QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L'Italia intende sparare a 24 orsi dopo l'attacco mortale |  All'estero

L'Italia intende sparare a 24 orsi dopo l'attacco mortale | All'estero

Il governo della provincia italiana del Trentino ha proposto un disegno di legge per abbattere un massimo di 24 orsi nei prossimi tre anni. Il disegno di legge arriva dopo che diversi escursionisti sono stati attaccati dagli orsi. C'è stata anche una vittima.

Secondo la Giunta provinciale dell'Italia settentrionale, ogni anno per i prossimi tre anni potranno essere abbattuti al massimo due femmine, due maschi e quattro cuccioli. La proposta del presidente della provincia di Trento, Maurizio Fugati, è stata approvata dal parlamento provinciale alla fine della scorsa settimana.

“Tutela della popolazione locale”

Secondo Fugati, la principale preoccupazione del governo è proteggere la popolazione locale dalla crescente popolazione di orsi. “L'obiettivo è avere gli strumenti per intervenire rapidamente contro orsi e lupi per garantire la sicurezza delle persone e degli allevamenti”, ha affermato durante la presentazione del disegno di legge. Il presidente ritiene che la popolazione di orsi debba essere preservata e per questo cita un rapporto dell'ISPRA, l'istituto italiano di ricerca ambientale. Secondo il rapporto, la rimozione di un massimo di otto orsi all’anno non rappresenta un rischio per l’intera popolazione.

Andrea Papi, 26 anni, è stato sbranato dall'orso “JJ4” durante una corsa all'inizio di aprile 2023. Non è sopravvissuto all'attacco. © Notizie fotografiche

Ucciso durante la fuga

Il divieto degli orsi arriva quasi un anno dopo l’attacco mortale ad Andrea Bobby. Poppy, 26 anni, è stata sbranata dall'allora diciassettenne orso “JJ4” durante una corsa all'inizio di aprile 2023. JJ4 ha colpito le masse tre anni fa, nel giugno 2020. Padre e figlio Miseroni sono usciti illesi.

READ  Cucinare per una vacanza in Italia, frutta e verde in tavola

Dopo la morte di Andrea Papi, la Giunta provinciale del Trentino ha ordinato la cattura e la distruzione di JJ4 insieme ad altri due orsi “problematici”. Alla fine il giudice ha sospeso la pena di morte e gli orsi hanno dovuto trovare un'altra soluzione.

Il sentiero battuto di Bobby.
Il sentiero battuto di Bobby. © Notizie fotografiche

Il Consiglio di Stato approva la decisione del giudice locale. La LAV vuole trasferire gli orsi problematici in Romania, ma la provincia del Trentino lo blocca.

è stato trovato morto

Intanto due dei tre orsi condannati a morte in provincia sono stati trovati morti nei boschi del Trentino. Le autopsie hanno rivelato che gli orsi non erano stati avvelenati e che non c'erano proiettili nei corpi degli orsi. Potrebbero essere vittime di altri attacchi di orsi.

Un anno fruttuoso

Alla fine degli anni '90 l'orso bruno è stato reintrodotto in Trentino, una regione montuosa del nord Italia. Dieci orsi nati in Slovenia sono stati poi liberati in Trentino, e il numero degli orsi adulti è oggi stimato intorno al centinaio. Il 2022 è stato un anno particolarmente prolifico, quando sono nati 25 cuccioli.

Segnale di avvertimento in Trentino.
Segnale di avvertimento in Trentino. © Notizie fotografiche

i problemi

I problemi sono causati dalla rapida crescita della popolazione. L'habitat degli orsi si sta avvicinando ai villaggi della zona. Gli orsi si stanno abituando alle persone e stanno entrando sempre più nelle aree popolate.

Secondo le organizzazioni animaliste la legge non rappresenta una soluzione per ridurre il numero di orsi bruni in Trentino di un massimo di 24 individui nei prossimi tre anni. Veramente; Secondo loro è incostituzionale. “La Provincia del Trentino non ha fatto nulla per proteggere gli alpinisti e gli animali, pensando solo in termini di uccisioni, il che è contrario all'articolo 9 della Costituzione, che obbliga il governo a proteggere la biodiversità”, afferma l'Organizzazione internazionale per la conservazione, Organizzazione Internationale. Protezione Animali. animali. “Vogliamo informare la provincia che l'orso è una specie protetta e continueremo la lotta attraverso i canali adeguati”.

READ  Mondiali Mancini, cronaca di calcio e grandi storie perché l'Italia è perfetta