QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lunga vita a Israele.  Netanyahu: Tre condizioni per la pace tra Israele e palestinesi  Notizie VTM di Instagram

Lunga vita a Israele. Netanyahu: Tre condizioni per la pace tra Israele e palestinesi Notizie VTM di Instagram

03:15

Netanyahu pone tre condizioni per la pace tra Israele e palestinesi

Per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si tratta della distruzione del movimento islamico Hamas e della smilitarizzazione della Striscia di Gaza Condizioni di pace Nella regione. Lo scrive oggi in un articolo il Wall Street Journal. Non ha parlato di un possibile cessate il fuoco.

“Hamas deve essere distrutto, la Striscia di Gaza deve essere disarmata e l’estremismo deve essere sradicato dalla società palestinese. Queste sono le tre condizioni per raggiungere la pace tra Israele e i suoi vicini palestinesi nella Striscia di Gaza.

Secondo Netanyahu è importante distruggere Hamas “per evitare che si ripetano le atrocità del 7 ottobre”. “Qualsiasi altra garanzia garantisce più guerre e più spargimenti di sangue”, scrive. Secondo Netanyahu, Israele continua ad agire “in conformità con il diritto internazionale” e sta facendo ogni sforzo per “minimizzare il più possibile” il numero delle vittime civili tra la popolazione palestinese. Secondo Hamas finora 20.600 persone uccise a Gaza Tra loro ci sono molti civili.

“Incolpare falsamente Israele per queste vittime non farà altro che incoraggiare Hamas e altre organizzazioni terroristiche in tutto il mondo a usare scudi umani. Per rendere inefficace questa strategia crudele e ridicola, La comunità internazionale ritiene Hamas pienamente responsabile di queste vittime. Deve rendersi conto che Israele sta combattendo una lotta più grande, che è una guerra di civiltà contro la barbarie“, continua.

Poi Netanyahu scrive che A La zona di sicurezza temporanea alla periferia della Striscia di Gaza E un Severi controlli al confine tra Gaza e l'Egitto Necessario per garantire che non vi siano ulteriori attacchi contro Israele. Nel prossimo futuro Israele deve mantenere la “responsabilità ultima per la sicurezza” di Gaza. “E per… popolazione Anche finalmente DeradicalizzazioneAi bambini dovrebbe essere insegnato il valore della vita, non della morte Gli imam devono smettere di predicare l’uccisione degli ebrei“, conclude il Primo Ministro.

READ  Rabbia in Egitto per le barche colorate che dovrebbero scomparire dal Nilo: 'Fa parte del nostro patrimonio' ​​| All'estero

02:17

Altro allarme missilistico in Israele

L'esercito israeliano ha detto che un altro allarme missilistico è stato lanciato in Israele da lunedì notte a martedì. Specialmente in Aree vicine alla Striscia di Gaza Suonavano le sirene.

Un sito web israeliano che fornisce aggiornamenti in tempo reale sugli allarmi missilistici ha confermato le informazioni dell'esercito.

L'esercito israeliano sì Operazioni contro il movimento islamico Hamas nella Striscia di GazaCiò è avvenuto dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu ha annunciato che Israele “intensficherà i combattimenti nei prossimi giorni”. Netanyahu ha parlato di una lunga battaglia di cui non si vede la fine.

agitazione da parte sua inaccettabile Quello Cessate il fuoco temporaneo Nella guerra chiamata A Archivio permanente. L'organizzazione islamica ha risposto ad un rapporto diffuso dai media arabi affermando che l'Egitto aveva preparato un progetto per la fine graduale della guerra.

01:15

Capo della squadra delle Nazioni Unite: Gli sfollati a Gaza non sanno dove andare

molti Palestinesi a Gaza Quello Ordini di evacuazione Dall'esercito israeliano Lui segue Ho cercato sicurezza nelle aree designate e lì l’ho trovata Pochissimo spazio rimasto In quelle enclavi densamente popolate. che ha Gemma Connell Lo ha detto lunedì. Connell è il leader della squadra umanitaria delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza.

Connell, che è a Gaza da diverse settimane, descrive ciò che vede lì come “scacchiera umana Migliaia di palestinesi, che hanno lasciato un posto più volte, sono ora costretti a fuggire di nuovo senza alcuna garanzia che saranno al sicuro in un'altra destinazione.

“Le persone si sono trasferite a sud con materassi e tutti i loro averi, in camioncini, camion e automobili, cercando di trovare un posto sicuro”, ha detto Connell, che lunedì ha visitato il quartiere centrale di Deir al-Balah, a Gaza. che ha parlato”. C'è così poco spazio rimasto qui a Rafah che la gente non sa dove andare. Le persone fuggono da una zona all'altra. Ma lì non sono al sicuro“.

