QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L'UMC di Amsterdam ha istituito un centro speciale per raccogliere il lavoro relativo ai membri

Quattordici laboratori lavorano insieme all'ORCAU

Gli organoidi sono colture cellulari tridimensionali complesse che negli ultimi anni sono diventate sempre più importanti nella ricerca medica. Per evitare che tutti i gruppi di ricerca reinventino la stessa ruota, l’Università di Medicina di Amsterdam ha ora creato un centro speciale per raccogliere lavori relativi agli organoidi: ORCAU.
“Le iscrizioni sono assolutamente calde e in corso!” Martin Bijlsma, ricercatore presso il Laboratorio di Medicina Molecolare Sperimentale dell'Università di Medicina di Amsterdam, racconta semplicemente le cose come stanno. “Fondamentalmente si tratta di questo”, spiega Bijlsma. “Le cellule staminali di un particolare organo, che può ancora crescere in molte direzioni diverse, vengono poste in una provetta con la giusta nutrizione e i giusti 'fattori di crescita'. Lì vengono lasciate crescere in una sorta di matrice di tessuto connettivo. Questo La matrice permette alle cellule di formare “Una struttura tridimensionale complessa, con molte delle proprietà fondamentali dell'organo da cui sono state prelevate le cellule staminali. Quindi col tempo si ottiene una sorta di organo, un organoide”.

Non una copia letterale di un vero organo
Come per tutto ciò che è “caldo e in corso”, Bijlsma avverte che anche qui ci sono malintesi. “Non bisogna immaginare che un organoide del genere sia letteralmente una minuscola copia di un organo reale. Se si utilizza una cellula staminale prelevata da un cuore, per così dire, all'improvviso non c'è più un cuore che batte completamente sul fondo di una provetta.” L'organoide è essenzialmente una coltura cellulare, come la conosciamo da molto tempo in biologia.Un tipo di coltura cellulare molto complessa e promettente!

READ  Il membro dell'Assemblea Ramdien (VHP) trasferito a Paramaribo - Dagblad Suriname

Per evitare associazioni errate, Bijlsma preferisce parlare di “tumori” nel caso delle sue ricerche sulla cura del cancro. “Nel nostro laboratorio, coltiviamo copie non di organi, ma di tumori, dall'esofago e dal pancreas e anche dal colon in pazienti affetti da cancro. Quindi spariamo diversi farmaci su questi tumori per vedere se hanno un effetto sul tumore in questione in quel paziente.

Bijlsma sottolinea che prima che gli organoidi o i tumori vengano utilizzati in questo modo nella clinica in un lontano futuro, saranno già molto utili in laboratorio. “Lì stanno letteralmente salvando la vita agli animali da laboratorio. Prima o poi, i potenziali nuovi farmaci dovranno essere testati, prima sugli animali da laboratorio e poi anche sui pazienti. Questo di solito è vero, ma in alcuni casi lo è esagerato.” Il mio specializzando ha ancora La ricerca scientifica ha spesso la reazione tradizionale di voler vedere un risultato confermato “in vivo”, cioè in un organismo vivente, prima di dare il permesso di pubblicare. In alcuni di questi casi, un organoide o un tumore può rappresentare un’ottima alternativa a un animale da laboratorio.

Ma sembra esserci anche un piccolo problema: il tumore in sé non è al 100% “privo di animali”. Bijlsma: “Il modello che usiamo ancora per far crescere le cellule in una struttura 3D proviene anche dal tessuto tumorale di un animale da laboratorio. Ma un animale da laboratorio fornisce tessuto sufficiente per creare un gran numero di modelli. Nel complesso, i tumori salvano effettivamente la vita di un gran numero di topi da laboratorio.”».

Quattordici laboratori lavorano insieme all'ORCAU
Il Laboratorio di Medicina Molecolare Sperimentale ha recentemente avviato una collaborazione con altri dipartimenti dell'Università di Medicina di Amsterdam che conducono ricerche su organoidi o tumori. Quattordici laboratori stanno già lavorando insieme presso il Centro medico universitario di Amsterdam, o ORCAU in breve. Bijlsma è entusiasta di questa partnership. “Soprattutto con questa tecnologia relativamente nuova, c'è la tendenza di tutti a reinventare la ruota da soli, ma nel frattempo tutti cadono nelle stesse trappole. Puoi evitare che ciò accada condividendo le esperienze. È anche una buona idea allentare le aspettative per quanto riguarda le appartenenze in una certa misura “, ritiene Bijlsma. “Questo nuovo metodo di coltura cellulare offre una maggiore diversità nelle cellule che si ottengono nella provetta. Ma allo stesso tempo anche la cosiddetta eterogeneità è limitata. Né queste complesse colture cellulari sono diventate improvvisamente l’alfa e l’omega della ricerca sul cancro.

READ  Differenze significative nelle motivazioni di uscita dei dipendenti che lasciano il settore sanitario

Il ricercatore spera che la cooperazione non si fermi agli attuali quattordici laboratori. “Più esperienza raccogliamo, meglio è.” A questo proposito Bijlsma ha anche desideri specifici. “Penso che ci sia ancora molto margine di miglioramento se elaboriamo ricette specifiche anche per altri organi. Ad esempio, il pancreas è costituito da dotti o “condotti” e cellule “acinari”, dove vengono prodotti gli enzimi digestivi. Ma quelli Le cellule acinose non possono ancora essere coltivate; crescono spontaneamente in condotti in una provetta. Sarebbe bello fare ricerca sul cancro del pancreas, che ha una prognosi molto sfavorevole, se potessimo sviluppare anche lì un metodo di coltura migliore.

Questo articolo è apparso in precedenza sulla popolare rivista scientifica Janus. L'articolo completo è Qui Leggere.

fonte: UMC di Amsterdam


Parole chiave per questo articolo: