QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non tutte le parole devono essere gonfiate, ma la pronuncia di Vanderbest era imbarazzante” | Jupiler Pro League

Nella partita tra KV Mechelen e AA Gent, i nervi erano tesi lo scorso fine settimana. In una partita dal vivo, si è deciso nel turno finale delle Qualificazioni Europee che riceveranno l’ultimo biglietto europeo in questa stagione.

Ghent ha vinto, 1-2, ma poi ha dovuto fare di più su una dichiarazione fatta dall’assistente del KVM Fred Vanderbest. “Non ha mangiato o cosa?” Vanderbest ha gridato quando il giocatore di Ghent Emeka ha dato una spinta veloce al giocatore di KVM Becker.

Secondo Vanderbust, queste parole non erano per niente razziste. “Non puoi provare che le parole di Vanderbust fossero o non intendessero essere razziste”, ha detto Desers.

“Non dovremmo andare oltre e mettere ogni parola o frase sotto una lente d’ingrandimento e fare un’accusa. Ma l’affermazione era goffa. Tali questioni sono delicate in questi momenti.”

“Quindi posso immaginare che Hein Vanhaezebrouck e Vadis Odjidja abbiano interpretato l’affermazione come razzista. D’altra parte, posso anche immaginare che Vanderbiest non volesse essere razzista e che l’avrebbe detto in questo modo a Yarmchuk”.

“Siamo solo in una società in cui devi stare attento con le tue parole e dove devi pensare alla sensibilità degli altri”.

Non vuole essere razzista ma è malizioso, secondo Filip Joos che potrebbe fare bene.

“Vanderbest potrebbe non aver voluto dire che fosse razzista, ma allo stesso tempo potrebbe essere il caso della persona a cui sono state dette le parole e che questa persona ne è rimasta scioccata”.

“Penso: prenditi la responsabilità della tua mente per risolverlo poi dentro. Penso che Vanderbust si dissolva quando vede quel ragazzo seduto nel camerino. Allora ottieni qualcosa di veramente puro.”

READ  LIVE: Mechelen letale efficiente dà a Lovin un'altra pugnalata in termini di calma | Jupiler Pro League 2021/2022

“Vanderpast è spesso coinvolto in cose del genere. Quindi non beneficia del sospetto e dovrà rendersene conto da solo. Ma non si può dire con assoluta certezza che fosse un razzista”.