QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo stratagemma della Shell per continuare a importare petrolio russo mentre il gigante petrolifero afferma il contrario

Shell ha annunciato all’inizio di marzo che avrebbe smesso di acquistare petrolio greggio russo sul mercato spot. Un mese dopo, si è scoperto che il gigante petrolifero stava ancora acquistando petrolio russo. Tuttavia, tecnicamente parlando, l’azienda non sta mentendo.

L’8 marzo, meno di due settimane dopo l’inizio della guerra in Ucraina, la Shell ha annunciato che avrebbe sospeso tutti i suoi acquisti a pronti di greggio. nel mercato russo Ho smesso. Il gruppo si è persino scusato per aver acquistato ulteriore petrolio russo con un enorme sconto nell’Europa orientale poco dopo l’inizio della guerra.

Non tutto il petrolio russo è russo

Tuttavia, notiamo che una parte significativa del petrolio che Shell acquista proviene ancora dalla Russia. Il 49,9 per cento del petrolio in barili è di origine russa. L’altro 50,1 per cento ottiene il colosso petrolifero da altri paesi. Grazie a questa combinazione, Shell può dire che il petrolio in quei barili non proviene da un paese dell’Europa orientale.

Sebbene alcuni possano ritenere questo ingiusto, l’approccio è chiaramente indicato nei termini del nuovo contratto di Shell. Il gruppo ha scritto: “Le merci sono considerate di origine russa se sono fabbricate nella Federazione Russa o se il 50 percento o più del loro contenuto (in volume) è costituito da materiali fabbricati nella Federazione Russa”.

Bloomberg Spiega che l’olio commercializzato dalla Shell si chiama “miscela Lettonia”. Il petrolio russo proviene da Primosrk (vicino a San Pietroburgo) e viene spedito al porto di Ventspils in Lettonia con un grande terminal petrolifero e capacità di stoccaggio. È qui che avviene la miscelazione.

READ  I sindacati intendono lavorare nelle aziende chimiche

perfettamente legale

Ciò che fa Shell è anche perfettamente legale. Non dimentichiamo che l’Unione Europea (ancora?) il divieto Metti su petrolio russo, né su gas russo† Se Shell lo desidera, il gruppo può continuare a vendere il 100% di gas russo.

Non tutti i giganti del settore seguono l’esempio di Shell. TotalEnergies, ad esempio, garantisce che nessuna spedizione arriverà “in tutto o in parte” dalla Russia. Lo stesso vale per Repsol.

Tuttavia, questo caso mostra due cose: l'”autopunizione” deve essere affrontata con estrema cautela, e se c’è un vero divieto politico, ci sono davvero molte scappatoie da aggirare. Nel frattempo, la Russia continua a riempire il suo tesoro.

ns)