uomini, nonostante lo stato medico simile”, hanno detto i ricercatori.

Coagulazione del sangue e ormoni sessuali
Ci sono una serie di spiegazioni plausibili secondo il team. Il sangue delle donne generalmente si coagula più velocemente e l’estrogeno, l’ormone sessuale femminile, probabilmente aumenta la risposta immunitaria del corpo, mentre l’ormone sessuale maschile, il testosterone, sembra rallentare in qualche modo il sistema immunitario. Gli effetti positivi degli estrogeni sulla guarigione delle ferite sono più forti nelle donne che non sono ancora entrate in menopausa. La quantità di ormoni sessuali nelle vittime probabilmente gioca un ruolo importante nella differenza tra uomini e donne.

READ  "Ora che sono in menopausa, le mie emicranie sono peggiorate."

I ricercatori avvertono che i criteri di collegamento dello studio non includevano una serie di fattori potenzialmente rilevanti. Non c’erano nemmeno informazioni sulla causa della morte o sul numero di vittime di armi da fuoco morte prima di essere ricoverate in ospedale. Tuttavia, il team conclude: “Nonostante le carenze, possiamo affermare chiaramente che le donne americane ricoverate in ospedale con ferite derivanti dalla violenza armata, “Grato.” meno spesso e stanno in media meglio dopo il ricovero rispetto agli uomini.