QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’eccessiva fiducia dei militari metterà fine al successo degli Houthi?

L’eccessiva fiducia dei militari metterà fine al successo degli Houthi?

Per la seconda volta, le forze britanniche e americane hanno bombardato obiettivi Houthi nello Yemen. Gli Houthi hanno sopravvalutato la loro forza attaccando le navi commerciali nel Mar Rosso? Oppure sono rivali dell’alleanza occidentale?

Bruno Strois

Mentre la guerra a Gaza continua, il conflitto con gli Houthi nello Yemen continua ad intensificarsi. Lunedì gli stati membri dell'Unione Europea hanno raggiunto un accordo su una missione militare per mettere in sicurezza le navi nel Mar Rosso, ma i dettagli concreti non saranno raggiunti prima di febbraio. Il Belgio vuole inviare la fregata Louise Marie. Nel frattempo, gli Stati Uniti e il Regno Unito continuano a prendere di mira gli Houthi nello stesso Yemen.

Gli Houthi, soprannome del movimento Ansar Allah, hanno firmato un accordo di cessate il fuoco con l’Arabia Saudita nel 2022 dopo una lunga guerra. Da allora controllano una parte importante dello Yemen, dove vive circa l’80% della popolazione. Non male per quello che un tempo era un clan religioso sciita nello Yemen settentrionale. L’eccessiva fiducia dei militari metterà fine a questo successo?

Centro commerciale

Il 19 novembre si sono messi al centro dell’attenzione internazionale dirottando una nave da trasporto, ma soprattutto non si sono fermati lì. Da allora hanno effettuato più di trenta altri attacchi a varie navi.

Il Mar Rosso è un importante centro commerciale, attraverso il quale passa il 15% del commercio globale. Pertanto, dopo i precedenti avvertimenti, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno risposto con attacchi a magazzini, strutture di lancio missilistico e siti di osservazione nello Yemen. Anche Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi hanno sostenuto la campagna.

Tuttavia, quasi tutti gli analisti concordano sul fatto che gli Houthi ne abbiano tenuto conto, o addirittura lo abbiano pianificato. La conclusione generale è che se il gruppo riesce a sopravvivere a decenni di combattimenti e ai pesanti bombardamenti sauditi, potrà sopravvivere anche a questo.

“Stanno correndo un rischio calcolato, che nella loro logica di una rivolta militare sarebbe stato il passo logico successivo per ottenere legittimità”, afferma il politologo belga-iraniano Elie Mansouri. Inoltre, esiste un obiettivo strategico più ampio. Come Hamas, la loro ideologia di resistenza mira a rompere la barriera di inaccessibilità all’Occidente e a Israele.

Ufficialmente, gli Houthi affermano di farlo per solidarietà con i palestinesi di Gaza e per costringerli a porre fine alla guerra lì, ma ci sono anche altri motivi interni. Il gruppo Houthi è cresciuto fino a diventare un movimento politico a causa dell’insoddisfazione per l’invasione americana dell’Iraq. Dopo la Primavera Araba, si trasformò in un gruppo ribelle che ottenne un grande successo nel rovesciare il governo centrale di Sanaa. Sono diventati più popolari grazie alla loro opposizione alla campagna saudita volta a ristabilire l’ordine nel paese.

Successivamente, stabilire una politica stabile, ricostruire il paese e pagare i salari si è rivelato più difficile. L'esempio più evidente è lo sciopero dell'estate scorsa da parte degli insegnanti, che non ricevono lo stipendio da sette anni. In tempo di guerra questo era ancora accettabile, ma ora non più.

“Giorni felici per Khamenei”

Per invertire il loro declino di popolarità, gli Houthi sono tornati a ciò che sanno fare meglio: combattere da una posizione di svantaggio. Allo stesso tempo, il gruppo potrebbe assumere un posto più dominante nella rete filo-iraniana. Le loro azioni potrebbero quindi dipendere dall’approvazione pubblica del Grande Ayatollah Khamenei. Sui suoi siti di social media sono apparsi diversi messaggi che lodavano gli “yemeniti” perché “hanno inferto un duro colpo alle arterie vitali dell’entità sionista”.

“Questi sono giorni importanti per Khamenei”, dice Mansouri. “Oltre al sostegno militare e finanziario, l’Iran determina anche la retorica politica dell’IRGC. L’Iran sta facendo tutto il possibile affinché tutti i gruppi continuino a usare la stessa retorica, siano essi gli Houthi, Hamas, Hezbollah o le milizie in Iraq.

Questa retorica è antiamericana, antimperialista e antiebraica. La bandiera del movimento Houthi reca lo slogan: “Dio è grande, morte all’America, morte a Israele, maledizione sugli ebrei e vittoria per l’Islam”.

L'esercito americano è convinto che l'Iran sia direttamente coinvolto negli attacchi alle navi commerciali, fornendo attrezzature militari e informazioni sul passaggio delle petroliere. “È la Guardia Rivoluzionaria che dirige e organizza qualcosa di simile, con il permesso di Khamenei”, dice Mansouri.

“Non impunemente”

Un portavoce degli Houthi ha già affermato che le ritorsioni statunitensi e britanniche “non rimarranno senza risposta o impunite”. Una conseguenza dell’intervento occidentale è che per gli Houthi le navi israeliane ora non sono solo obiettivi legittimi, ma anche interessi americani o britannici. Martedì il primo ministro britannico Rishi Sunak ha immediatamente risposto che il Regno Unito non esiterebbe a rispondere a nuovi attacchi. Tuttavia, al momento ci sono poche possibilità che inglesi e americani lo facciano Fino in fondo contro gli Houthi e porre fine alla loro vittoriosa avanzata.

Il contagio della guerra di Gaza al resto della regione è esattamente ciò che l’Iran vuole e che gli americani vogliono evitare. L’operazione Prosperity Sentinel esiste per proteggere le navi nel Mar Rosso, attraverso contrattacchi mirati e, a differenza degli Houthi, gli Stati Uniti stanno cercando di separare il più possibile questa operazione dalla guerra a Gaza. John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha detto in precedenza: “Non stiamo cercando la guerra, e non stiamo cercando di permetterne la diffusione”.

READ  Il Consiglio di Sicurezza e i membri delle Nazioni Unite condannano l’attacco russo al di fuori