QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo standard più rigoroso per l’azoto non ha effetto immediato …

Gli standard per le emissioni di azoto si stanno restringendo nelle Fiandre. Il ministro fiammingo dell’Ambiente Saturn Demir (N-VA) ha distribuito nuove linee guida su questo argomento. Secondo il ministro dell’Agricoltura Hilde Krivitz (CD&V), “Il programma non avrà un impatto immediato sul bestiame”.

La nuova direttiva è richiesta dopo un verdetto Il Permit Dispute Board ha abolito il regime temporaneo di azoto.

Le nuove linee guida sono più rigorose. Al provvedimento è stato applicato un minimo del 5%: il progetto che ha aumentato il problema dell’azoto in una riserva naturale di oltre il 5% non è stato in grado di ottenere un permesso.

Le nuove soglie sono molto più basse: per le emissioni di ammoniaca (allevamento di bestiame e lavorazione del letame), la soglia è dello 0 per cento. Per gli ossidi di azoto (industria e trasporti) il minimo è dell’1%. Il governo fiammingo è convinto che “il 90 per cento dei progetti industriali attualmente in preparazione” possa essere realizzato.

Le nuove linee guida sono temporanee per evitare l’incertezza giuridica per i progetti esistenti. Il governo avrebbe dovuto mettere in atto un quadro definitivo sull’azoto entro la fine di quest’anno. “Le istruzioni chiariscono che le Fiandre saranno molto attente nel concedere i permessi se ci sarà un impatto sul problema dell’azoto”, afferma il comunicato stampa di Saturn Demir.

Le nuove direttive arrivano dopo intense trattative. Perché intendono la politica Grande sfida. L’agricoltura e il traffico sono i principali responsabili dei composti azotati che minacciano le aree naturali delle Fiandre. Sono proprio questi settori che toccano il cuore dell’economia fiamminga e con loro stanno alcuni fili sensibili della maggioranza fiamminga. Questa realtà ha causato tensioni tra Demir e CD&V. Tradizionalmente, questo partito rappresenta gli interessi degli agricoltori.

READ  Il tribunale francese apre un'indagine su Uniqlo e la madre di Zara nel contesto del lavoro forzato uiguro | all'estero

Secondo il ministro dell’economia e dell’agricoltura Hilda Krivitz (CD&V), è importante che le istruzioni forniscano chiarezza per tutti i settori. Sebbene standard più rigorosi pongono certamente “grandi sfide” per le aziende agricole. Anche se il ministro CD&V è convinto che lo schema non avrà un impatto immediato sul bestiame. Sarà sicuramente più difficile per chi vuole espandere la propria attività o avviare una nuova società. “L’attenzione si concentrerà sulla modernizzazione delle stalle, che consentirà grandi guadagni per suini e pollame, ad esempio, in termini di riduzione delle emissioni”, afferma Krivitz.

Voka, la rete aziendale fiamminga, ha risposto con “soddisfazione” alla decisione di oggi. Secondo la rete aziendale, i permessi sono stati evitati, almeno temporaneamente. Voka insiste per un definitivo assestamento del profilo di azoto entro la fine di quest’anno.

Senza certezza giuridica, i piani di investimento saranno compromessi. In questi tempi di ripresa economica, dobbiamo fare tutto il possibile per attrarre e mantenere gli investimenti. Questo è il motivo per cui è urgentemente necessario un piano definitivo per l’azoto.