QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Malati o topi con l’HIV: la scienza vuole sapere dove Omicron è riuscito a bollire inosservato

Mentre il mondo lotta con la variante omikron, rimane un’importante domanda senza risposta: da dove viene effettivamente questo mutante? E come possiamo ridurre il rischio che il virus faccia di nuovo questo trucco?

Dieter de Klein

Ora ci concentriamo principalmente sul controllo delle successive onde corona, osserva la virologa olandese Marion Koopmans (Erasmus MC). Ma è importante, secondo Koopmans, calmare il mare da cui provengono quelle onde. Ciò significa anche limitare il più possibile la progressione delle varianti virali problematiche.

Era chiaro fin dall’inizio che Omicron non era un discendente diretto di Delta. “Sembra che uno degli antenati dell’omicron si sia staccato da qualche parte a metà del 2020, ma sia improvvisamente riemerso con più di cinquanta mutazioni”, afferma lo specialista in malattie infettive Linos Vandekerckhove (UGent). Quindi il virus deve essere in grado di evaporare da qualche parte inosservato.

Omikron è apparso per la prima volta sui radar in Botswana e in Sud Africa alla fine di novembre. Un’ipotesi è che il virus sia stato in grado di diffondersi a lungo in un’area scarsamente sorvegliata. Il virologo tedesco Christian Drosten dice che sta pensando a un paese in Sud Africa Scienza, ma non tanto per il Sudafrica stesso, perché lì il virus viene monitorato da vicino. Altri esperti si chiedono se esistano luoghi così isolati che il virus possa svilupparsi indisturbato per molto tempo senza suonare campanelli d’allarme. “Questa sembra essere l’ipotesi meno probabile”, dice Vandekerckhove.

Paziente HIV

Secondo molti esperti, è probabile che l’omicron si sia manifestato dopo una lunga permanenza in un paziente con un sistema immunitario indebolito, come un paziente HIV non trattato. “Il sistema immunitario è quindi troppo debole per eliminare rapidamente il virus, ma ancora abbastanza forte da inviarlo in un modo o nell’altro”, afferma Vandekerckhove. Non ci sono prove evidenti di ciò nel caso di omikron. Sarebbe molto difficile trovare un cosiddetto “paziente zero”, afferma Vandekerckhove e diversi risultati di ricerca puntano in questa direzione.

“Mentre una persona sana elimina il virus entro 6-10 giorni, può rimanere per diversi mesi nelle persone con un’immunità indebolita”, afferma Vandekerckhove. Durante quel periodo, le mutazioni possono accumularsi a una velocità accelerata giocando a ping pong con il sistema immunitario. I ricercatori sudafricani hanno dimostrato come un coronavirus che è stato nel corpo di un paziente HIV per sei mesi ha acquisito mutazioni che gli consentono di eludere l’immunità dopo la vaccinazione o l’infezione. Inoltre, il virus ha mostrato sorprendenti somiglianze con Omicron. “Questa è una ragione ragionevole per sviluppare Omicron”, ha affermato il ricercatore Richard Lessels (Università di KwaZulu-Natal) sull’argomento. Financial Times.

Ci sono variabili da Corona?DM immagine

Non solo i pazienti HIV non trattati hanno un sistema immunitario mal funzionante. Alcune altre malattie, la chemioterapia, il trattamento dei reumatismi o i farmaci che sopprimono il sistema immunitario dopo il trapianto hanno lo stesso effetto. All’inizio della primavera del 2021, il team di Vandekerkoff ha fatto una scoperta sorprendente quando ha isolato il virus dal corpo di un malato di cancro deceduto. “Abbiamo trovato mutazioni che in seguito abbiamo visto nelle varianti di interesse come alfa e beta, anche prima che queste varianti fossero coinvolte”, afferma Vandekerckhove. Ricercatori britannici hanno riportato processi simili in un paziente con leucemia. “Sappiamo che le persone immunocompromesse sono un potenziale serbatoio per nuove varianti”, afferma Vandekerckhove.

Aiutare la mano dai topi o dalla medicina?

Il fatto che Omicron sia così diverso da quello che abbiamo visto finora porta alcuni scienziati a sospettare che il virus possa aver risieduto temporaneamente in altre specie animali. Scienziati cinesi hanno recentemente riferito che gli omicron hanno cambiamenti genetici che si trovano quasi sempre in diversi tipi di virus che infettano i topi, ma sono rari nelle varianti umane.

