QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Meta sta facendo causa a un uomo che in questo momento ha clonato 350.000 profili Instagram sul proprio sito web

Società madre Facebook morto Un uomo viene citato in giudizio per aver utilizzato account Instagram automatizzati per raccogliere informazioni da 350mila persone. Successivamente ha pubblicato i dati copiati sul suo sito web. Lì, foto e video degli utenti di Instagram sono stati visti senza il loro permesso.

Meta avrebbe intrapreso più azioni contro l’uomo dall’inizio dello scorso anno. Ad esempio, l’azienda gli ha inviato una lettera chiedendogli di interrompere le sue azioni. Anche il suo accesso a Instagram e Facebook è stato bloccato più volte.

L’uomo possiede un cosiddetto sito clone. Su MyStalk, i messaggi di Instagram sono stati trasmessi da persone a loro insaputa e senza il loro permesso. Secondo Meta, le informazioni sui siti di clonazione possono essere utilizzate in modo improprio per rubare persone e questi siti minano la credibilità dei siti o dei servizi originali. Meta afferma di aver scoperto più di cento siti di clonazione nella prima metà del 2021.

Meta sta anche facendo causa a Octopus. Questa azienda vende software che consente alle persone di raccogliere dati dai Servizi stessi. Si tratta, ad esempio, di numeri di telefono, date di nascita e altri dati personali che le persone hanno inserito su Facebook e Instagram.

La casa madre di Facebook e Instagram non è soddisfatta di questo sviluppo. Secondo la società, Octopus sta violando le regole Meta Home e i diritti d’autore digitali fornendo un servizio di raccolta dati. Il programma cerca anche di farlo in modo tale da rimanere sotto il radar della Meta.