QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Spagna presenta un piano per considerare il Corona come un’influenza “dopo l’attuale ondata di infezione”

© BELGAIMAGE

In Spagna è in fase di finalizzazione un piano per passare a un approccio diverso al corona, in linea con quello dell’influenza. Ha scritto che questo cambiamento non si verificherà “fino a quando l’attuale ondata di inquinamento non sarà terminata”. Nazione.

Eileen Debbie

Come il resto d’Europa, la Spagna è nel mezzo di un’onda Omicron. È la sesta ondata dall’inizio della crisi, ma le restrizioni nel Paese sono molto meno stringenti di prima. Secondo il primo ministro Sanchez, questo è logico, perché nella prima ondata di Corona il tasso di mortalità era ancora del 13 per cento, mentre ora è solo dell’1 per cento.

Pertanto, il Paese si prepara a considerare Corona non più una pandemia, ma una malattia endemica dopo due anni. Nell’estate del 2020 è stato avviato un piano per il passaggio a un nuovo approccio. Questo è praticamente sul tavolo ora.

Proprio come l’influenza

In questa nuova fase, la corona è considerata una malattia come l’influenza. Invece di fare un conteggio e un rapporto giornaliero del numero di casi di coronavirus, poiché ciò è insostenibile, i numeri per un certo numero di lavori e ospedali di medico di famiglia servirebbero da campione. L’estrapolazione dei loro numeri controlla la diffusione della malattia, proprio come l’influenza.

“A causa dell’elevata infettività della variante omikron, è diventato quasi impossibile seguire i protocolli attuali”, ha affermato Amparo Larrauri del Centro Nacional de Epidemiologia. Di conseguenza, come nel nostro Paese, le regole in Spagna sulle comunicazioni ad alto rischio sono già state allentate. “Con questa nuova realtà in mente, stiamo passando dalla fase di monitoraggio generale alla fase di monitoraggio”.

essere sicuro

Il piano è quasi pronto. Ha già avviato progetti pilota nell’assistenza primaria in cinque comunità indipendenti e sta già conducendo progetti pilota negli ospedali di nove comunità. “Ma dobbiamo stare attenti, farlo a poco a poco”, ha detto il primo ministro Sanchez. Il nuovo approccio sarà introdotto “non prima della fine dell’attuale ondata di inquinamento”. Sanchez spera di raggiungere presto il suo picco. È anche qualcosa di cui dobbiamo discutere con l’intera Europa. Il nostro ministro della salute ha già informato i suoi colleghi dei nostri piani”.

Secondo Adolfo García Sastre, direttore dell’Istituto per la salute globale e i patogeni emergenti, è probabile che il virus inizi a comportarsi più come l’influenza dopo questa ondata. “Il virus sembra aver raggiunto uno stato di equilibrio, come ha fatto con il virus dell’influenza”. Il virologo attualmente monitorerà da vicino l’infezione, soprattutto per vedere quando cade, ma poi può essere rilasciato l’approccio rigoroso che è stato mantenuto per due anni.

Leggi anche. L’inviato speciale dell’Oms prevede la fine della pandemia: “Tre mesi difficili con ostacoli, ma la fine è in vista”

READ  1 giovane su 3 dall'apertura di Corona su come si sente