QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lukas Dhont vince il Gran Premio di Cannes con ‘Close’

Il regista svedese Robin Ostlund ha vinto la sua seconda Palma d’Oro con “Il triangolo del dolore”. La lista dei riconoscimenti era già belga, con premi per Lucas Dönt e i fratelli Darden, Charlotte Vandermerch e Felix van Groningen.

Il film belga “Close” diretto da Lukas Dhont ha vinto il premio Golden Palm. Sarebbe stato il primo film fiammingo a ricevere questo premio. Ma alla fine, la giuria, guidata dall’attore francese Vincent Lyndon, ha ceduto al brano “Triangle of Sorrow” del regista svedese Robin Ostlund, che ha segnato due gol di fila dopo la palma d’oro per la piazza.

Questa volta l’ironia non era ambientata nel mondo dell’arte, ma nel mondo dei ricchi. Il luogo è uno yacht, dove una coppia di influencer finisce tra trafficanti d’armi britannici, un oligarca russo e un capitano marxista ubriaco, interpretato dall’attore hollywoodiano Woody Harrelson. Ostlund è ancora un uomo di idee, ma sembra più che mai desideroso di trovare un vasto pubblico per i suoi film. Non c’è niente di sbagliato in questo, ma gli avvistamenti di vomito durante la mungitura lasciano ancora un cattivo retrogusto.


Il vincitore del Gold Award svedese Robin Ostlund

Foto: Agence France-Presse

L’incoronazione di questa Palma d’Oro è un film di pubblico appassionato, che ha avuto molte risate anche a Cannes. Ma alle cerimonie di premiazione, era evidente che era Donut a conquistare l’amore del pubblico. Non torna a casa a mani vuote: lui e il suo giovane rappresentante, Eden Dambrin, hanno potuto salire sul podio del Gran Premio, che è quasi una medaglia d’argento. Deve condividerlo con “The Stars at Noon” di Claire Dennis, che l’ha persino fischiata.

Vai agli Oscar

In un eloquente ringraziamento in francese, Donut si è rivolto a sua madre, che gli ha spiegato l’impatto che il cinema può avere. “Sono qui grazie a te, perché mi hai aiutato a trovare la mia voce e a connettermi con gli altri attraverso i film. Negli ultimi anni, abbiamo dovuto allontanarci dai nostri cari per proteggerli. Mi rendo conto dell’importanza dei miei amici e quanto hanno bisogno di loro. Dedico questo film ai miei amici da cui sono stato lontano, ma li considero ancora i miei vicini”.

Poi ha spiegato perché stava facendo un lavoro “stretto”. “Mi sono reso conto che siamo così abituati alle immagini di uomini che combattono principalmente, non uomini che sostengono. Quindi ho voluto fare un film sulla tenerezza, con immagini di ragazzi che si abbracciano, liberi dagli occhi degli altri. Essere deboli non è debolezza. Se permetti agli altri di avvicinarsi, puoi diventare La fragilità è una grande forza. Dedico questo film alla tenerezza e al coraggio di chi preferisce l’amore alla paura. tenersi l’un l’altro

In ogni caso, il Gran Premio è un traguardo notevole per un regista di 31 anni che ha girato solo il suo secondo film. Quattro anni fa, ha suscitato scalpore a Cannes con Girl, che ha portato a casa il premio per il miglior debutto. Ora può guardare una versione in cui è stato dichiarato uno dei preferiti dai media mainstream ed è stato girato con cinque stelle Guardiano† Ciò significa un enorme impulso per portare il film nei cinema di tutta Europa. Nel nostro paese era già stato selezionato come film di apertura del Fest Gent, poco prima della sua uscita nelle sale belghe il 2 novembre.

New York Times Vede già il potenziale dell’Oscar per Close, in parte perché l’Academy è sensibile ai film incentrati sulle emozioni. I produttori Michiel Dhont e Dirk Impens sono riusciti a siglare un accordo con A24, che non è solo il marchio di qualità leader per il cinema d’autore negli Stati Uniti, ma può anche pompare un sacco di dollari e potenza in esso. La compagnia ha vinto l’Academy Award per il miglior film con Moonlight, che ha anche prodotto da sola.

asini

La scelta del “Triangolo della Tristezza” sembra essere un pessimo compromesso per la giuria che sembra aver avuto difficoltà a raggiungere il consenso. La giuria ha assegnato due volte un pareggio e ha ottenuto dal direttore del festival Thierry Frémaux il permesso di creare un nuovo premio una tantum in onore della 75a edizione del festival. Undici dei diciannove film hanno ricevuto un premio alla fine. La debolezza di una giuria divisa che non è riuscita a raggiungere un consenso. Ciò è perfettamente in linea con l’accoglienza riservata dalla stampa a questo festival: le opinioni sono completamente divergenti su ogni film di quest’anno.

