QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le élite militari “siloviki” mettono Putin in un difficile dilemma | Guerra tra Ucraina e Russia

Non ci sono solo aspri combattimenti sul campo di battaglia ucraino, ma anche una battaglia tra gruppi di interesse nazionali in Russia. Putin ha un disperato bisogno del loro sostegno e deve accontentarli tutti, ma al momento non riesce a farlo. Soprattutto i “siloviki” – un’élite militare con una potente base di potere propria – gli presentano un difficile dilemma.

Secondo l’Istituto per lo studio della guerra (ISW), ci sono attualmente tre attori principali tra i nazionalisti russi: blogger militari e corrispondenti di guerra, ex rappresentanti militari russi e veterani di guerra e siloviki (membri potenti dei servizi di sicurezza e militari che hanno persino cerchio interno appartengono a Putin).

Il presidente russo ha bisogno di questi tre gruppi per mantenere il potere e sta cercando di calmarlo, secondo il sito web della rivista tedesca.focalizzare‘Sulla base del rapporto ISW. I blogger militari forniscono propaganda e possono esprimere le loro opinioni alla televisione di stato. I veterani fanno campagna per le nuove reclute e svolgono quindi un ruolo importante nella mobilitazione. Da parte loro, i siloviki possono radunare le loro forze e fornire così la potenza di fuoco necessaria sul campo di battaglia.

Il fronte unitario crolla

Ma in mezzo al crescente malcontento per il corso della guerra in Ucraina, i gruppi nazionalisti non formano più un fronte unito, ma sono sempre più critici l’uno verso l’altro. Soprattutto di recente Sconfitta nella città strategicamente importante di Liman I nazionalisti giocano separatamente:

Siloviki, guidato dal leader ceceno Ramzan Kadyrov e Yevgeny Prigozhin, fondatore del famigerato gruppo paramilitare Wagner, ha attaccato il comandante Alexander Lapin nel distretto militare centrale, e quindi anche Sergei Shoigu, che è vicino a Putin. Il ministro della Difesa è accusato di aver condotto una guerra all’antica. I veterani vengono anche attaccati verbalmente da siloviki.

READ  Merkel chiede che la democrazia sia difesa dall'odio e dalle fake news durante l'addio | All'estero

Vladimir Putin in una conversazione con il suo ministro della Difesa Sergei Shoigu. © AP

Ma i blogger militari si accalcano dietro a Lapin. Pertanto, il presidente russo si trova di fronte a un serio dilemma. Deve fare amicizia con Ramzan Kadyrov e Yevgeny Prigozhin perché ha bisogno delle loro unità ben addestrate sul campo di battaglia. Ma lo stesso vale anche per il Ministero della Difesa, che gestisce la stragrande maggioranza delle truppe e fornisce supporto politico interno.

Il presidente russo Vladimir Putin

Il presidente russo Vladimir Putin © AP

un eroe

Secondo l’istituto, Kadyrov e Prigozhin non sono stati incolpati per il loro attacco verbale. Invece, Putin ha cercato di incolpare il comandante del distretto militare occidentale del disastro di Lyman. Questo comandante, Alexander Zhuravlev, fu immediatamente sostituito. D’altra parte, i blogger militari che erano molto critici nei confronti di Alexander Lapin gli hanno permesso di essere rappresentato dalla televisione russa come un eroe, come l’uomo che ha salvato le unità Lyman in fuga.

Ma questo non risolve ancora tutto. I blogger militari stanno ancora discutendo tra loro ei corrispondenti di guerra ora sono più critici nei confronti dei siloviki.

I veterani, invece, non discutono tra loro, ma la loro rabbia è rivolta a Putin per aver dichiarato troppo tardi a loro avviso la parziale mobilitazione militare.

L’ISW conclude che “un nazionalista russo diviso potrebbe avere forti conseguenze politiche interne – e forse persino indebolire la stabilità del regime di Putin”. Putin non può servire allo stesso modo gli interessi di tutti i gruppi.

Perché l’esercito ucraino deve i suoi recenti successi? “Non ci vorrà molto comunque.” (+)

Putin rafforza la minaccia nucleare: “L’Occidente cammina sul filo del rasoio, dobbiamo prenderlo sul serio” (+)


recensione anche: Robin Rammakers: “I bombardamenti continuano qui”