QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L'organizzazione dell'Eurovision Song Contest non prevede di escludere Israele: “È un evento non politico” | musica

musicaGli organizzatori dell'Eurovision Song Contest non risponderanno alle richieste di escludere Israele dalla prossima edizione a causa della guerra nella Striscia di Gaza. La partecipazione del Paese non è in dubbio. “L'Unione europea di radiodiffusione (EBU) è impegnata a garantire che il festival rimanga un evento apolitico che unisce il pubblico di tutto il mondo con la musica”, ha affermato giovedì l'organizzazione.

Le autorità responsabili hanno esaminato l'elenco dei partecipanti e hanno confermato che Israele soddisfaceva tutti i requisiti per la partecipazione. “L'Unione europea di radiodiffusione si unisce ad altre organizzazioni internazionali, comprese federazioni sportive, federazioni e altri organismi internazionali, che hanno mantenuto la loro posizione globale nei confronti dei partecipanti israeliani alle principali competizioni in questo momento”, si legge nella dichiarazione.

L'Unione europea di radiodiffusione dichiara pertanto che l'Eurovision Song Contest è un evento tra emittenti partecipanti e non tra paesi. “Si tratta di una competizione per le emittenti – non per i governi – e l'emittente pubblica israeliana partecipa al festival da cinquant'anni. L'Unione europea di radiodiffusione è impegnata a garantire che l'Eurovision Song Contest rimanga un evento apolitico che unisce il pubblico di tutto il mondo attraverso la musica.

Petizione contro la partecipazione israeliana

Nelle ultime settimane, però, in diversi Paesi e sui social media si sono levate critiche a causa della guerra nella Striscia di Gaza. Ci sono state richieste diffuse per la messa al bando di Israele quest’anno. In Finlandia, un gruppo di 1.300 musicisti ha firmato una petizione contro la partecipazione di Israele all'Eurovision Song Contest. L'International Eurovision Fan Club in Islanda ha lanciato un appello a non partecipare all'evento musicale se parteciperà anche Israele.

READ  In Pictures - Il fotografo belga Bart Heinen mostra la vita quotidiana dei genitori gay e dei loro figli

Le proteste sono state molto intense al Melodi Grand Prix 2024. Le manifestazioni si sono svolte fuori dallo studio prima degli spettacoli. La seconda semifinale è stata brutalmente interrotta da un manifestante durante la diretta. Durante una delle interviste, è apparsa sullo schermo portando la bandiera palestinese e una maglietta con la scritta “Boicotta Israele”. “C'è una guerra in corso e possiamo fare di più. La Norvegia deve fare di più”, ha detto.La sera stessa sono scoppiate altre proteste all'ingresso dello studio.

(Leggi di più sotto il post)


La 68esima edizione dell'Eurovision Song Contest si terrà quest'anno in Svezia, dopo che la cantante Lauren ha vinto l'anno scorso con la canzone ” Tattoo “. La finale del festival è prevista per l'11 maggio a Malmö. All'inizio di dicembre l'EBU ha già pubblicato l'elenco dei partecipanti, in collaborazione con la KAN Israel. Mosti entrerà in carica per il nostro Paese.

Leggi anche

Joost Klein va all'Eurovision Song Contest per i Paesi Bassi: “Un sogno diventato realtà”

Musti, 32 anni, rappresenterà il nostro Paese all'Eurovision Song Contest nel 2024

Il vincitore dell'Eurovision detronizza i Måneskin con il successo di Spotify di ” Tattoo “