L’analisi, che non è stata ancora sottoposta a revisione paritaria, conclude: “I nostri risultati indicano che l’introduzione dell’omcron ha fatto il salto dall’uomo ai topi e le mutazioni si sono accumulate rapidamente lì, per poi tornare agli esseri umani”. Scienziati britannici hanno anche recentemente concluso che l’omcron ha una maggiore capacità di infettare gli animali rispetto alle varianti precedenti. “Ma la variante si lega meglio non solo ai recettori presenti nelle cellule dei topi, ma anche alle cellule umane”, afferma il ricercatore Dalan Bailey (Pirbright Institute). “Questo rende difficile trarre conclusioni da questo”.

Non ci sono prove definitive di un viaggio attraverso i confini delle specie. “Dovresti cercare i precursori del virus nei roditori”, afferma il virologo Guido Vanham (Istituto di medicina tropicale). Anche se sappiamo che SARS-CoV-2 è perfettamente in grado di saltare dall’uomo all’animale e viceversa. L’anno scorso, è stato scoperto che il coronavirus infetta i visoni e torna negli esseri umani dopo aver raccolto una serie di mutazioni. Ciò ha comportato l’esecuzione di massa di allevamenti di visoni.

“Ma mentre questi insetti entrano in stretto contatto con gli umani, un salto del mouse è meno evidente”, afferma Vanham. Inoltre, non è chiaro come il virus acquisirebbe mutazioni nei topi che gli permetterebbero di eludere l’immunità umana. Entrambe le ipotesi – un passaggio intermedio per l’animale e l’evoluzione in un paziente indebolito – non si escludono a vicenda”.

Secondo il microbiologo americano William Haseltine, esiste una quarta possibilità, ovvero che noi stessi abbiamo contribuito allo sviluppo di omikron con il farmaco covid molnupiravir. Ciò fa sì che si verifichino mutazioni per prevenire la replicazione del virus. Se non prendi il farmaco in modo ottimale – una dose troppo bassa o non abbastanza a lungo – può causare la mutazione del virus, ma non andare via, secondo Haseltine.

La maggior parte degli esperti considera questa interpretazione non plausibile. “Questo è teoricamente possibile, ma mi sembra improbabile”, dice Vanham. “Non spiega perché vedresti così tante mutazioni sulla proteina della spina dorsale, che è fondamentale nell’evasione immunitaria. Considerando che ti aspetteresti che siano distribuite casualmente sotto l’influenza di molnopiravir”. Secondo Fanham, i difetti nel meccanismo d’azione del farmaco sono qualcosa che deve essere preso in considerazione se vogliamo usarlo più ampiamente. “Questo può essere pericoloso, come abbiamo imparato dall’uso imprudente degli antibiotici”.

cocktail pericoloso

Se scopriremo come è diventato omikron è discutibile. Non è stato trovato alcun “paziente zero” o origine esatta delle varianti precedenti. “Nel mezzo di una tale crisi sanitaria, c’è spesso una carenza di manodopera per condurre ulteriori ricerche sull’argomento”, afferma l’epidemiologo Brecht Engelbein (ITM). “Ci sono altre priorità allora.” Ma sappiamo già abbastanza per sapere cosa fare per ridurre il rischio di problemi con le nuove varianti. Esperti come Koopmans si sono battuti per un po’ di tempo a favore di una rete di sorveglianza globale che rilevi precocemente virus sospetti negli animali e negli esseri umani. Vandekerckhove è d’accordo, dicendo: “Dobbiamo tenere d’occhio ciò che sta succedendo nel nostro ambiente”. “Quindi possiamo rilevare variabili preoccupanti prima che causino problemi importanti”.

Inoltre, alcuni scienziati sperano che un possibile legame con pazienti affetti da HIV non trattati cambierà l’approccio a questa malattia. Solo in Sud Africa, circa due milioni di pazienti affetti da HIV non stanno ricevendo una terapia antiretrovirale. In tutta l’Africa orientale e meridionale, contano circa quattro milioni di persone. Nel mondo sono circa dieci milioni. Aggiungi a questo accesso limitato ai vaccini e alla diffusione del virus in alcune aree e otterrai un cocktail pericoloso.

“Se è qui che è nata l’origine dell’omicron, è come se il conto ci venisse dato ora perché queste persone sono state abbandonate per così tanto tempo”, afferma Vandekerckhove. “È tempo per una visione veramente globale di come affrontare questa pandemia”.

READ  Ricercatori di Anversa vicini alla medicina contro...