READ  L'Iran viola le condizioni del nuovo accordo nucleare e Washington parla di "provocazioni" | Iran

Lunedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che intensificherà la lotta contro il movimento palestinese di Hamas. Ha sottolineato che “la guerra sarà lunga e non è destinata a finire”.

Rifugiati a Rafah vicino ad una tenda improvvisata e ad uno stendibiancheria. © Agenzia France-Presse

23:40
Ieri

Israele uccide un importante generale iraniano in Siria

Israele ha ucciso un alto comandante della Guardia rivoluzionaria iraniana in un attacco aereo nella vicina Siria. Secondo i media iraniani, l’uomo morto, Radhi Mousavi, era uno dei consiglieri militari più esperti dell’alleato siriano.

L'agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA ha riferito che il comandante è stato ucciso “durante un attacco lanciato dal regime sionista” vicino alla capitale siriana, Damasco. In risposta, la Guardia rivoluzionaria iraniana annunciò che avrebbe reagito contro Israele: “Il regime sionista pagherà sicuramente il prezzo del martirio del nostro consigliere militare di lunga data”. L'esercito israeliano ha rifiutato di commentare.

Asse di resistenza
Siria e Iran sono considerati gli acerrimi nemici di Israele. Si dice che Mousavi abbia coordinato la cooperazione militare. La televisione statale iraniana ha interrotto i notiziari regolari per pubblicare un servizio speciale sulla morte del generale.

Israele attacca regolarmente obiettivi in ​​Siria per impedire all’Iran di espandere la sua influenza militare lì. L’Iran, insieme alla Russia, è il più importante alleato del governo siriano. Per il regime iraniano di Teheran, la Siria fa parte del cosiddetto asse della resistenza nella guerra contro Israele, insieme all’organizzazione sciita Hezbollah in Libano. Tuttavia, Teheran sostiene sempre che l’IRGC è attivo in Siria solo come consigliere militare e non è direttamente coinvolto nella guerra civile.

    Il signor Radhi Mousavi (a sinistra) qui con il maggiore generale iraniano Qassem Soleimani, ucciso dagli Stati Uniti alcuni anni fa.
Il signor Radhi Mousavi (a sinistra) qui con il maggiore generale iraniano Qassem Soleimani, ucciso dagli Stati Uniti alcuni anni fa. © tramite Reuters

23:39
Ieri

Netanyahu viene messo a tacere dalle famiglie degli ostaggi

READ  La preoccupazione di USA e UE per i movimenti delle truppe russe al confine...

Lunedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato fortemente criticato durante un discorso in parlamento dalle famiglie degli ostaggi tenuti nella Striscia di Gaza dall'inizio della guerra contro Hamas ottanta giorni fa.

“adesso adesso!” I genitori degli ostaggi hanno cantato più di una volta durante il discorso. Nella lettera Netanyahu cerca di spiegare che l’esercito israeliano ha bisogno di “più tempo” per liberare gli ostaggi. Intanto continuano le operazioni a Gaza. Dall'inizio dell'offensiva di terra alla fine di ottobre sono stati uccisi 156 soldati israeliani.

Il cessate il fuoco durato una settimana e terminato il 1° dicembre ha contribuito a garantire il rilascio di 105 ostaggi, 80 dei quali sono stati rilasciati in cambio di 240 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Nella Striscia di Gaza sono ancora detenuti 129 ostaggi.

sforzi
“E se fosse tuo figlio?” “80 giorni, ogni minuto è un inferno”, recitava uno striscione innalzato dalle famiglie delle vittime in parlamento, dove si stava svolgendo una sessione speciale sugli ostaggi.

Netanyahu ha sottolineato che non verrà fatto alcuno sforzo per liberare gli ostaggi, ma ha detto che ciò potrà essere fatto solo continuando ad esercitare pressioni militari. Ha aggiunto: “Non dobbiamo porre fine alla guerra finché non avremo sconfitto coloro che vogliono le nostre vite”. “Non ci fermeremo per la vittoria”

Nel corso del sanguinoso attacco sferrato da Hamas sul territorio israeliano il 7 ottobre, sono state prese in ostaggio 250 persone. L'attacco stesso ha ucciso circa 1.140 persone, la maggior parte delle quali civili. Dall’inizio dell’offensiva israeliana in risposta a questo attacco, Hamas afferma che almeno 20.674 persone sono state uccise a Gaza, la maggior parte delle quali donne, bambini e adolescenti.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. © Agenzia France-Presse