Lukas Dhont vince il Gran Premio di Cannes con 'Close'


Felix van Groningen e Charlotte Vandermersch

Foto: Agence France-Presse

Peccato che tre di questi premi vadano a registi belgi. Fai James Foe. Charlotte Vandermerch e Felix van Groningen sono stati autorizzati a parlare una volta che Jerzy Skolimowski si è vantato del suo film di successo “Eu”. “Avevamo anche due asini”, ha commentato van Groningen, sottolineando quanto fossero speciali per il fatto che, come duo diretto dal Belgio, sono stati in grado di girare il film italiano Le otto montagne. Per Vandermeersch è stato il suo debutto alla regia. “Volevamo fare un film che parlasse della vita in tutta la sua fragilità ma anche della sua forza”, ha detto. “Penso, Felix, siamo stati forti anche nel fare questo film”.

E poi lo baciò profondamente ed espresse il suo amore per lei. Insieme a Paolo Cognetti, autore del libro che hanno trasformato in un film, ha anche ringraziato il figlio Rufus “per l’amore e la pazienza con noi”.

Lukas Dhont vince il Gran Premio di Cannes con 'Close'


Foto: Reuters

Fornaio di Besançon

Un premio unico è stato creato appositamente per i fratelli Darden. I Dardenne semplicemente non possono mancare sui palmi delle mani, poiché sono stati un appuntamento fisso sin dalla loro prima Palma d’Oro al “Rosetta”. Il premio in onore dell’Edizione 75° Anniversario è andato a “Tori et Lokita”, due immigrati minori africani. In un toccante dramma, i fratelli Darden affrontano il fenomeno dei minori non accompagnati.

Luc Dardenne ha dedicato il suo film a Stéphane Ravaclet, un fornaio di Besançon, in Francia. “Quando stavamo girando questo film, nel gennaio 2021, c’era un fornaio a Besançon che ha fatto lo sciopero della fame per 12 giorni in modo che il suo apprendista non venisse espulso dalla Francia perché era un ragazzo africano della Guinea”.

Quest’anno è stato eccezionalmente bello vedere come il vasto talento belga sia riuscito a prosperare nel mondo del cinema negli ultimi anni. Il premio principale del concorso Un Certain Regard, ad esempio, è stato assegnato al film francese “Les pires”, in cui Johan Heldenbergh ha avuto un ruolo importante. Il premio per il miglior debutto è andato a “War pony”, un film americano diretto da Gina Gammell e Riley Keough, la nipote di Elvis Presley. Il produttore dietro è il candidato all’Oscar Bert Hamlink con la società di produzione belga Caviar.

Il 75° Festival di Cannes premiato

  • Palma d’oro: Il triangolo del dolore, Robin Ostlund
  • Gran Premio: “Close” di Lukas Dhont in ex aequo con “The stars at mezzogiorno” di Claire Denis
  • Premio della Giuria: “Le otto montagne”, Charlotte Vandermeersch e Felix van Groeningen in parità con Eo, Jerzy Skolimowski
  • miglior attore: Canzone Kang Ho, “Broker”
  • Migliore attrice: Visita Amir Ibrahimi per il film “Holy Spider”
  • direzione: Park Chan-wook, “Decisione di andarsene”
  • Scenario: “Un ragazzo dal cielo” Tariq Saleh
  • Premio 75° Festival: Jean-Pierre e Luc Dardenne, “Tori et Lokita”
  • Cortometraggio Palma d’oro: “Soffio d’acqua”, Jianying Chen
  • Palma d’oro: Forest Whitaker e Tom Cruise
  • macchina fotografica d’oro “Guerra dei pony”, Gina Gammell, Riley Keough
  • Premio Un Certain Regard: “Les Peres”, Liz Akoca, Romain Gerrit
READ  SBS6 perde oltre 1 milione di spettatori dopo aver interrotto Today Inside