QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia si sveglia: l’UE sta uccidendo la Ferrari?

Il governo italiano si rende improvvisamente conto che le sue fabbriche, come i marchi automobilistici Ferrari, Maserati e Lamborghini, saranno spazzate via in 15 anni dai programmi climatici dell’UE. Dopotutto, la commissione non ha pietà per le piccole case automobilistiche. L’Italia è costretta a impegnarsi in un dibattito emotivamente aperto.

Divieto di combustibili fossili

Decisione dell’Unione Europea il 14 luglio 2021 Se Bandire tutte le auto a combustibili fossili. Le auto a benzina e diesel (motori a combustione interna o ICE) – se fino alla Commissione Europea – dovrebbero scomparire dagli showroom europei prima del 2035. Entro il 2050, tutte le emissioni dovrebbero essere ridotte a zero nell’UE. Le case automobilistiche sono già impegnate a produrre sempre più auto elettriche e a basso consumo di carburante, ma c’è stata un’eccezione per i marchi che assemblano meno di diecimila veicoli all’anno.

Tutti i campanelli d’allarme sono suonati quando il governo italiano del primo ministro Mario Draghi si è reso conto che il commissario europeo socialista olandese Fran டிois Timmermans non offriva eccezioni al nuovo piano. Il premier Draghi ha chiesto un’eccezione per i veicoli di lusso italiani di alta gamma E lunedì scorso ha ricevuto un palese “njet” dalla Commissione europea.

Progetto che avvantaggia Volkswagen

La Commissione europea sta giocando una partita alta. Secondo l’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA), il piano appare inaffidabile perché il numero delle stazioni di ricarica dovrà aumentare drasticamente, il che richiederà importanti lavori infrastrutturali. Questo è il motivo per cui la Commissione europea ha finanziato ONG di sinistra verde come Transport and the Environment (D&E) per fare pressione. Inoltre, le grandi case automobilistiche come Volkswagen non sono ostili alle proposte perché stimola il rinnovamento navale e aumenta il prezzo delle auto e quindi il fatturato. A causa delle loro dimensioni, l’elettrificazione costosa li favorisce e i concorrenti piccoli o finanziariamente deboli si mettono nei guai. Il secondo vantaggio competitivo inaspettato è che le case automobilistiche non europee sono economicamente arretrate (ad esempio a causa delle tariffe sulla CO2 e dei regolamenti UE). L’affinamento ideologico dei tecnici nella Commissione europea sarà in qualche modo ammorbidito. Ma la Commissione Europea è severa I suoi piani Gode ​​ancora del sostegno degli Stati membri dell’UE e dei governi del Parlamento europeo. Il cosiddetto ‘trilogo’.

READ  Centinaia di case sono ora in vendita in questo villaggio italiano ...

La Francia, insieme al suo vasto settore automobilistico, per lo più di proprietà statale, si è opposta al piano e ha chiesto obiettivi più clementi. “Ci sono posti importanti nell’enorme mercato automobilistico e siamo in costante dialogo con la Commissione europea”, ha affermato Roberto Cingolani, ministro italiano per i cambiamenti climatici. Per coincidenza, Cingolani era un amministratore non esecutivo della Ferrari. Singolani ha affermato che i colloqui sono già in corso con il sostegno di altri Stati membri dell’UE. “Questo è un problema di politica globale”. Secondo Cingolani, aggiunge rapidamente diplomaticamente che “c’è la consapevolezza che c’è una forte domanda di movimento elettrico”.

Il governo di Roma ha chiesto più tempo per passare da un piccolo motore a benzina a una piccola centrale elettrica. Per la Commissione Europea non conta il patrimonio economico, nazionale o industriale. “Vorrei sottolineare che tutti i produttori devono contribuire alla riduzione delle emissioni”, ha affermato un portavoce della Commissione europea.

Autonomia industriale

Tuttavia, il governo italiano ha indicato una questione molto importante. Dipendenza da batterie straniere. Cingolani sostiene che il passaggio alle versioni elettriche delle Ferrari o di altre auto sportive richiede una tecnologia specifica. Affidarsi a batterie straniere impedisce la crescita e la produzione di tali auto. Singolani afferma che acquisire autonomia per un Paese basato su batterie ad alte prestazioni è un passo importante. Ha citato l’annuncio del governo francese del 28 giugno.

Il governo francese vuole mettere a punto un piano Costruzione di una Gigafactory per la produzione di batterie su larga scala presso il Dou Dou Gate franco-fiammingo. Sebbene questo sia effettivamente sostenuto dallo stato, il governo Macron spera di aiutare l’investitore cinese Envision con il Green Deal e il denaro europeo della Corona. I cinesi di Envision stanno investendo attraverso la loro controllata giapponese AESC 2 miliardi per rifornire Renault di batterie. Dopotutto, Renault ha problemi a costruire batterie affidabili. E una deforestazione in Francia per immagazzinare 3700 auto elettriche da un progetto fallito Pollor Autolip Della città di Parigi.

Chip Baker deve salvare la Ferrari

Gli investimenti nella conversione delle fabbriche automobilistiche in auto elettriche sono completamente non redditizi per l’astronomia e le piccole imprese. La Ferrari ha venduto 9.100 auto nel 2020. Lamborghini ha venduto 7.400 veicoli.

READ  Italia 3-67 Inghilterra: rose rosse per la finale del Sei Nazioni femminile

L’ex amministratore delegato ad interim John Elcon non ha annunciato la prima Ferrari elettrica entro il 2025 fino all’inizio del 2021. Porsche Automobile Holding SE D’altra parte, vende un teacon completamente elettrico dal 2019. Benedetto Vigna, 52 anni, ha iniziato come amministratore delegato della Ferrari il 1 settembre, quindi deve affrontare una sfida significativa. Ex direttore STMicroelectronics NV In precedenza, Apple era a capo della divisione chip che forniva sensori per i sistemi di navigazione su iPhone e auto.

La Ferrari potrebbe presto rilasciare un’auto elettrica entro il 2025, secondo la banca di investimento statunitense Goldman Sachs. Lo scorso giugno, Goldman Sachs ha consigliato di non investire in Ferrari perché il detonatore nell’UE è stato distrutto. Alla Borsa di Milano il titolo è subito sceso del 4%.

La fase proposta deve ancora essere approvata dagli Stati membri e dal Parlamento europeo. Questo processo può richiedere fino a due anni. Senza l’aiuto di Bruxelles sarebbe finita con la Ferrari. A Maranello nessuno della Ferrari ha voluto commentare. Il destino della Ferrari sarà molto probabilmente marchiato da una grande casa automobilistica dopo il 2030, mentre attacca la famosa armatura con il cavallo all’auto elettrica rossa con la batteria cinese.