QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le società di telecomunicazioni europee chiedono soldi ai consumatori di dati Facebook, Google e Netflix |  Internet

Le società di telecomunicazioni europee chiedono soldi ai consumatori di dati Facebook, Google e Netflix | Internet

Dieci anni fa, le società di telecomunicazioni chiedevano già il contributo delle aziende tecnologiche che causano così tanto consumo di dati. All’epoca si temeva l’emergere di un Internet a due velocità, che sarebbe stato in contraddizione con il principio di neutralità della rete che l’Europa voleva difendere.

Ma un cambio di rotta sembra imminente. Intervenendo al Mobile World Congress di Barcellona, ​​​​una delle principali fiere mondiali delle telecomunicazioni, il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton ha affermato oggi che l’UE dovrebbe pensare a nuovi modi per migliorare le reti di telecomunicazioni, anche se ciò significa che i giganti della tecnologia hanno contribuire.

“Dobbiamo trovare un modello di finanziamento per ingenti investimenti, distribuiti equamente rispettando gli elementi fondamentali della nostra legislazione europea”, ha affermato il commissario europeo francese. A Barcellona, ​​​​Britton sarà in contatto con il CEO di Netflix Greg Peters, tra gli altri.

Secondo la first lady del gruppo di telecomunicazioni francese Orange, Christelle Heidemann, gli operatori di telecomunicazioni costano 15 miliardi di euro all’anno per elaborare il volume di dati dei cinque maggiori servizi online. Insieme rappresenteranno circa il 55% del traffico dati.

READ  Google introduce lo strumento AI in grado di creare video a 768p da testo - IT Pro - News